[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Quando la libertÓ di movimento e il diritto di asilo diventano illegali: Italia o Cuba.



Roma, 25 maggio 2005

Comunicato
Stampa
 ?Quando libertà di movimento e diritto di asilo vengono perseguiti e diventano illegali?

La condotta ?immigrazione zero ? adottata dal governo Berlusconi, mostra il dramma personale e collettivo subito dagli immigrati, a cui e' negato il diritto di asilo politico e sono rinchiusi in carcere perche' hanno scelto l?Italia come rifugio dalle guerre, dallo sfruttamento, dalla fame, ecc., originate proprio
dalle potenze economiche e militari occidentali.
Ne e' la prova l'accordo su espulsione e deportazione di
immigrati verso la Libia, la repressione  generalizzata nei confronti degli immigrati - tra cui numerosi richiedenti asilo - 
rinchiusi nei Centri di Permanenza Temporanea (CPT), di fatto vere e proprie galere.
La dichiarazione del Ministro dell?Interno Pisanu, che sostiene che il 92% delle domande d?asilo e' falso, conferma la responsabilita' politica dello stesso Ministro Pisanu e del governo Berlusconi.
Tutto cio' dimostra il fallimento della legge Bossi-Fini che vorrebbe fermare il movimento degli immigrati anche
a ?colpi di cannone?.
Di fronte a questa immigrazione permanente, il Centro Sinistra/Unione, non riesce a trovare una posizione comune nel condannare questi atti repressivi e razzisti.
Forse qualche forza politica dell'Unione non si è ancora pentita di aver approvato, qualche anno fa, la legge Turco-Napolitano.


RdB/CUB Immigrazione    



Puntocritico <puntocritico11 at virgilio.it> ha scritto:
CONTINUA LA CAMPAGNA DI CRIMINALIZZAZIONE DI CUBA
di Andrea Genovali

In questi giorni hanno destato grande impressione i fatti avvenuti a Cuba
riguardo l?espulsione dei giornalisti polacchi e italiani. Cerchiamo di
ragionarne tenendo presente il quadro complessivo dei fatti.
Il primo fatto, senza il quale non si capisce il vero senso delle azioni
cubane, è che Cuba è un paese bloccato da un embargo di oltre 40 anni e che
vive con l?unica potenza mondiale rimasta a sole poche miglia dal suo
territorio e questa potenza è da oltre 40 anni che cerca di distruggerla.
Il secondo fatto ci dice che l?ambizioso progetto del primo ?Congresso per
la democrazia a Cuba? è stato un fallimento e la flebile opposizione interna
cubana, che esiste e opera da molti anni nell?isola caraibica, ne esce
divisa. Infatti dure critiche vengono rivolte da una parte dell?opposizione
a Marta Beatriz Roque per essere stata sostenuta nell?organizzazione di
questa manifestazione dai dollari dell?ala dura dell?esilio mafioso cubano
di Miami e dai settori più reazionari del Senato americano. E a riprova di
questo stretto contatto il centinaio di aderenti a questa manifestazione
hanno ringraziato e poi inneggiato al presidente americano Bush per aver
loro inviato un messaggio di amicizia e solidarietà.
Il terzo ci dice, appunto, che il numero di persone che hanno partecipato,
da tutta Cuba, a questo congresso è stato molto inferiore anche alle attese
dei promotori che si aspettavano circa 500 persone. Il Corriere della Sera
del 21 maggio ci dice che non ci sono state retate, intimidazioni e che la
polizia cubana si è mantenuta ben lontana e che quindi chi voleva poteva
tranquillamente partecipare.
Il quarto fatto è che a Cuba l?opposizione può manifestare e lo stesso
Corriere afferma che erano presenti alla manifestazione circa 200 persone,
di cui un centinaio di
'dissidenti' e gli altri in qualità di invitati, partecipanti,
osservatori, giornalisti.
Il quinto fatto, non meno importante e che nessuno però dice è che il visto
è previsto anche per l'ingresso negli Usa e se si entra con
visto turistico per esercitare attività giornalistica si viene
espulsi, come è accaduto a Robert Menard, il capo di Reporteres
sans frontieres,solo per fare un esempio.
In ogni caso su questo avvenimento i settori più anticubani italiani in cui,
purtroppo fanno bella mostra di sé anche la sinistra moderata e
rifondazione, hanno colto l?occasione per dire che Cuba viola di diritti
umani, dimenticandosi però, soprattutto a sinistra, di dire che Cuba è uno
di quegli ?stati canaglia? che gli USA vogliono abbattere e che dopo l?Iraq
anche l?opzione dell?invasione militare torna ad essere tragicamente una
possibilità concreta. Ma soprattutto dimenticano che i diritti umani a Cuba
sono tutelati e basta semplicemente guardare le cifre e le statistiche
socio-economiche delle Nazioni Unite per capirlo.
Una campagna di criminalizzazione, dunque, ben orchestrata e funzionale agli
interessi del governo americano che ha reso pubblico un documento di 500
pagine nel quale spiega come si potrà portare la ?democrazia americana? a
Cuba e con quelle 500 pagine sono stati dispensati anche decine e decine di
milioni di dollari per rimpinguare l?opposizione filoamericana dentro Cuba e
preparare il terreno politico, attraverso i mass media, in Europa affinché
anche l?opzione militare, se del caso, possa trovare dei sostenitori nel
Vecchio continente. Una campagna utile anche per indurre l?UE a riattivare
le vergognose sanzioni verso Cuba, sospese lo scorso febbraio.
Tutto questo giustifica l?espulsione di 5 giornalisti che hanno violato le
leggi di Cuba che prevedono nello specifico le stesse misure di quelle ad
es. americane e di altri stati europei? Fino a quando Cuba sarà vittima dell
?embargo e del tentativo americano di cancellare l?esperienza rivoluzionaria
ha il diritto di difendersi e i milioni di cubani che sfilano liberamente a
fianco del proprio leader ci dicono che il governo cubano gode del consenso
della stragrande maggioranza del popolo. E questo penso sia sufficiente.

--
Mailing list Latina dell'associazione PeaceLink.
Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
Archivio messaggi: http://www.peacelink.it/webgate/latina/maillist.html
Area tematica collegata: http://italy.peacelink.org/latina
Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
http://www.peacelink.it/associazione/html/policy_generale.html


Yahoo! Mail è gratis! 1GB di spazio, Agenda, Rubrica, Antispam,
Antivirus, POP3, messaggi da 10 MB