[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Dalla Bolivia: Carovana Mayaki



A SUD Ecologia e cooperazione ONLUS

Mayaki

Azione Globale dei Popoli

Carovana Internazionale in Bolivia
11-20 ottobre 2005




Cochabamba, 18 ottobre

Con uní affollata conferenza stampa ñtenutasi la mattina del 18 ottobre
nella storica sede della îCordinadora del Agua y la Vidaî di Cochabamba -
si e' conclusa líesperienza della carovana politica internazionale ìMayakiî
in Bolivia, cominciata lo scorso 10 ottobre. Líincontro con gli organi
d'informazione eí stata líoccasione per rendere pubbliche le conclusioni
della Carovana, che si sono sviluppate nel chiaro segno della concretezza.
Nel pomeriggio, la visita a Radio Lachiwana, voce dei senza voce, progetto
che A Sud ha sviluppato dopo la prima carovana boliviana, nel 2003.

Un viaggio attraverso volti, emozioni, storie, Storia, politica,
solidarietaí, lotte sociali. Un viaggio che Mayaki, la Carovana
Internazionale partita lo scorso 10 ottobre dallíItalia, ha terminato con
soddisfazione. Ha raggiunto i suoi obbiettivi, come si Ë visto durante la
conferenza stampa finale del 18 ottobre. Ospitata nella sede della
Cordinadora del Agua y la Vida di Cochabamba, sede decisionale durante la
Guerra dellíAcqua del 2000 - la conferenza ha messo in rilievo come Mayaki
sia riuscita infatti a portare attenzione internazionale laggiuí dove le
lotte piuí coraggiose e innovative sembrano passare sotto il silenzio della
stampa mondiale.

Cíera Oscar Olivera , portavoce della Cordinadora de líAgua y la Vida e
della Cordinadora del Gas. Cíerano Giuseppe De Marzo ñ dellíAssociazione A
Sud, che parlava a nome della Carovana - e il consigliere comunale
capitolino Nunzio DíErme. E cíera il candidato al senato del MAS per
Cochabamba delle prossime elezioni presidenziali, Omar Fernandez,
autorevole voce del movimento indigeno dei ìregantesî. Una tavola
importante per la conferenza stampa conclusiva della Carovana
Internazionale, che ben riassumeva il panorama politico entro cui Mayaki si
eí mossa, con la Bolivia in uno dei pi? importanti periodi di cambiamento.
Nellíincontro con gli organi díinformazione ñ erano presenti le principali
testate del Paese, che comunque per tutto il viaggio hanno sempre seguito
la carovana con interesse - sono stati esposti i risultati ottenuti e i
progetti che si sono concretizzati in questi dieci giorni di iniziative.

1.      ìMayaki ha dimostrato che i Movimenti Sociali non sono soliî, ha
detto Oscar Olivera. La Carovana ha siglato il rafforzamento dei rapporti
fra Movimenti Sociali del Nord e del Sud del mondo, allíinsegna della
comune lotta per la difesa dei Beni Comuni e contro il neoliberismo.

2.       LíHermanamiento fra la comunitaí ribelle indigena di Achacachi e
la cittaí di Roma. A seguito dellíincontro del 13 ottobre fra le autoritaí
capitoline ñ i consiglieri comunali Nunzio DíErme e Monica Cirinnaí ñ e
quelle di Achacachi ñ e della solenne cerimonia che ne eí seguita ñ
líamministrazione comunale romana si impegna ad appoggiare la lotta per
líautodeterminazione delle comunitaí indigene ed a promuovere la mozione di
gemellaggio fra le due cittaí. ìSiamo contenti di aver costruito un ponte
invisibile ma concreto per la difesa della Madre Terraî, ha detto Nunzio
DíErme.

3.      Allíinsegna della concretezza, giaí il prossimo 23 novembre si
terraí a Roma un evento di portata mondiale, organizzato dallíassociazione
A Sud insieme alla rivista Latinoamerica e con il patrocinio della Regione
Lazio: ìLa rinascita indigenaî questo il nome dellíincontro internazionale
a cui parteciperanno numerosi leader dei movimenti indigeni sudamericani -
Luis Evelis Andrade, presidente della ONIC e Luis Macas con Blanca Chancoso
della ConfederaciÛn de Nacionalidades IndÌgenas del Ecuador CONAIE- Nobel
per la Paceñ Rigoberta Menchuí e Perez Esquivel - Oscar Olivera ed Eugenio
Rojas - sindaco di Achacachi - per i movimenti boliviani;Carlos Montemajor,
noto scrittore messicano.

4.      Impegno, a nome dei Verdi Europei, Rifondazione Comunista e
Ischierda Unida spagnola, Sinistra Europea e Comune di Roma, per
líestradizione dagli USA dellíex presidente boliviano Gonzalo Sanchez De
Lozada, accusato formalmente dellíassassinio delle vittime della Guerra del
Gas dellíottobre 2003 ed attualmente sotto protezione statunitense.

5.      In questíottica, Mayaki ha incontrato il difensore colombiano dei
diritti civili, Francisco ìPachoî Cortes, da 30 mesi agli arresti
domiciliari a La Paz in totale assenza di prove. Appoggio alla lotta di
Cortes e a quella degli altri detenuti politici e allíappello
internazionale per la sua liberazione.

6.      Impegno concreto della Carovana, che si sviluppa nellíimmediato
attraverso i dieci quotidiani e settimanali italiani facenti parte di
Mayaki per uníinformazione trasparente sui processi politici del Paese;
progetto per tre documentari e due libri sulle mobilitazioni sociali e i
movimenti boliviani degli ultimi cinque anni.

ìLa comunicacion es la comunion con los demas, para denunciar lo que duele
y compartir lo que da alegriaî. CosÏ dice Eduardo Galeano. Una frase -
contenuta sui volantini - che ben riassume lo spirito di Radio Lachiwuana,
la prima radio comunitaria ìalter-nativaî che da Cochabamba trasmette in
idioma quechua, aymara e spagnolo ed eí líunico ponte di comunicazione per
i movimenti campesini ed indigeni della zona. Progetto di A Sud - in
collaborazione con líassociazione boliviana Chajra Runa Masisñ risale alla
prima carovana in Bolivia del 2002. Un esempio concreto di come i progetti
delle carovane vengano portati a compimento. Líultima giornata boliviana di
Mayaki eí stata proprio coronata dalla visita alla sede della radio: hanno
partecipato all'incontro i portavoce dei cocaleros del Chapare e numerosi
rappresentanti indigeni e campesini di Cochabamba, che da due anni possono
comunicare efficacemente tra loro e nella loro lingua. Si sono tenuti
concerti e f! atte interviste, il tutto in diretta in ogni angolo della
campagne e della periferia cittadina. C'Ë stato l'incontro con Esteban
Garcia, il contadino cocalero che nel 2002, dopo un'incursione
dell'esercito, aveva perso la mandibola per una fucilata. Grazie agli
appoggi della carovana, era stato portato in Italia ed operato. Mayaki
vuole continuare su questa linea politica: dare forma ai sogni, sostanza
alle parole.

Cochabamba, 18 ottobre 2005

Scarica le foto

<http://www.asud.net/immagine/uploads/16__17_ottobre_111.jpg> Conferenza
stampa: Nunzio D'erme, Giuseppe De Marzo, Oscar Oliveira, Omar Fernandez

<http://www.asud.net/immagine/uploads/16__17_ottobre_121.jpg> Conferenza stampa

<http://www.asud.net/immagine/uploads/16__17_ottobre_033.jpg> Oscar
Oliveira con la maglietta simbolo della lotta contro la privatizzazione
dell'acqua a Rieti

<http://www.asud.net/immagine/uploads/16__17_ottobre_157.jpg> Radio Lachiwana



<mailto:info at asud.net >info at asud.net
Per approfondimenti:

<http://www.mayaki.tk> il sito Mayaki dei movimenti boliviani

<http://www.asud.net/home%20mayaki.htm> il sito Mayaki dei movimenti italiani


Redazione A SUD
via A. Contarini 13, 00154, Roma
<mailto:redazione at asud.net>redazione at asud.net
<http://www.asud.net/>www.asud.net
39+06/5748332

<http://www.asud.net/web3news/rimuovi.php?idut=247&email=info at peacelink.it>Se
vuoi rimuoverti da questa newsletter clicca qui !