[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

ULTIME: L’Ecuador decide il “levantamiento”



:: Selvas.org ::
Osservatorio Informativo Indipendente 
sulla Regione Andina e il continente  Latinoamericano
-----------------------------------------------------

L’Ecuador decide il “levantamiento”

Di Tancredi Tarantino Selvas.org

(Scaricabile in .pdf da http://www.selvas.org/download/brevi/Ecuador310306.pdf)

Venerdì 31 marzo 2006
Si riaccende il dibattito sulla firma del Trattato di libero commercio andino (TLC) in Ecuador. In assemblea straordinaria, si riuniranno oggi 250 dirigenti della CONAIE, la principale confederazione di organizzazioni indigene del Paese, per discutere sull’opportunità o meno di riprendere le proteste che di recente e per due settimane, hanno paralizzato, da nord a sud, l’Ecuador andino.
Questa volta, però, le popolazioni indigene intendono andare fino in fondo: chiedono che venga convocata una Assemblea Costituente, che possa rifondare uno Stato disgregato da anni di instabilità politica, preannunciando una sollevazione popolare, un levantamiento, che non avrebbe di mira soltanto le negoziazioni per il libero commercio ma lo stesso presidente Alfredo Palacio, accusato di avere tradito le aspettative di quel movimento dei forajidos che, nell’aprile dello scorso anno, lo aveva portato al potere dopo aver costretto alla fuga l’ex colonnello Lucio Gutierrez.
Da parte sua, Palacio si è riunito ieri con i vertici delle Forze Armate per prendere le contromisure che, secondo quanto denunciato da El Commercio, il più autorevole quotidiano del piccolo Paese andino, potrebbero prevedere anche l’intervento dell’esercito per impedire lo svolgimento dell’assemblea straordinaria della CONAIE. Per tale ragione, i vertici della confederazione indigena mantengono un certo riserbo sul luogo in cui realizzeranno l’incontro.
Già ieri, Humberto Cholango, leader di Ecuarunari, organizzazione che raggruppa le popolazioni autoctone delle Ande ecuadoriane, aveva denunciato l’intervento dei militari in due assemblee indigene nel sud della capitale, Quito. “È la dimostrazione che viviamo in un regime dittatoriale”, ha commentato Cholango.
Il divieto di associazione è imposto al momento in cinque province del Paese, dichiarate “in stato di emergenza” dal Presidente Palacio, con la conseguente limitazione dei diritti civili e maggiori poteri attribuiti alle Forze Armate, nonostante la situazione sia in questi giorni di relativa tranquillità. “Un Paese democratico non può essere governato con misure di emergenza e coprifuoco”, ha aggiunto Cholango, che ha chiesto a Palacio l’interruzione dello stato di emergenza. “Non cerchiamo uno scontro con il Governo ma, per impedire che il TLC venga firmato da senza che i cittadini vengano consultati – ha intimato Cholango – siamo disposti a tutto, perfino alla sollevazione popolare”.
Intanto a Washington, da una settimana, sono in corso le negoziazioni che dovrebbero portare alla firma del Trattato commerciale già siglato in precedenza da Colombia e Perù.
Un trattato che ha nel settore agricolo e nella proprietà intellettuale i due nodi ancora da sciogliere. Da una parte, gli Stati Uniti mirano all’esportazione di grandi quantità di riso e latte in polvere, dall’altra le mobilitazioni indigene fanno pressione sui negoziatori ecuadoriani, nel tentativo di tutelare dal rischio brevetti le risorse naturali ed il patrimonio genetico di una delle regioni più biodiverse al mondo.

<x-tad-smaller>Documentazione sugli ultimi eventi in Ecuador:
</x-tad-smaller>
<x-tad-smaller>http://www.selvas.org/newsEC0506.html</x-tad-smaller><x-tad-smaller>
</x-tad-smaller>
<x-tad-smaller>http://www.selvas.org/download/AD2703ATT5-05.pdf</x-tad-smaller><x-tad-smaller>
</x-tad-smaller><x-tad-smaller>http://www.selvas.org/newsEC0406.html</x-tad-smaller>
<x-tad-smaller>


</x-tad-smaller>
<x-tad-smaller>
</x-tad-smaller>

<x-tad-smaller>(Il presente articolo è utilizzabile con la citazione dell'autore e di Selvas.org</x-tad-smaller><x-tad-smaller>.)</x-tad-smaller>







------------
Associazione Culturale SELVAS.org
Osservatorio Informativo Indipendente 
sulla Regione Andina e il continente  Latinoamericano


http://www.selvas.org/ 
e-mail: info at selvas.org

OCCHI APERTI SULLE ANDE
OJOS ABIERTOS EN LOS ANDES --- ---