[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

LATINOAMERICA - Sulle carceri italiane



Riceviamo e diffondiamo notizie sulla condizione disumana e vergognosa
vissuta dai detenuti del carcere di Poggioreale, situazione comune a molte
altre carceri italiane.



da "Il Mattino", 10 luglio 2006

Dobbiamo espiare, ma non siamo bestie

Noi detenuti di Poggioreale continuiamo lo sciopero pacifico per amnistia
e indulto e per le condizioni in cui viviamo in questo stabilimento.
Noi sappiamo che dobbiamo espiare la nostra pena,
ma non possiamo espiarla come bestie.

Chiediamo i nostri diritti:

1) in una stanza di capienza di quattro detenuti ce ne sono nove;
2) per ogni stanza non può segnarsi a visita medica più di un detenuto,
se un altro detenuto sta male deve aspettare il giorno seguente;
3) se per caso viene il dottore non chiama tutte le visite mediche;
4) la mattina quando viene la conta e chiedi di segnarti a visita medica
o modello 13, il brigadiere ci chiede cosa dobbiamo fare,
noi vorremmo sapere se il brigadiere è anche dottore;
5) noi detenuti in fornitura per un mese abbiamo un litro di lisofer
diluito con acqua, un rotolo di carta igienica per ogni detenuto,
uno straccio per lavare il pavimento, lo spazzolone per lavare
il pavimento non lo abbiamo mai ricevuto, dobbiamo usare la scopa
per spazzare e lavare e, se ci sono scope, ci viene cambiata
dopo circa 3 o 4 mesi;
6) le nostre famiglie con i nostri figli stanno ore intere ad aspettare
per presentare i documenti per i colloqui, e questo vale anche
se piove a dirotto, o se c'è il sole che non si può respirare all'ombra;
7) quando ci chiamano per fare il colloquio, aspettiamo sette giorni
per un'ora di colloquio (ma in realtà taciamo per circa 45 minuti),
siamo intasati come bestie nella stalla;
8) noi chiediamo di andare dal barbiere, ma ci viene imposto
che deve andare un solo detenuto per ogni cella, se in cella ci sono
nove detenuti, l'ultimo deve aspettare nove mesi prima che arrivi
il suo turno, sempre se va tutto bene, perché a volte il barbiere
non viene proprio;
9) quando scendiamo a passeggio dovremmo fare due ore
di passeggio complessive, una al mattino e una pomeridiana,
ma in realtà noi come passeggio facciamo solo 45 minuti per turno;
10) quando facciamo domanda per lo psicologo e
l'educatrice non siamo mai chiamati;
11) quando andiamo in chiesa e, sarebbe la casa di Gesù,
non si riesce a capire se coloro che portano la parola di Dio
sono religiosi o sono guardie;
12) servizi igienici per modo di dire, perché di igienico
non c'è niente, ci sono celle nelle quali il gabinetto non funziona
e per lo sciacquone dobbiamo usare la bacinella;
13) non si può fare una doccia dopo cinque giorni stando in una
cella in nove detenuti, perché ci sono solo 2 finestre ma una
non si può aprire perché ci sono nove brande, non si respira
per il caldo e vi lascio immaginare come si suda;
14) i medicinali dobbiamo comprarceli noi, se vogliamo stare
un po' meglio, poi gli infermieri mancano totalmente di professionalità,
e non si capisce se sono guardie, guappi o infermieri;
15) le guardie quando fanno la perquisizione buttano i nostri
indumenti come stracci per tutta la stanza, quando ci arriva
il pacco del colloquio, non si sa se le nostre famiglie l'hanno
trovato nella spazzatura;
16) ci sono tv che non funzionano, dovrebbero essere cambiate,
ma ci chiedono di metterle fuori dalla cella, ma poi ci vorrebbe
molto tempo per riaverla, ci sono stanze che hanno chiesto la
sostituzione della tv da quattro mesi, ma non si è mai avuto risposta;
17) a volte non si riesce a dormire e vorresti guardare la tv,
ma in realtà viene spenta a mezzanotte, mentre negli altri
stabilimenti penali non viene spenta;
18) per quanto riguarda il vitto: il latte è diluito con l'acqua,
per nove detenuti ci danno il vitto per cinque, esempio:
in nove riceviamo per cena tre confezioni di sottilette e così
ci hanno portato della mozzarella acida, noi l'abbiamo
dovuta buttare via, e non abbiamo mangiato il secondo;
19) a passeggio sembra di essere nel deserto, non c'è acqua
e il bagno non funziona. I materassi sono da vomito e scaduti,
i cuscini mi sembrano cordoli di cemento, e c'è chi la biancheria
la tiene nelle ceste della frutta. I termosifoni servono per
arredamento, visto che d'inverno non si accendono quasi mai;
20) vi siete mai chiesti perché si uccidono tanti detenuti?
Non credo, perché bisognerebbe stare in questo inferno per capirlo.
Noi possiamo dirvi che chi si uccide ha smesso di soffrire,
perché viviamo da bestie. Sicuramente andremo in paradiso,
visto che noi all'inferno già ci siamo, siamo a Poggioreale.

_______________________________________________

 Se vuoi CANCELLARTI dalla lista di LATINOAMERICA e non
 ricevere più messaggi, clicca sull' indirizzo...

 latinoamerica-unsubscribe at giannimina.it

 ...e invia il messaggio,
 oppure copia l'indirizzo su un nuovo messaggio e invialo;
 entro pochi secondi ti arriverà un e-mail che ti chiederà
 di confermare la richiesta di cancellazione.

 ________________________________________________

 Per comunicarci le vostre richieste, impressioni, commenti:
 (tranne la cancellazione dalla lista)
 si prega di NON FARE IL REPLY AUTOMATICO
 (non rispondere automaticamente al presente messaggio)
 ma di utilizzare i seguenti indirizzi:

 Direttore Editoriale - Gianni Minà - g.mina at giannimina.it
 Direttore Responsabile - Alessandra Riccio - a.riccio at giannimina.it
 Segreteria di Redazione - Marilena Giulianetti - m.giulianetti at giannimina.it
 Amministrazione - Loredana Macchietti - l.macchietti at giannimina.it
 Abbonamenti - abbonamenti at giannimina.it
 _______________________________________________
 Il sito internet  di LATINOAMERICA e tutti i sud del mondo:
 http://www.giannimina-latinoamerica.it
 _______________________________________________