[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

LATINOAMERICA - Dalla resistenza al potere



Dal 20 al 26 marzo si è svolto a Iximché, in Guatemala, il Terzo Vertice dei Popoli 
Indigeni del Abya Yala. Puntuale per l'occasione è arrivata la relazione annuale di 
Rodolfo Stavenhagen, relatore Onu sui diritti dei popoli indigeni.

Diffondiamo il comunicato dell?Associazione per i popoli minacciati che esamina il 
rapporto Onu e la Dichiarazione di Iximché, stilata al termine del vertice.

 

 

III Vertice continentale dei Popoli Indigeni di Abya Yala:

Dalla resistenza al potere

 

Lontano dagli occhi dell'opinione pubblica mondiale e pressoché ignorato dalla stampa dei 
paesi europei, dal 26 al 30 marzo si è svolto a Iximché/Guatemala il terzo vertice dei 
popoli indigeni del Abya Yala (continente americano). Alla vigilia del vertice, che ha 
esaminato la situazione dei diritti dei popoli indigeni è arrivato anche il rapporto 
annuale di Rodolfo Stavenhagen, relatore Onu sui Diritti dei popoli indigeni. Il rapporto 
denuncia "il genocidio su piccola scala" in atto contro i popoli indigeni, "esecuzioni 
extragiudiziali, scomparse violente, torture, detenzioni arbitrarie, minacce (.) molte 
delle quali avvengono nel quadro della difesa che le comunità e le organizzazioni 
indigene fanno dei propri territori, delle risorse naturali e dei territori ancestrali", 
indicando proprio il Guatemala come il paese con il più alto indice di uccisioni e la 
rincorsa alle risorse naturali da parte delle multinazionali del petrolio, dei minerali, 
del legname e delle risorse idriche come la causa prima.

 

La denuncia di Stavenhagen, pur essendo puntuale, è anch'essa incompleta poiché tralascia 
di menzionare che la prima violazione per queste popolazioni è l'imposizione dell'odierna 
"cultura unica" che si esprime in un modello economico e di valori di riferimento 
estranei al mondo indigeno. Difatti la dichiarazione finale del vertice, la Dichiarazione 
di Iximché, si apre con la precisa denuncia della colonizzazione moderna, attuata oggi 
attraverso "l'imposizione di politiche neoliberali, chiamate globalizzazione, che 
continuano a spogliare e saccheggiare le nostre terre, appropriandosi di tutti gli spazi 
e mezzi di vita dei popoli indigeni, causando il degrado di Madre Natura, la povertà e la 
migrazione". Il vertice affronta anche "la poca volontà delle Nazioni Unite ad adottare 
la Dichiarazione dei Diritti dei Popoli Indigeni", la cui approvazione è stata ancora una 
volta rinviata nonostante sia discussa da ormai 20 anni. Ma le denunce dei popoli 
indigeni riuniti a Iximché vanno oltre e condannano le politiche di concessione 
minerarie, petrolifere, forestali e di sfruttamento dell'acqua nei territori indigeni 
perpetuate dalle istituzioni finanziarie internazionali e dai governi nazionali. 
Denunciano l'attitudine dei governi neoliberali che si oppongono alla ratifica della 
Convenzione ILO 169 e si oppongono al riconoscimento dei diritti dei popoli indigeni con 
"la militarizzazione dei territori indigeni e la criminalizzazione delle loro lotte", e 
in particolare condannano il governo USA di George W. Bush che da un lato attua una 
politica di esclusione con la costruzione del muro di frontiera con il Messico e 
dall'altro lato persegue una strategia di appropriazione dei beni della natura di tutti i 
popoli indigeni del continenti americano con "piani espansionistici e guerrafondai".

 

Per opporsi a queste massicce violazioni dei propri diritti, i popoli indigeni si sono 
proposti di rafforzare il processo organizzativo e di lotta anche grazie alla formazione 
di un comitato continentale delle nazionalità e dei popoli indigeni del Abya Yala, che 
funga da spazio di scambio di informazioni e di coordinamento delle lotte contro le 
politiche di globalizzazione neoliberali e a difesa della "madre terra, dell'acqua e di 
tutto il patrimonio naturale". L'attività di lotta dovrà essere affiancata dal lavoro di 
diplomazia indigena che oltre a lavorare per il rispetto dei diritti dei popoli indigeni 
dovrà impegnarsi anche per l'ottenimento della depenalizzazione della foglia di coca. Il 
vertice si è infine concluso con le decisioni di convocare un vertice delle donne 
indigene e l'organizzazione, per il 12 ottobre 2007, della Marcia continentale dei Popoli 
Indigeni a difesa dell'ambiente e per protestare contro i disastri ambientali e il 
riscaldamento terrestre provocato dal capitalismo neoliberale: per il vertice, è il 
momento di passare dalla resistenza al potere.

 

Dichiarazione di Iximché (in spagnolo):

<http://www.movimientos.org/enlacei/cumbre-abyayala/show_text.php3?key=9622>www.movimientos.org/enlacei/cumbre-abyayala/show_text.php3?key=9622.

 


 Se vuoi CANCELLARTI dalla lista di LATINOAMERICA e non
 ricevere più messaggi, clicca sull' indirizzo...

 latinoamerica-unsubscribe at giannimina.it

 ...e invia il messaggio,
 oppure copia l'indirizzo su un nuovo messaggio e invialo;
 entro pochi secondi ti arriverà un e-mail che ti chiederà
 di confermare la richiesta di cancellazione.

 ________________________________________________

 Per comunicarci le vostre richieste, impressioni, commenti:
 (tranne la cancellazione dalla lista)
 si prega di NON FARE IL REPLY AUTOMATICO
 (non rispondere automaticamente al presente messaggio)
 ma di utilizzare i seguenti indirizzi:

 Direttore Editoriale - Gianni Minà - g.mina at giannimina.it
 Direttore Responsabile - Alessandra Riccio - a.riccio at giannimina.it
 Segreteria di Redazione - Marilena Giulianetti - m.giulianetti at giannimina.it
 Amministrazione - Loredana Macchietti - l.macchietti at giannimina.it
 Abbonamenti - abbonamenti at giannimina.it
 _______________________________________________
 Il sito internet  di LATINOAMERICA e tutti i sud del mondo:
 http://www.giannimina-latinoamerica.it
 _______________________________________________