[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

DICHIARAZIONE DI WASHINGTON SU SCAMBIO PRIGIONIERI



DICHIARAZIONE UMANITARIA DI WASHINGTON SULLO SCAMBIO DI PRIGIONIERI
 
 
Il Centro di Diritti Umani ed Interpretazione Politica dell’Università di Santiago di Cali, in una riunione congiunta con rappresentanti di mezzi di comunicazione, personalità democratiche, giovani, donne, chiese, l’avvocato difensore di diritti umani Athemay Sterling, il dottor Julián Hoyos Salcedo ed i familiari del Deputato vallecaucano Jairo Hoyos Salcedo, il quale ha perso la vita in un tentativo di riscatto frustrato, realizzata nel Salone 2105 del Rayburn Building del Congresso degli Stati Uniti, nella città di Washington D.C., concorda con i partecipanti al Forum Internazionale per la Colombia, svoltosi il 29 giugno 2007 a Washington, in merito alle seguenti considerazioni:
 
1.     Rendiamo un sentito e profondo tributo postumo agli undici Deputati, che hanno perso la vita in un fallito tentativo militare di riscatto.
 
2.     Siamo vicini, in modo solidale, ai familiari di tutte le vittime a causa del conflitto sociale ed armato colombiano.
 
3.     Continuiamo a considerare viabile, necessario ed all’ordine del giorno l’Interscambio Umanitario tra le persone private della libertà a causa del conflitto sociale ed armato, alcune in potere dell’insorgenza delle FARC nelle selve e cordigliere, che soffrono il rigore della natura e l’incertezza per via di possibili nuovi tentativi di riscatto militare, ed altre in potere dello Stato detenute in carcere, oltre a quelle estradate per ragioni politiche.
 
4.     Con il rispetto che meritano le parti belligeranti, Governo e FARC, li sollecitiamo a propiziare le condizioni necessarie per concretizzare un accordo di carattere umanitario, immediato ed urgente, che consenta la consegna dei cadaveri degli undici Deputati del Valle del Cauca morti in un fallito tentativo di riscatto militare, così come quello dell’ufficiale Guevara. Allo stesso modo, li invitiamo a chiarire tutto ciò che concerne le persone scomparse e presuntamene uccise extragiudiziariamente.
 
5.     Per diminuire l’intensità del conflitto armato interno colombiano, non riteniamo favorevoli altri tentativi militari come quelli avvenuti e conosciuti pubblicamente e notoriamente.
 
6.     Teniamo in alta considerazione ogni forma che porti a risolvere politicamente l’attuale conflitto colombiano, posto che la guerra aggrava ed acuisce la crisi umanitaria.
 
7.     Non bastano i cosiddetti gesti unilaterali di non riconoscimento della parte avversa, c’è bisogno di capire che gli accordi sono necessariamente bilaterali o multilaterali.
 
8.     Chiamiamo al compimento nelle normative internazionali in materia di Diritti Umani e Diritto Internazionale Umanitario, sottoscritte e ratificate dalla Colombia mediante le rispettive Leggi d’Approvazione dei citati trattati che prevalgono su qualunque altra norma, come prescrivono la stessa Costituzione colombiana e la Convenzione di Vienna sui Trattati Internazionali, che obbliga lo Stato non solo alla diffusione ma al loro compimento, affinché la protezione e l’esercizio degli stessi sia reale.
 
9.     Il rispetto delle idee opposte, dei difensori e delle organizzazioni dei diritti umani che si battono per la pace e la convivenza nell’ambito del Diritto Internazionale in materia di diritti umani e del Diritto Internazionale Umanitario, i buoni costumi e valori in favore della pace, sono condizione per propiziare l’intesa.
 
10.  La ricerca di una verità giudiziaria che coincida con quella storica, l’esercizio della giustizia internazionale, la concretizzazione dell’indennizzo integrale alle vittime e la definizione di azioni affinché quelle cruente non si ripetano, sono un imperativo.
 
 
Washington, 29 giugno 2007
 
 
Athemay Sterling
 
Direttore del Centro dei Diritti Umani dell’Università di Santiago di Cali, Vicedirettore del Comitato Permanente per i Diritti Umani del dipartimento del Valle e membro della Commissione d’impulso all’Interscambio Umanitario
 
Julián Hoyos Salcedo
 
Direttore del Forum Internazionale per la Colombia a Washington
 
 
 


L'email della prossima generazione? Puoi averla con la nuova Yahoo! Mail