[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

9 agosto: Giornata Internazionale dei Popoli



A
SUD

ASUD INFORMA

9 agosto: si celebra la Giornata Internazionale dei Popoli Indigeni

Ancora lontana la firma per la Dichiarazione dei diritti dei Popoli
Indigeni. A bloccare l'accordo Stati Uniti, Colombia, Canada, Australia e
Nuova Zelanda.


Si celebra quest'anno la 14° giornata internazionale dei popoli indigeni,
indetta dalle Nazioni Unite nel 1994, per ricordare l'importanza delle
culture originarie e la necessità di difenderle dalle continue violazioni
subite e dall'incombente rischio di estinzione.

L'apporto delle popolazioni indigene all'umanità va ben oltre il folklore
delle loro tradizioni. Le culture originarie infatti rappresentano nella
storia umana il più importante esempio di rispetto per la vita e per
l'ambiente, oltre che di spiritualità e di valori non individuali ma
collettivi.

In una fase come quella attuale, in cui il pianeta è minacciato da
catastrofi naturali, guerre e dall'incedere della povertà, è quanto mai
importante riflettere sull'insegnamento proveniente dai popoli che hanno
vissuto e convissuto per migliaia di anni - in assoluta armonia - con
l'ambiente circostante, riconoscendo l'importantissimo ruolo che i popoli
indigeni svolgono nella difesa della madre terra e delle risorse naturali,
contro gli interessi economici dei governi e delle imprese transnazionali
che portano avanti uno sfruttamento irrazionale e spesso selvaggio delle
risorse disponibili.

La celebrazione della Giornata Internazionale dei Popoli Indigeni è
un'ulteriore occasione per esprimere loro, ancora una volta, il nostro
riconoscimento per le storiche lotte portate avanti in diversi angoli del
mondo. Contemporaneamente, è un'occasione per riaffermare la necessità di
dare nuovo impulso alla battaglia mondiale per il pieno riconoscimento dei
diritti di questi popoli, che continuano, per effetto del pregiudizio,
della discriminazione, dell'esclusione sociale, ad essere vittime di
continui soprusi, perpetrati in nome della cosiddetta civiltà o del mercato.

Nonostante i secoli di tradizioni, cultura, insegnamenti tramandati, i
popoli indigeni continuano infatti ad essere tra le comunità più povere ed
emarginate del pianeta.

Ancora oggi, e nonostante anni ed anni di attesa, le Nazioni Unite
continuano a rimandare la firma della sospirata Dichiarazione dei Diritti
Universali dei Popoli Indigeni, che dovrebbe ribadire e tutelare il diritto
dei popoli all'autodeterminazione, alla sovranità territoriale ed
alimentare, alla salvaguardia della cultura tradizionale. Il progetto è
attualmente bloccato per mancanza di volontà politica e per gli ostacoli
posti da Paesi come - tra gli altri - il Canada, gli USA, la Nuova Zelanda,
la Colombia e l'Australia, preoccupati delle conseguenze giuridiche che
tale dichiarazione potrebbe avere rispetto alle numerosissime ed atroci
violazioni da essi compiute contro le popolazioni indigene negli ultimi
decenni. (Š)


Leggi l'articolo completo su www.asud.net


Per informazioni o contatti con l'Associazione Asud
Para informaciones y conctactos con la Asociacion A Sud

Via Romano Calò 48, 00139 Roma

<http://www.asud.net>www.asud.net

<mailto:redazione at asud.net>redazione at asud.nettel. 0039 068803570

Se non desideri ricevere le nostre comunicazioni invia una mail vuota con
oggetto RIMUOVI a redazione at asud.net