[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: [gc] Contro-laudatio per Michelle Bachelet a Roma



 
----- Original Message -----
Sent: Tuesday, October 16, 2007 11:47 AM
Subject: [gc] Contro-laudatio per Michelle Bachelet a Roma

Contro-laudatio per Michelle Bachelet

 

michelle-bacheletOggi la presidente cilena Michelle Bachelet è a Roma, incontrerà le massime cariche dello stato, sarà elogiata da tutta la stampa nazionale e sarà chiamata ad inaugurare l'anno accademico a Roma Tre. Domani, mercoledì, riceverà a Siena una laurea Honoris Causa in Medicina. Ma merita davvero tanti onori?

di Gennaro Carotenuto

Quando lo scorso anno si sollevò l'intero mondo dell'educazione cilena, scesero in piazza perfino i bambini delle elementari, l'Università -caso unico al mondo- restò assolutamente silente. Le università cilene, giardino di delizie e di opportunità per i giovani benestanti, con un modello totalmente privatistico ed escludente tramandato da Pinochet a Bachelet, con rette stratosferiche, tra i 7-8.000 e i 15.000 Euro, restavano tranquille. Esplodevano invece le scuole medie, dove centinaia di migliaia di adolescenti sanno di essere esclusi in partenza, per censo, dagli studi superiori. E' esattamente l'opposto dell'Università pubblica e gratuita di Salvador Allende, che l'apartheid sociale voleva superare. Che modello di Università rappresenta Michelle Bachelet oggi a Roma Tre e domani a Siena? La si premia per quel modello di Università?

L'università è una cartina tornasole di una presidenza conservatrice. A un anno e mezzo dall'insediamento nel palazzo della Moneda, il sistema neoliberale alla cilena resta intatto. Lo "stile Bachelet" -pallida attenzione al progressismo e ai diritti civili e mantenimento pieno del modello economico neoliberale- si è tradotto in pochi gesti simbolici, una sconfitta politica nel tentativo di rendere legale la prescrizione della "pillola del giorno dopo" e nel pagare (causando un piccolo scandalo) con una donazione personale della Presidente la partecipazione della nazionale gay di calcio ai mondiali. Poca cosa.

In campagna elettorale la Bachelet aveva venduto una sorta di neoliberismo[1] dal volto umano. A quasi due anni di distanza, proprio educazione e salute sembrano rappresentare i due talloni d'Achille del governo. Con il programma AUGE (finanziato finora con un quinto della cifra promessa), non essendoci la volontà politica di garantire cure sanitarie gratuite ed opportune alla popolazione, che altrimenti smetterebbe di fare inenarrabili sacrifici per pagare la salute privata, sono state scelte dal mazzo una cinquantina di patologie, per le quali lo stato si fa carico ed escluse le altre. Il presidente dell'Ordine dei Medici, Carlos Villarroel, definisce AUGE un progetto discriminatorio e largamente insufficiente. Di fronte a questi fatti, qual'è il motivo per il quale l'Università di Siena concede a Michelle Bachelet una laurea h.c. in medicina? Il ministro Fabio Mussi non ha nulla da obbiettare stavolta?

In questa sede è possibile fare solo brevi cenni ad alcuni dei nodi del perché il governo di Michelle non può non essere criticato. L'esercito, modernissimo, professionale, armato fino ai denti, continua a dragare il 4.5% del PIL. E' il triplo della media latinoamericana (1.5% in media anche per paesi fantasiosamente accusati di militarismo). Secondo Washington il nemico strategico della macchina da guerra cilena sarebbero niente di meno che i movimenti indigeni boliviani (sic!), un paese pauperrimo con appena 20.000 soldatini di leva e un bilancio in difesa pari a 1/20 (un ventesimo, il 5%) di quello cileno. All'estremo Sud, la più dimenticata guerra del mondo, quella che da 150 anni conduce il Cile contro gli indigeni mapuche, segna ogni giorno maggiori strette repressive e centinaia di prigionieri politici. Cinque di loro, e venti familiari, sono in questo momento in sciopero della fame, nell'indifferenza della Bachelet, dei media e di chi la descrive e la premia come "la sinistra responsabile latinoamericana". La Bachelet non ha in programma alcuna conferenza stampa in Italia; che sia per non rispondere a scomode domande su cosa abbia fatto davvero il suo governo per i diritti umani in Cile?

Nel passato mese di agosto, il più grande sciopero generale dalla fine della dittatura, convocato dalla gloriosa Central Unica de Trabajadores (CUT) per mettere in discussione il modello neoliberale si è concluso con una selvaggia repressione, approvata e pubblicamente difesa dalla presidente, che ha causato 760 arresti. I dati ufficiali parlano di una disoccupazione ferma all'8%. Ma da questo numero, apparentemente incoraggiante, sono esclusi centinaia di migliaia di sottoccupati, precari, temporali, mal pagati, in condizioni sindacali che sono le stesse imposte col ferro e col sangue dalla dittatura militare. Altre 140 persone sono state arrestate l'11 settembre: volevano deporre una corona di fiori in un posto proibito: la porta della Moneda della calle Morandé da dove passò il corpo di Allende. Tra loro vittime e familiari di desaparecidos dei quali la Bachelet farebbe parte.

In febbraio il caos provocato dal nuovo piano di trasporti della capitale, il Transantiago, aveva simboleggiato meglio di tutto la cultura politica del governo Bachelet, tagliando fuori dai servizi pubblici interi quartieri popolari, perché non redditizi. Per settimane, decine di migliaia di lavoratori furono costretti a percorrere a piedi anche molti chilometri per raggiungere il mezzo di trasporto più vicino al quale non conveniva più raggiungere capillarmente i quartieri popolari. Il profitto come unico valore dunque, altro che "governo dei cittadini", lo slogan giocato dalla Bachelet quando entrò in carica l'11 marzo 2006.

FINE DELL'INNAMORAMENTO Se la stampa internazionale, in maniera tediosamente banale, disinformata e disinformante, continua ad elogiare Michelle Bachelet, il malessere dei cileni non smette di aumentare. I dati parlano chiaro. Durante buona parte dell'anno 2006, Michelle Bachelet fu il Presidente latinoamericano con il miglior indice di approvazione: aveva il 71% di appoggio secondo il Barometro Iberoamericano di Governabilità. Ma negli ultimi 12 mesi la pazienza dei cileni verso la presidente ha avuto un rapido declinare. Oggi è rovinosamente passata al penultimo posto per approvazione su 22 paesi. Appena il 19% dei cileni continua ad approvare la sua gestione: il 52% ha cambiato opinione. Solo il paraguaiano Nicanor Duarte va peggio di Bachelet, mentre al capo opposto si trova quello che a Washington chiamano "asse del male latinoamericano", l'ecuadoriano Rafael Correa, Hugo Chávez, Evo Morales, tutti tra il 50 e il 60% di approvazione popolare, in compagnia di un alleato di ferro di Washington, il colombiano Álvaro Uribe.

Non solo, ancora l'11 marzo 2006, l'85% dei cileni continuava in qualche modo a credere nel modello. Oggi solo il 39%, meno della metà, continua ad avere fiducia nel futuro economico del paese. E' possibile che la Bachelet abbia avuto la ventura di diventare Presidente al momento della maturazione della società e che non sia peggiore di chi l'ha preceduta, ma è anche vero che questi dati sono sicuramente viziati in positivo dal controllo totale dei media del paese che non fanno che ripetere un messaggio tuttora costantemente favorevole al sistema neoliberale. In Cile non esiste né una televisione, né un grande giornale (tipo La Jornada) che critichi il governo e il modello. Eppure oggi la Bachelet è impopolare in Cile e in America Latina. In un anno e mezzo è passata di fallimento in fallimento verso i propri elettori di centro-sinistra e di trionfo in trionfo verso le oligarchie per le quali è la perfetta garante della prosecuzione del modello neoliberale. Possibile che in Italia, media, governo, università, non se ne sia accorto nessuno?


[1] Sui temi del neoliberismo cileno si vedano: G. Carotenuto, «Cile: il laboratorio neoliberale dell'ingiustizia», Latinoamerica, Anno XXIV, n. 88, luglio-settembre 2004; G. Carotenuto, «Cile: il kamikaze del neoliberismo. Il Trattato di Libero Commercio tra Cile e Stati Uniti», Latinoamerica, Anno XXIV, n. 86-87, gennaio-giugno 2004; G. Carotenuto, «Cile - El cobre che fu nostro», Latinoamerica, Anno XXIV, n. 85, ottobre-dicembre 2003.

http://www.gennarocarotenuto.it/public/ok.pngSe questo articolo ti è sembrato interessante, dedica un secondo per votarlo su OkNotizie

 

http://www.gennarocarotenuto.it


--~--~---------~--~----~------------~-------~--~----~
Hai ricevuto questo messaggio in quanto sei iscritto alla Newsletter del sito GennaroCarotenuto.it

Per annullare l'iscrizione a questo gruppo, invia un'email a articoligennarocarotenuto-unsubscribe at googlegroups.com

Per maggiori opzioni, visita questo gruppo all'indirizzo http://groups.google.it/group/articoligennarocarotenuto?hl=it
-~----------~----~----~----~------~----~------~--~---


No virus found in this incoming message.
Checked by AVG Free Edition.
Version: 7.5.488 / Virus Database: 269.15.0/1077 - Release Date: 18/10/2007 9.54
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso