[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: Urne inquinate



 
----- Original Message -----
To: Gennaro Carotenuto ; Katerina Brunelli ; aida de prada ; Alessandra De Luca ; serena zamparelli ; Mamma e Papa' ; Marco Orefice ; Marco Bersani ; marco calabria ; Federico Micali ; Guiscardo ; fabio cuttica ; Fabio ; Agnese Rollo ; andrea Livio ; Alex Mezzenga ; augusto ; Alice Beccaro ; Agnese Franceschi ; Guido Piccoli ; Laura Espana ; Enrico Guarna ; enrico quaroni ; emanuele valenti ; Isabella Mancini ; Cristina Raho ; cristina at fazieditore.it ; Federico Micali ; Gabriele Muzio ; Luca Ferrari ; Sara Minelli ; mario portanova ; mchierici2 ; omero ciai ; Paolo Miscia ; Paulo Lima ; Simone Ramella ; umberto andalini ; vfiguera at minci.gob.ve ; amastran at ilmanifesto.it ; m.giulianetti at giannimina.it ; filb at iol.it ; jason.nardi at gmail.com ; redazione at asud.net ; Francesco Amisnet ; paola.gasparoli at unponteper.it ; Duilia ; luca at nuovimondimedia.it ; francesca at misna.org ; Manuel Rozental ; celmindia44 at yahoo.it ; elena vuolo ; nellomargiotta55 at virgilio.it ; comune.carlamariani at internetwork.it ; adenapoli at luiss.it ; Raf Marchetti ; livdamelio at hotmail.com ; Claudietta ; Claudia Mencarelli ; Daniele Vilardi ; corinna messina ; chiararp_cisv at hotmail.com ; Fabrizio Costa ; nicola pussini ; Sofia Salas ; Simonetta Gaetano ; laurettagmz at yahoo.it ; vagnoletto at primapersone.org ; clfierli at hotmail.com ; Justin Podur ; dazaroy at hotmail.com ; Iván Cepeda ; Laura Bonilla ; info.selvas
Sent: Sunday, October 28, 2007 3:27 PM
Subject: Urne inquinate

http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idc=0&idart=9133
scritto per noi da
Simone Bruno 
 
“Tutto è grigio piombo in questa vigilia elettorale, il cielo di ottobre è carico di nubi di tormenta più di ogni altro […] guardiamo al futuro politico della nazione come disegnato su un triste paesaggio di cenere”.L’ex ministro Londoño racconta in questo modo, dalle righe del suo editoriale su “El tiempo”,  le prossime elezioni amministrative del 28 ottobre.

Paramilitare delle AucImmaginando. I telegiornali sono ancora peggiori, veri bollettini di guerra: 22 candidati uccisi, altri 8 eliminati ancora prima che potessero candidarsi, 36.000 candidati sotto protezione, almeno 200 azioni violente, oltre a omicidi, sequestri, attentati, minacce e danni collaterali, ossia i familiari dei candidati eliminati per errore o per scelta.
Queste le elezioni in Colombia al tempo della “seguridad democratica”.Le autorità si dichiarano preoccupate, però rassicurano: “Abbiamo la situazione sotto controllo”. Immaginiamo come sarebbe se non l’avessero.
Il presidente Uribe ha invece intrapreso una “gira democratica” per rassicurare gli elettori delle zone rurali più isolate e convincerli ad andare al voto: “Abbiamo debilitato le FARC e l’ELN ed eliminato il paramilitarismo”. Immaginiamo come sarebbe se non l’avessero fatto.

Alvaro UribeL'impossibile. In qualunque democrazia avanzata queste cifre sarebbero un scandalo, non motivo di orgoglio, ci sarebbero proteste e manifestazioni. Ma non in Colombia dove le coscienze sono represse e abituate alla violenza. Qui i morti sono numeri. E le autorità orgogliose. Ma come si sentiranno i candidati sopravvissuti? E chi avrebbe votato per uno dei morti? Con quale tranquillità si andrà alle urne?
Ci sono poi altri 200 candidati che non si sono potuti presentare. Imputati, condannati per paramilitarismo, concorso in omicidio o comunque ineleggibili. Di questi, 46 ancora non hanno rinunciato. Come è possibile che i partiti politici immersi nello scandalo della parapolitica li abbiano selezionati?

Scandali.
Queste sono le prime elezioni dopo lo scoppio del più grande scandalo che il paese ricordi.Sono 40 i parlamentari sotto processo per collusioni e creazione di gruppi paramilitari. Circa la metà sono in carcere e i numeri crescono di settimana in settimana.
È proprio a livello locale che questa alleanza è stata più forte. Esistono alleanze tra paramilitari e sindaci. I primi aiutavano i secondi ad essere eletti. Come conseguenza si accettava la presenza paramilitare e i fondi statali finivano ad armare questi sanguinari gruppi.
Ricordiamo un politico di San José del Guaviare, che giustificava la situazione così: “Il signor Cuchillo è un paramilitare distinto, lui non ha mai rubato un peso dell’amministrazione pubblica.. ha sempre guadagnato tutto onestamente attraverso il narcotraffico.”

Cartellone elettorale: Lei per chi voterà?Niente è cambiato? Per questo, per la prima volta, sono nati gruppi della società civile per stimolare il voto pulito e trasparente.
Come “vote bien”, dove convergono mezzi di comunicazione e società civile per informare gli elettori sul passato dei candidati. Sono riusciti a creare una mappa di rischio di frode elettorale per ogni regione, a smascherare vari pregiudicati e candidati appoggiati da forze oscure.Anche la Oea (Organizzazione degli stati americani) ha inviato la missione di osservatori più grande della storia.
Laura Bonilla, direttrice dell’osservatorio sul conflitto armato della società “nuevo arcoiris” e impegnata in “vote bien”, descrive così la situazione: ”Tutto questo dimostra che, anche se i capi dei gruppi paramilitari che operano nelle regioni sono in carcere, questo non ha intaccato la voglia della classe politica che ha aiutato la loro nascita, di continuare a controllare le istituzioni pubbliche a livello locale. Nel sud del paese il paesaggio è composto da quei fatti dolorosi a metà degli anni ’90. La strategia comincia con l’eliminazione fisica dell’avversario politico e finisce con la creazione di un clientelismo armato con l’avallo delle élite regionali”.

Cancellati. Parlando del lavoro in “Vote bien”, aggiunge: “il paese non può continuare in una corsa contro il tempo tra chi vuole imbrogliare e chi vuole scoprire gli imbrogli, un circolo vizioso che ci fa dimenticare che il gran problema è che, in ogni elezione manipolata, la tensione tra lo stato centrale e i governi regionali aumenta a livelli spaventosi e non gestibili. Chi media tra i cittadini e lo stato centrale sono gli stessi che hanno in mano il potere locale, se questi sono coinvolti con le mafie elettorali o gruppi armati, il territorio che si che si costruisce, come conseguenza, genererà un paese sempre più frammentato, un clientelismo perpetuo e regioni saccheggiate e dimenticate”. Sarà impossibile fare statistiche nazionali, il 29 tutti i partiti potranno dire di aver vinto, e nessuno avrà perso. A parte la trentina di candidati cancellati a penna dalle schede elettorali a causa del loro decesso.


No virus found in this incoming message.
Checked by AVG Free Edition.
Version: 7.5.503 / Virus Database: 269.15.12/1096 - Release Date: 27/10/2007 11.02
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso