[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Il compleanno d'argento dell'Esercito zapatista



L’Ezln festeggia oggi il suo venticinquesimo compleanno.

Solo a dieci anni dalla sua nascita, quell’esercito nato per sciogliersi si sarebbe mostrato al mondo.

A dicembre il Festival della degna rabbia

 

Oggi, 17 novembre, l'Esercito di liberazione nazionale festeggia il suo venticinquesimo compleanno.

L'ultima «convocazione» dall'Ezln è arrivata alla fine di settembre, con l'invito al «Festival della rabbia degna»: dal 26 dicembre al 4 gennaio 2009 , il festival si svolgerà attraverso diverse tappe e iniziative tra Città del Messico, Oventic e San Cristobal de las Casas.

Diceva la convocazione di Marcos: «Dalla nostra apparizione pubblica, ormai quasi quindici anni fa, è stato nostro impegno l’essere ponte affinché le ribellioni passino da una parte all’altra. A volte ci siamo riusciti, a volte no. Ora vediamo e sentiamo non solo la ribelle resistenza che, sorella e compagna, continua ad essere al nostro fianco ed incoraggia i nostri passi.

C’è ora qualcosa che prima non c’era, o che non riusciamo a vedere allora. C’è una rabbia creativa. [..] Per tutto questo, e come parte degli eventi in occasione del venticinquesimo anniversario della nascita dell’Esercito zapatista di liberazione nazionale, i 15 anni dell’inizio della guerra contro l’oblio, il quinto anno delle giunte di buon governo e il terzo anno dell’Altra Campagna e della Zezta Internazionale, gli uomini, donne, bambini e anziani dell’Ezln invitiamo tutt@ i ribelli del Messico e del mondo alla celebrazione del primo Festival mondiale della rabbia degna dal tema: un altro mondo, un altro cammino: in basso e a sinistra

Di seguito, in occasione del compleanno dell'Ezln, pubblichiamo un articolo uscito sabato sul quotidiano messicano La Jornada , di Gloria Munoz Ramirez. La traduzione, come sempre, è del comitato «Maribel» di Bergamo.

Il 17 novembre gli zapatisti del Chiapas, del Messico e del mondo festeggiano il primo quarto di secolo di un’organizzazione politico-militare venuta alla luce con l’insurrezione indigena del primo gennaio 1994,data storica che segna un prima e un dopo non solo della vita politica nazionale, ma della speranza di un popolo e del suo diritto di ribellarsi.Pochissime persone fuori del Chiapas erano a conoscenza del segreto

dell’incubazione di un movimento guerrigliero nella selva Lacandona. Dovevano passare dieci anni di organizzazione clandestina perché i popoli maya e i ribelli che formano l’Esercito zapatista di liberazione nazionale decidessero di dichiarare guerra al governo del Messico e al suo esercito. E da quel momento sono già trascorsi quindici anni. Dieci anni di crescita nell’oscurità, nel silenzio di chi non ha altro da perdere. Tra il 1983 e 1993 gli zapatisti erano soli. Un periodo della loro storia che è stato svelato solo in parte e non si riesce ancora a dimensionare. Un decennio quasi inverosimile, inimmaginabile, se non fosse per le testimonianze di chi partecipò alla crescita e al consolidamento di un esercito formato da migliaia di combattenti e decine di migliaia di basi di appoggio.

Tutte e tutti loro festeggiano il compleanno d'argento.

Come ogni anno ci saranno feste negli accampamenti e nei villaggi zapatisti, così come si svolgono celebrazioni in molte parti del Messico e del mondo. A Parigi ci sarà festa con cuscus berbero, organizzata dal Comitato di solidarietà con i popoli del Chiapas in lotta, mentre il 20 novembre la festa sarà a Monster, Germania. Tutto il mese di novembre è stato scelto da diversi collettivi della Grecia per celebrare i popoli zapatisti, ad Atene, Salonicco, Patrasso, Ioanina e Creta. Nella città di Goteborg, Svezia, il 29 novembre

si svolgerà un festival latinoamericano con ritmi «tremendamente latini», in appoggio ai popoli originari del sudest messicano e del Salvador. In Austria oggi ci sarà una notte culturale con musica, foto e documentari.

A Saragozza, Spagna, c'è stata baldoria zapatista il 14 novembre. E’ un quarto di secolo, ma, come direbbe il tenente colonnello Moisés, «è molto poco, ne manca ancora». Congratulazioni e grazie a tutti i popoli che compiono questo quarto di secolo.

 
tratto da Carta.org


Ass. Ya Basta
Cooperazione Rebelde Napoli
Vico Santa Maria dell'Aiuto 5
tel.3357888115
 
 
Sostieni i progetti di solidarietà dell'Ass. Ya Basta
donando il tuo 5 x mille:
nel riquadro "sostegno al volontariato"
firma e scrivi il C.F. di YA BASTA 92128610281
 



Scopri la community di Io fotografo e video
Il nuovo corso di Gazzetta dello sport per diventare veri fotografi!