[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: [latina] boicottaggio israele



Per mantenere la specificità di questa lista (sull'AMERICA LATINA) è bene che tutte le comunicazioni su Gaza siano inserite

- nella lista conflitti PER LE ANALISI
- nella lista pace PER LE INIZIATIVE DEL MOVIMENTO PER LA PACE ITALIANO
- nella lista Asia PER ONG CHE OPERANO IN LOCO

Per accedere alle liste cliccare su
http://www.peacelink.it/liste

Vi segnaliamo questa area informativa COSTANTE su PeaceLink www.peacelink.it/palestina
circa la tematica PALESTINA.

Vi chiediamo comprensione ma un sito ordinato è nell'interesse di tutti.

Grazie per l'attenzione.

Lo staff di PeaceLink
www.peacelink.it

Il giorno 20 gennaio 2009 22.00, Rodolfo.ricci <rodolfo.ricci at email.it> ha scritto:
BOICOTTARE ISRAELE: Quali prodotti e marchi bisogna boicottare? Inserito il 20 gennaio 2009 alle 13:30:00 da redazione-IT. IT - DIRITTI GLOBALI
Indirizzo sito : Annalisamelandri


di Annalisa Melandri


Stampa e diffondi più che puoi questo volantino, davanti ai supermercati, ai centri commerciali, per strada, davanti alle scuole...
.
BOICOTTA ISRAELE: Quali prodotti bisogna boicottare?

Non è sempre facile per i consumatori riconoscere i prodott i israeliani. Per i prodotti freschi, la frutta, i legumi e le spezie è possibile. Per contro, tutto si complica per i prodotti trasformati che non portano necessariamente traccia della loro origine. Il codice a barre su un prodotto può essere un indizio. I prodotti che sono imballati ed etichettati in Israele hanno un codice a barre israeliano che inizia con 729. Ma alcuni prodotti israeliani sono imballati in Belgio o in Francia (o in altri Paesi, n.d.t.) dalle grandi catene di distribuzione con un codice a barre nazionale.




Carmel
Legumi, frutta (avocados, pompelmi... ), vini, cognac, liquori, succhi di frutta, fiori.
La compagnia di esportazione di prodotti agricoli AGREXCO, oggi uno dei più grossi gruppi di esportazione di prodotti agricoli nel mondo. AGREXCO una società gestita dal Ministero dell'Agricoltura israeliano e dalle aziende agricole in ragione del 50% ciascuno.

Nestlè
Ditta sv izzera che possiede il 50.1% del capitale della fabbrica alimentare israeliana Osem. Nel dicembre 2000 ha annunciato ulteriori investimenti in Israele per milioni di dollari.

Prodotti ed aziende affiliate: Nescafè, Nesquik, Terrier, Maggi, Buitoni, Milkbar, KitKat.

L'Oreal
Ha stabilito Israele come suo centro commerciale nel Medio Oriente ed ha aumentato gli investimenti e leattività produttive, che vanno da una nuova linea di produzione a Migdal Haemek, ai progetti di ricerca e sviluppo congiunti con gli Israeliani, operando anche nel campo dell'educazione e delle campagne di servizio pubbliche.
Prodotti ed aziende affiliate: Lacome, Giorgio Armani, Vichy Cacharel, La Roche-Posay, Garnier, Biotherm, Melena Rubinstein, Ralph Lauren Perfumes.

Coca-Cola
Nel 1997 il Governo di Israele ha reso omaggio alla Coca-Cola per il suo sostegno continuo ad Israele negli ultimi 30 anni e per il suo rifiuto di aderire al boicottaggio della Lega Araba contro Israele (diversamente dalla Pepsi Cola, che si era conformata al boicottaggio e che solo nel 1992 ha iniziato a commerciare in Israele).
E' stato annunciato recentemente che la Coca-Cola, grazie agli incentivi del governo israeliano, costruirà un nuovo impianto sulla terra palestinese rubata a Kiryat Gat.
Prodotti ed aziende affiliate: Fanta, Sprite, Schweppes.

Tutti gli altri marchi coinvolti:
Estèe Lauder (cosmetici), Timberland, Delta Galin, Marks&Spencer, Victoria's Secret, GAP, Banana Republic, Structure, J-Crew, J.C.Penny, Pryca, Lindex, DIM, Donna Karan/DKNY, Playtex, Calvin Klein, Hugo Boss (abbigliamento),
McDonald's (catene alimentari), Nokia (telefonia), Sara Lee, Playtex, Dim, Ambi Pur, Bali, Kiwi, Lovable, Wonderbra, Sanex (intimo), Bassetti (tessile), Jaffa (prodotti agricoli) Qualità Sreet, Smarties, After Eight, Lion, Aero, Polo, Danone (alimenti), Caterpillar/CAT (mezzi agricoli e abbigliamento).

Aziende italiane che investono in Israele:
Generali (assicurazioni e finanza), Telecom, Tim, Tiscali, Luxottica, Unicredito, Alenia, Fiat, ENI.

Catene di distribuzione commerciale:
Auchan, Carrefour, LaRinascente, Panorama

Diffondi questo testo e fallo girare più che puoi


--------- Original Message --------
Da: latina at peacelink.it
To: "latina at peacelink.it" <latina at peacelink.it>
Oggetto: Re: [latina] boicottaggio israele
Data: 20/01/09 19:18



me lo envías otra vez? no veo nada...


Maria Inés Bussi
chemin de Pinchat 12 bis
1227 Carouge (Genève)
Suisse
----- Original Message -----
From: "manuela" <shenan.doah at alice.it>
To: <latina at peacelink.it>
Sent: Tuesday, January 20, 2009 5:04 PM
Subject: Rif: [latina] boicottaggio israele


Allegato Rimosso

--
Mailing list Latina dell'associazione PeaceLink.
Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
Archivio messaggi: http://lists.peacelink.it/latina
Area tematica collegata: http://italy.peacelink.org/latina
Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
http://web.peacelink.it/policy.html


----
Caselle da 1GB, trasmetti allegati fino a 3GB e in piu' IMAP, POP3 e SMTP autenticato? GRATIS solo con Email.it

Sponsor:
Partecipa al concorso Danone Activia e vinci MacBook Air e Nokia N96. Prova
Clicca qui