[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

La rielezione di Manuel Zelaya: troppi condizionali. Solo la scusa per un colpo di Stato



La rielezione di Manuel Zelaya: troppi condizionali. Solo la scusa per un colpo di Stato.
di Annalisa Melandri
www.ananlisamelandri.it


In queste ore i media italiani e stranieri hanno trattato in modo molto superficiale  la questione del referendum che si sarebbe dovuto tenere ieri a  Tegucigalpa,  in Honduras,  e che è stato la causa del colpo di Stato che ha deposto  il presidente legittimo Manuel Zelaya.
 
Praticamente tutti all’unanimità hanno scritto che  il referendum avrebbe praticamente garantito la  seconda candidatura di Zelaya.   In realtà la strada che avrebbe dovuto percorrere Zelaya per ottenere la seconda rielezione era ancora lunga e costellata da troppi condizionali.
 
Innanzitutto il referendum di domenica scorsa,  che non era obbligatorio (come lo è invece il voto in Honduras) ma facoltativo,  era in realtà una sorta  di sondaggio  (dal momento che la consulta referendaria in  Honduras non esiste)  per chiedere al popolo se fosse favorevole o meno al fatto che a novembre nei seggi già predisposti per le elezioni presidenziali, legislative e amministrative, venisse installata una “quarta urna” per la designazione di un’assemblea Costituente
 
L’Assemblea Costituente avrebbe poi provveduto alla riscrittura  della Costituzione, modificando alcune cose (la cui natura sarebbe importante approfondire) tra le quali proprio la possibilità della seconda candidatura per il presidente in carica. Manuel Zelaya, che da novembre non sarebbe stato più presidente dell’Honduras, ammesso e non concesso che avesse avuto voglia di ricandidarsi (e tra l’altro  ha sempre negato di avere tale intenzione) lo avrebbe potuto fare soltanto tra quattro anni. E sarebbe diventato ancora presidente solo e soltanto se  il popolo lo avesse eletto ancora una volta.
 
Sarebbe bene iniziare a chiedersi, signori giornalisti mainstream, quali siano le vere motivazioni del  colpo di Stato in Honduras.
 


Annalisa Melandri
http://boicottaisraele.wordpress.com
 
La rivoluzione è un fiore che non muore
La revolución es una flor que no muere