[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: {Spam?} [latina] Fw: Cuba è una vittima storica del terrorismo, non uno 'sponsor'!






 CUBA È UNA VITTIMA STORICA DEL TERRORISMO, NON UNO 'SPONSOR'!

 di Aldo Garuti


 L'inclusione di Cuba nella lista dei 14 Paesi 'sponsor' del terrorismo, di
 cui è responsabile il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, è un atto
infame. Pretendere di cercare i terroristi di Al Qaeda nei voli provenienti
 da Cuba, non è altro che uno strumento di propaganda, l'ennesima
dimostrazione d'insensata arroganza imperiale che risponde alla necessità di
 cercare pretesti per giustificare aggressioni da parte statunitense.

 Cuba, da oltre 50 anni, è vittima di una politica d'ingerenza e di terrore
portata avanti da una dozzina d'amministrazioni nordamericane. Le azioni di
 terrorismo degli Stati Uniti, finalizzate a cambiare l'ordine economico e
 sociale nell'isola caraibica, hanno provocato la morte di 3478 cubani e la
 mutilazione di altri 2099.

La prima azione di terrorismo aereo della storia è avvenuta proprio a danno di Cuba, il 6 ottobre 1976, con l'esplosione di un aereo civile di Cubana de
 Aviación sui cieli di Barbados che ha causato la morte di 73 vittime
innocenti. Gli autori confessi di questo atto infame, Orlando Bosch Ávila e
 Luis Posada Carriles, risiedono liberi a tranquilli in Florida, a Miami.

 Il Governo di Obama incolpa altri Paesi di sponsorizzare il flagello del
 terrorismo, ma sono gli Stati Uniti a fomentare la violenza, mantenendo un
atteggiamento ostile nei confronti del mondo, occupando Paesi, bombardandoli
 e uccidendone bambini, anziani e altri esseri umani innocenti.

La piccola isola caraibica, per contro, contribuisce al benessere dei popoli più poveri del mondo con l'invio, in ben 101 Paesi, di medici, educatori ed
 istruttori sportivi, oltre a contribuire alla formazione professionale a
 Cuba di un gran numero di studenti da tutto il mondo, compresi cittadini
indigenti provenienti dagli stessi Stati Uniti, per lo più appartenenti alle
 minoranze etniche svantaggiate.

 Gli Stati Uniti da un lato diffamano Cuba, nell'indicarla come Paese di
 provenienza di terroristi, dall'altro sono mandanti e complici di noti
 terroristi dell'America Latina, rei confessi che trovano sicura impunità
 dentro le frontiere nordamericane, santuario privilegiato di un'importante
colonia di torturatori ed assassini che la loro politica sporca ha generato
 nel corso degli ultimi decenni, come confermano i documenti declassificati
 dei loro stessi archivi.

 Oltre ad aver dato impulso, orientato, finanziato e gestito il terrorismo
contro Cuba, direttamente con i propri centri di spionaggio e d'ingerenza e
 per mezzo dei gruppi anticubani presenti in Florida, di cui hanno promosso
la formazione, gli Stati Uniti hanno favorito, ispirato e protetto attività
 illegali per tutta l'America Latina, proteggendone poi gli autori sul
 proprio territorio.

 La doppia morale sul terrorismo da parte delle autorità nordamericane si
 esprime anche nel caso dei 5 antiterroristi cubani, ingiustamente reclusi
 negli USA, accusati con capi d'imputazione falsi e montati ad arte.  I 5
 eroi cubani sono dei veri prigionieri politici dell'impero che pagano un
gesto di lealtà del Governo cubano verso gli Stati Uniti, alle cui autorità avevano riferito i risultati investigativi condotti sui gruppi terroristici
 anticubani della Florida, a protezione anche degli stessi cittadini
 nordamericani.  Com'è noto, invece di arrestare i terroristi, l'FBI ha
 arrestato le 5 "fonti" cubane.

 Giustino di Celmo, padre del giovane italiano assassinato in un'azione
 terroristica a L'Avana il 4 settembre 1997 in un attentato promosso dalla
 CIA e rivendicato pubblicamente da Luis Posada Carriles, ha definito
 "assurda e ridicola" l'accusa contro Cuba di praticare il terrorismo:
 "Questa è la menzogna più colossale, la maggior infamia e la più grande
 calunnia mai espressa dagli Stati Uniti contro Cuba"
 (http://www.granma.cu/italiano/2010/enero/mier13/di-celmo-assurdo-cuba-terrorista.html).

 Il Presidente Obama farebbe bene a distinguersi dai suoi predecessori e,
 anziché cercare terroristi sui voli provenienti dall'Avana, dovrebbe
 assicurare alla giustizia quelli che trovano sicuro rifugio proprio nelle
 frontiere degli Stati Uniti.

 A. G.


 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


 - Dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri di Cuba (MINREX) del 7
 gennaio 2010 sull'inclusione di Cuba nella 'black list':
 http://www.granma.cu/italiano/2010/enero/vier8/Dichiarazione.html


 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


 2 articoli (in spagnolo) per approfondire il tema del terrorismo contro
 Cuba:

 - ¿Y cuando se hará el inventario de los terroristas que radican en EE.UU?
 Link: http://www.granma.cu/espanol/2010/enero/sabado9/cuando.html

 - Montaner hace campaña en la prensa derechista para intentar limpiar su
 pasado terrorista:
 http://www.granma.cu/espanol/2010/enero/lun11/montaner.html

 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


 - Posada Carriles va al suo processo in un aereo privato (19/02/2010)

Incredibilmente, mentre il governo degli Stati Uniti decreta misure estreme
 contro i viaggiatori provenienti da 14 Paesi, includendo scandalosamente
 anche Cuba, il giudice Kathleen Cardone, di El Paso, in Texas, che
giudicherà Luis Posada Carriles (assassino, torturatore e narcotraficante),
 ha autorizzato esplicitamente il terrorista ad usare un aereo privato per
 andare al suo processo, il prossimo 3 febbraio.

 Affermando, paradossalmente, che il loro cliente non ha il permesso di
 viaggiare in un aereo commerciale, dopo la sua classificazione come
 terrorista, gli avvocati mafiosi di Luis Posada Carriles hanno sollecitato
l'ordine del giudice, anche se dichiareranno di fronte a lei che Posada non
 si è mai dedicato al terrorismo...

 Link all'articolo completo:
 http://www.granma.cu/italiano/2010/enero/mar19/posada.html



 
************************************************************************************************************************



HAITI: LA SOLITA INUTILE PROPAGANDA DEI MEDIA ITALIANI A FAVORE DEGLI STATI
 UNITI

 Comunicato stampa della Segreteria Nazionale dell'Associazione Italia-Cuba


 L'Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba evidenzia come anche di
 fronte ad un evento terrificante come il terremoto ad Haiti, la stampa
 italiana non perde occasione per dimostrare la propria faziosità e la
 propria totale sudditanza agli Stati Uniti. Infatti, i media sono tutti
 protesi a evidenziare le cose che gli Stati Uniti stanno facendo adesso, e
 con grande disorganizzazione, e non hanno detto una parola della presenza
dei medici e para medici cubani [N.d.R. - oltre 400] che da 10 anni lavorano
 tutti i giorni con i poveri di Haiti.

 I media non dicono che quel paese è stato devastato dalle politiche
 neoliberiste sostenute da Washington, dal FMI e dalle multinazionali e che
 due anni fa i quattro terribili uragani che si sono abbattuti sui Carabi
 hanno prodotto 800 morti ad Haiti e solo sette a Cuba.

 I giornalisti italiani dovrebbero avere il coraggio morale ed l'onestà
intellettuale di dire all'opinione pubblica le cose come stanno realmente e
 cioè che fra il socialismo cubano e il capitalismo haitiano, e non solo,
 basti ricordare la tragedia dell'uragano che colpì New Orleans, ci sono
 milioni di anni luce di differenza.

 Ma per i media italiani questo non conta, basta inneggiare al padrone a
 stelle e strisce.






 --------------------------------------------------------------------------------



 Nessun virus nel messaggio in arrivo.
 Controllato da AVG - www.avg.com
Versione: 9.0.730 / Database dei virus: 270.14.150/2632 - Data di rilascio:
 01/19/10 08:34:00

 --
 Mailing list Latina dell'associazione PeaceLink.
 Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
 Archivio messaggi: http://lists.peacelink.it/latina
 Area tematica collegata: http://italy.peacelink.org/latina
 Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
 http://web.peacelink.it/policy.html




------------------------------------------------------------------------------



 Nessun virus nel messaggio in arrivo.
 Controllato da AVG - www.avg.com
Versione: 8.5.432 / Database dei virus: 270.14.149/2630 - Data di rilascio: 01/18/10 07:35:00