[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Martin Almada: “Il Condor vola ancora, è un Condor globalizzato.”



Martin Almada: “Il Condor vola ancora, è un Condor globalizzato.”

di Annalisa Melandri
www.annalisamelandri.it

Martin 
AlmadaJean Ziegler nella prefazione del libro “Paraguay il carcere dimenticato”  scritto da Martin Almada, definisce l’avvocato e difensore dei diritti umani paraguaiano come un “profeta e testimone”   e parla della sua  vita come di “esempio di non assoggettamento alla dittatura”.
 
Martin Almada, quest’uomo piccolo e  minuto, stupisce per la grande forza e serenità che riesce ad trasmettere.  Difficile capire dove trovi entrambe,  conoscendo la sequenza di eventi terribili e dolorosi che ha affrontato nel corso della sua vita proprio per non essersi mai piegato alla dittatura. Quella del generale Alfredo Stroessner, una delle più violente e sanguinarie  dell’America latina. Anche una  delle più lunghe, durata 35 anni, dal 1954 al 1989,  che è costata a Martin Almada tre anni di carcere, dal 1974 al 1977, durante i quali ha subito terribili torture , che lo ha costretto all’esilio e che gli ha portato via sua moglie, Celestina Pérez, morta di infarto dopo aver ricevuto una telefonata in cui i carcerieri di suo marito gli avevano  fatto ascoltare le sue grida  durante le torture.
 
Almada è stato recentemente in Italia invitato dall’ONG Terre Madri e ha tenuto una conferenza presso l’Università Roma Tre con la partecipazione della Prof.ssa Maria Rosaria Stabili e di María Stella Cáceres, giornalista argentina.
 
Martin Almada è stato lo scopritore, nel 1992,   dell’archivio della polizia segreta, meglio conosciuto come “archivio del terrore”, considerato di fondamentale importanza in quanto unica testimonianza  delle violazioni dei diritti umani avvenute in Paraguay durante gli  anni della dittatura (1954-1989). Questo archivio è   la prova “regina” delle relazioni internazionali tra regimi militari che stavano alla  base del  Plan Condor ma anche e soprattutto è  la prova del  coinvolgimento diretto della CIA e di Henry Kissinger, ex- segretario di Stato statunitense,  la “cabeza (testa) del Condor, anche lui premio Nobel per la Pace, come Obama”, dice Almada.
 
Il Plan Condor fu un patto criminale tra le dittature militari negli anni ’70 in America latina, stipulato proprio in Paraguay tra il novembre e il dicembre del 1975, che   fu creato, come disse il dittatore cileno Pinochet “per salvare la civiltà occidentale e cristiana dalle grinfie del comunismo”. Costò all’America latina più di centomila morti tra il 1975 e il 1985  tra dirigenti sindacali, studenti, giornalisti, religiosi, artisti, politici.
 
“La memoria è uno spazio di lotta politica”  spiega Martin Almada ai giovani universitari presenti a Roma Tre. Partire dalla conoscenza del passato anche per prevenire orrori futuri perché,  come Almada è solito ripetere nel corso delle sue interviste e conferenze, “il Condor vola ancora”. Un  Plan Condor 2 “globalizzato” è stato ripristinato  infatti  già a partire dal 1997. Allora, un  colonnello paraguaiano di nome  Francisco Ramón Ledesma scrisse  a un suo pari ecuadoregno comunicandogli una lista di nomi di “sovversivi” del suo paese, da aggiungere alla lista completa dei sovversivi latinoamericani. Il colonnello Ledesma chiamato a rendere dichiarazioni di fronte a un giudice, ha ammesso  che a capo di tali operazioni ci sono ancora una volta gli Stati Uniti e che le operazioni sono dirette  dalla Conferenza degli Eserciti Americani (CEA) che si riunisce ogni due anni e che controlla “la sovversione” nella regione.
 
Rispetto alla situazione attuale che vive il Paraguay, dove sembra esserci una situazione politica interna simile a quella dell’Hondura pre-golpe, Almada ci spiega che in effetti il presidente Fernando Lugo ha  una minoranza assoluta e che nel governo c’è perfino un nipote del dittatore, il senatore Gustavo Alfredo Stroessner. Inoltre il vice presidente Federico Franco agisce apertamente contro il presidente   Lugo, fomentando una sorta di golpe interno.
 
Lugo ha fatto molti errori dall’agosto del 2008, quando  ha assunto la presidenza. L’ultimo in ordine di tempo  è stato quello di aver ceduto  alle pressioni interne dichiarando uno stato d’assedio  in cinque regioni nel nord del paese, della durata di 30 giorni a partire dalla fine di aprile, con lo scopo di sconfiggere la guerriglia. Guerriglia praticamente inesistente, dice Almada,
 
I  fatti violenti registrati negli ultimi tempi sono da ricondursi ad episodi di criminalità legata al  traffico di stupefacenti ma che l’opposizione vuole vincolare invece al gruppo armato Ejército  del Pueblo Paraguayo.
 
Lugo ha dovuto cedere in questo senso anche per le accuse che gli erano state mosse di  avere amicizie tra alcuni membri del EPP e sebbene come si è detto, abbia commesso errori e sia debole nei confronti dell’opposizione, gli si deve comunque il merito di aver ribaltato la situazione politica del paese in cui il Partido Colorado dominava lo scenario da oltre 70 anni. Si è impegnato molto inoltre rispetto a un tema urgente quale era quello  della salute pubblica ma molti paraguaiani non gli perdonano di non aver fatto nulla  per una riforma  agraria: “se affronta il tema della riforma agraria lo cacciano” spiega Martin Almada. Forse in pigiama all’alba,  come hanno fatto in Honduras con Manuel Zelaya gli oligarchi spaventati da una virata a destra troppo decisa.
 
Leggi anche:
Intervista a Martin Almada di Gianni Tarquini
 
 
 


Annalisa Melandri
www.annalisamelandri.it
http://boicottaisraele.wordpress.com
 
La rivoluzione è un fiore che non muore
La revolución es una flor que no muere

L'uomo è nato libero ed è ovunque in catene
J.J. Rousseau