[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

La fine delle balene?



Urgente


Cari amici,

Molte balene fanno parte di quel terzo di vita sul pianeta che va verso l'estinzione. I governi di tutto il mondo s'incontreranno questa settimana per considerare un piano coraggioso per proteggere il 20% degli oceani e delle terre del mondo entro il 2020. Ci rimangono 4 giorni, e un appello globale potrebbe rivelarsi decisivo. Clicca per firmare la petizione per il piano 20% entro il 2020 e inoltra l'e-mail a tutti.
Sono rimaste soltanto 300 balene franche al mondo, mentre il 99% delle balenottere azzurre è già stato spazzato via. Questi magnifici giganti sono specie in pericolo, insieme a ben un terzo di tutte le forme di vita sul pianeta che sono sul punto di estinguersi.

Il mondo naturale è in serio pericolo per colpa dell'uomo, ma ora c'è un piano per salvarlo: un accordo globale per creare, finanziare e rafforzare le aree protette, che andrebbero a occupare il 20% delle nostre terre e dei nostri oceani di qui al 2020. Proprio ora 193 governi si stanno incontrando in Giappone per rispondere a questa crisi.

Abbiamo solo 4 giorni prima di questo incontro decisivo. Gli esperti dicono che i politici esitano all'idea di farsi carico di un obiettivo così ambizioso, ma che un appello dell'opinione pubblica mondiale potrebbe essere decisivo, facendo sentire ai leader che gli occhi di tutto il mondo sono puntati addosso a loro. Clicca per firmare la petizione urgente 20% entro il 2020, e inoltra l'e-mail più che puoi; il messaggio sarà consegnato direttamente all'incontro in Giappone:

http://www.avaaz.org/it/the_end_of_whales/?vl

Paradossalmente il 2010 è l'anno internazionale della biodiversità. I governi, a oggi, avrebbero già dovuto "realizzare una riduzione significativa del tasso attuale di perdita di biodiversità". Hanno fallito perché hanno ceduto agli interessi dell'industria quando si trattava di scegliere fra il profitto puro e semplice e la protezione delle specie. Gli animali, le piante, gli oceani, le foreste, le terre e i fiumi stanno soffocando a causa di un vero e proprio sovrasfruttamento.

Gli uomini sono la prima causa di questa distruzione. Ma possiamo ribaltare la situazione: in passato abbiamo già salvato alcune specie dall'estinzione. Le cause del declino della biodiversità sono molte, e fermarle ci richiederà di abbandonare le solite promesse vuote e frammentarie che non dicono mai chi sarà costretto a pagare, tornando a un piano ambizioso con un'applicazione severa e un finanziamento serio. Il piano 20% entro il 2020 prevede proprio questo: i governi saranno costretti a eseguire programmi molto chiari per assicurare che il 20% del nostro pianeta sia protetto entro la scadenza del 2020, con un aumento esponenziale del finanziamento.

Deve succedere ora. In tutto il mondo il quadro sta diventando sempre più cupo: sono rimaste soltanto 3200 tigri allo stato brado, i nostri oceani hanno sempre meno pesci, e stiamo perdendo tante varietà di alimenti per lasciare lo spazio alle monocoltivazioni. La natura si difende con determinazione, ma dobbiamo darle un posto sicuro dove rimettersi in forze. Ecco perché questo è il momento chiave per accelerare gli impegni decisivi per la protezione delle risorse naturali.

Se i nostri governi sentiranno una pressione fortissima da parte dell'opinione pubblica che chieda loro più coraggio, potremo scuoterli per stringere il patto 20% entro il 2020 in questo incontro. Ma occorre che ognuno di noi si dia da fare per far recapitare quel messaggio proprio al vertice in Giappone. Firma questa petizione urgente sotto, e inoltrala a tutti:

http://www.avaaz.org/it/the_end_of_whales/?vl

Quest'anno i membri di Avaaz hanno già giocato un ruolo cruciale nel proteggere gli elefanti, difendere il divieto di caccia delle balene, e assicurare la più grande area marina protetta nelle isole Chagos. La nostra comunità ha dimostrato che possiamo prefiggerci obiettivi molto ambiziosi, e poi vincerli. Questa campagna è il prossimo passo nella battaglia cruciale per creare il mondo che la maggior parte di noi in ogni dove vuole. Un mondo dove le risorse naturali e le specie sono apprezzate e difese, e il nostro pianeta è protetto per le future generazioni.

http://www.avaaz.org/it/the_end_of_whales/?vl

Con speranza,

Alice, Iain, Emma, Ricken, Paula, Benjamin, Mia, David, Graziela, Ben, e il resto del team di Avaaz

FONTI:

La Stampa: "Biodiversità. 193 paesi a Nagoya al capezzale del pianeta"
http://www3.lastampa.it/ambiente/sezioni/news/articolo/lstp/361962/

Parlamento europeo: "Biodiversità: una catastrofe non solo ecologica, anche economica"
http://www.europarl.europa.eu/news/public/story_page/064-87358-288-10-42-911-20101015STO87349-2010-15-10-2010/default_it.htm

The Times: "Un terzo degli animali e delle piante rischia l'estinzione" (in inglese)
http://www.timesonline.co.uk/tol/news/environment/article7120676.ece

La Repubblica: "Africa, spariscono i pesci d'acqua dolce, primo alimento per milioni di persone"
http://www.repubblica.it/solidarieta/cibo-e-ambiente/2010/10/04/news/africa_a_rischio_i_pesci_d_acqua_dolce-7715321/


Sostieni il nostro lavoro!Avaaz.org è un’organizzazione no-profit indipendente che non riceve finanziamenti da governi o grandi imprese, quindi la tua donazione è di fondamentale importanza per il nostro lavoro. -- clicca qui per fare una donazione.


CHI SIAMO
Avaaz.org è un'organizzazione no-profit e indipendente con 5,5 milioni di membri di tutto il mondo, che lavora con campagne di sensibilizzazione in modo che le opinioni e i valori dei popoli del mondo abbiano un impatto sulle decisioni globali. (Avaaz significa "voce" in molte lingue.) Avaaz non riceve fondi da governi o aziende ed è composta da un team internazionale di persone sparse tra Londra, Rio de Janeiro, New York, Parigi, Washington e Ginevra. +1 888 922 8229

Clicca qui per avere maggiori informazioni sulle nostre campagne.

Non dimenticare di andare a vedere le nostre pagine: Facebook, Myspace e Bebo.


Ricevi questo messaggio perché hai firmato la campagna "BALENE IN PERICOLO!" il 2010-04-28 usando l'indirizzo piero.deola at tiscali.it.
Per essere sicuro di ricevere i messaggi di Avaaz aggiungi l'indirizzo avaaz at avaaz.org alla tua rubrica. Per cambiare la tua e-mail, lingua o altri dati, https://secure.avaaz.org/act/index.php?r=profile&user=675a2acba7da89c338991296d6b5556b〈=it, oppure cancella il tuo indirizzo.

Non rispondere a questo messaggio. Per metterti in contatto con Avaaz scrivi a info at avaaz.org oppure invia una lettera al nostro ufficio di New York: 857 Broadway, 3rd floor, New York, NY 10003 U.S.A. Se incontri difficoltà tecniche vai al sito http://www.avaaz.org/it.