[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: UN 14 DICEMBRE LUNGO TUTTO IL 2011.doc




 
Da www.fulviogrimaldicontroblog.info

skip to main | skip to sidebar

MONDOCANE

UN 14 DICEMBRE LUNGO TUTTO IL 2011


Or ti piaccia gradir la sua venuta:
libertà va cercando, ch'è sì cara,
come sa chi per lei vita rifiuta.
(Dante Alighieri, Purgatorio, I, 70-72)

Cari amici, corrispondenti, interlocutori, compagni, ancora una volta devo scusarmi di non avere il tempo per chiudere adeguatamente questa annata di letame che, sul finire dell’autunno, ha visto deandreianamente spuntare dei rigogliosi fiori rossi. L’irrinunciabile accanimento lavorativo sul docufilm “Messico, angeli e demoni nel laboratorio dell’Impero”, che deve essere finito per metà gennaio, tempo per il quale ho impegnato la mia ottima montatrice, mi impediscono di dedicarmi al blog e continuare le a me care conversazioni con tutti voi. Vi snocciolo dunque solo alcuni pensierini che via via, negli ultimi tempi, ho sparato su feisbuc. Quanto ai miei auguri, che, saltando a pié pari le oscenità natalizie, sono pensati per l’anno a venire, non ne ho trovato uno migliore di quello che apre questo irriverente rosario laico. I nostri bravissimi studenti – lascio ai margini i buoni perbenisti dell’UDU, una specie di CISL dell’università - hanno capito tante cose. Spero che la loro incredibile maturazione includa presto anche la coscienza antimperialista, cioè la comprensione del quadro complessivo e dei suoi autori, mercanti e compratori.



Il migliore augurio: un 2011 straripante di 14 dicembre!


Luca Zaia, l'unto del barbiere, regala ai bimbi veneti una bibbia. Per compensare questo attentato all'incolumità mentale infantile, Berlusconi esonera i veneti dalle tasse. Ma non gli aquilani perchè più che alla bibbia, sembrano credere al 14 dicembre.


Da una settimana i nazisionisti bombardano l'inerme Auschwitz chiamata Gaza. E uccidono innocenti. L'ONU, che condanna il Sudan ma non il Messico o l'Italia dei CIE, giustifica e approva perchè "in risposta ai razzi". Se incontrate quei sinistri che invocano l'ONU (Tavola della Pace e sconcezze simili), sputategli in faccia.


Il rivelatore si è rivelato un'altra volta: Wikileaks si associa al manutengolo del capitalismo e venditore dell'URSS Gorbaciov e all'oligarca ladrone Alexander Lebedev. Tutti e due cari anche ad Anna Politovskaja, giornalista sionista al soldo delle emittenti Cia "Free Europe" e "Liberty", a sua volta cara, quanto Assange, all'universo mondo.

Un'associazione e delinquere che fabbrica auto, con il sicario immaglionato ricatta: o schiavi o morti. E' la stessa metastasi che dal dopoguerra ha imposto all'Italia un modello di trasporto necrogeno con un prodotto di schifo, obsoleto, destinato a ucciderci. E poi blaterano di violenza! W il 14 dicembre.

Da noi picchiatori nazifascisti divenuti boss berlusconidi impongono arresti preventivi e detenzioni su sospetto, alla Obama. In Argentina la presidente Kirchner e la ministra Nilda Garré hanno proibito alla polizia nelle manifestazioni di portare armi da fuoco, incluse quelle che sparano gas o proiettili di gomma. Latinoamerica, continente della speranza.

Nel momento della massima ferocia repressiva del mafioterrorismo al potere, il Papa detta ai suoi due rettili di razza, Bagnasco e Bertone, la riconferma del sostegno alla cosca berlusconide. Da 2000 anni il potere è la metastasi, la Chiesa cristiana il tumore maligno. Viva i ragazzi, tutti, del 14 dicembre.


Questa banda di delinquenti, partner della mafia e ascari di Cia e Mossad, che dal 1948 si mantiene al potere a forza di stragi di Stato e bombe mafiose, ossigenata dagli inciuci di una falsa opposizione, osa, per bocca di un necrofilo ministro degli interni, criminalizzare gli studenti che hanno riscattato l'onore del paese e gli hanno riaperto il futuro.


Dopo i licantropi del "dagli al delinquente", i pifferi dei nonviolenti che rampognano i "ragazzi traviati dai teppisti", "comprendendone peraltro il disagio, non fosse mai!, ma, perbacco, a bruciare cose ci si da la zappa sui piedi". In testa i grilli parlanti del collaborazionismo nazionale, Saviano e Marcon, (quello della burla Sbilanciamoci"), amici del giaguaro e utili idioti. Viva il 14 dicembre!

Fulvio Grimaldi

 

Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso