[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: MESSICO, ANGELI E DEMONI NEL LABORATORIO DELL'IMPERO. Di Fulvio Grimaldi



Title: Da www
Da www.fulviogrimaldicontroblog.info

MESSICO, UN PROGRAMMA PER L’ITALIA?

Esce il nuovo docufilm

 



Dalla fine di gennaio è disponibile il mio nuovo documentario MESSICO, ANGELI E DEMONI NEL LABORATORIO DELL'IMPERO (90'), girato interamente in Messico nei mesi scorsi.
Si tratta del primo esaustivo lavoro su un grande paese che, nel concorso tra i padrini USA, da sempre devastatori e spoliatori del Messico, mafie governative, narcotrafficanti e apparato di sicurezza addestrato e guidato da specialisti statunitensi, ha ridotto il paese della prima grande rivoluzione del '900 a un mattatoio umano, sociale e ambientale, senza confronti neppure nei paesi assaltati dalle armate dell'imperialismo.

Nella guerra di classe scatenata, per il più grande e spietato traferimento di ricchezza della storia umana, contro popoli e classi classificati subalterni da una ridottissima e feroce elite mondiale, con cuore e mente negli Stati Uniti, il Messico rappresenta, insieme ai narcostati Colombia, Afghanistan, Kosovo, l'esperimento più avanzato.

Sarà sconcertante constatare come quanto messo in campo in Messico - dominio narcos, militarizzazione capillare, macelleria sociale, collusione e scambio tra istituzioni (e loro vertici) e criminalità organizzata, femminicidio e stragi di Stato, per l'imposizione di un terrore passivizzante e, su tutto, la gestione USA, rafforzatasi con Obama - abbia termini di paragone inconfutabili con quanto accade in altri paesi di obbedienza Usa. In particolare vi troviamo i riferimenti, lì sollevati al parossismo - a un'Italia dove intrecci mafia-istituzioni, autoritarismo, corruzione generalizzata, devastazione morale e giuridica, paraschiavismo sociale, stragi di Stato e di forze occulte, prefigurano un esito di pari tragicità. In questo senso il racconto del Messico ha la valenza aggiunta di un' allarmante lezione per noi.

Nel documentario, che abbraccia il Messico in tutta la sua dimensione geografica e nei suoi aspetti  più rilevanti, storici, politici, sociali, ambientali, accanto a una documentata analisi della situazione, vi sono le voci dei protagonisti: i migranti, vittime di narcos, estortori e bande di assassini, che a centinaia di migliaia ogni anno da questo paese e dal Centroamerica perserguono, il sogno di una vita negli Usa, nel paese che ha depredato e ridotto in miseria il loro; le donne di Ciudad Juarez, mare di sangue al  confine con il Texas, e di tante altre località le cui figlie, sorelle, amiche sono finite nel gorgo senza fine del femminicidio; le stesse donne schiavizzate nelle maquiladoras USA, fabbriche dell'assemblaggio, che sono servite da modello ai Marchionne; i campesinos del Chiapas e di altri territori rurali espropriati, esclusi, perseguitati da forze armate più o meno istituzionali al servizio delle poche decine di latifondisti che controllano il 97% della terra; i giovani senza lavoro, senza diritti, senza paura.

Ma parlano anche, e con voce forte, intellettuali, militanti, organizzazioni, eredi della grande rivoluzione di Zapata e Villa, associazioni di donne che sfidano il terrorismo di Stato e dei narcos, i protagonisti delle rivolte rivoluzionarie di Oaxaca e Atenco, i campesinos zapatisti che hanno colmato il vuoto politico e sociale, anche a livello nazionale, provocato dallo svaporamento dell'EZLN del subcomandante Marcos. Tutta una società messicana con in testa le donne, che, pur nella debolezza dei partiti della sinistra tradizionale, non sembra rassegnata, quanto lo risultiamo noi, alla distruzione della propria nazione, all'obliterazione dei propri diritti, a un modello economico imperiale fondato su miseria e sangue. E anche questa è una lezione.

IL dvd è ottenibile richiedendolo all'indirizzo visionando at virgilio.it,
o tramite il tel/fax 06 99674258.
Verrà inviato, una volta ricevuto l'indirizzo postale, con allegato bollettino di cc postale per €15.00 più spese postali da pagare in Posta.

Per presentazioni con l'autore sono validi gli stessi riferimenti.
Questa  la manchette sul "manifesto":

 

Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso