[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Caso Becerra: perché rinuncio a far parte della redazione della rivista ALBAinformazione




“La solidarietà con il movimento rivoluzionario può essere presa come pretesto, ma non sarà mai la causa delle aggressioni yankee. Negare la solidarietà per negare il pretesto  è una ridicola politica da struzzi, che nulla ha a che vedere con il carattere internazionalista delle rivoluzioni sociali contemporanee. Smettere di solidarizzare con il movimento rivoluzionario non è negargli un pretesto ma solidarizzare di fatto con l’imperialismo yankee e la loro politica di dominio e schiavizzazione del mondo”. (Fidel Castro Ruiz)

 

Cari amici e colleghi, la presente per comunicarvi di aver deciso, dopo un difficile momento di   riflessione, di rinunciare a far parte della redazione  della rivista ALBAinformazione.

 

Tale decisione, sicuramente non facile,  nasce per quanto  accaduto al compagno e  giornalista, Joaquín Pérez Becera,   direttore della rivista ANCOLL e tra i fondatori dell’ Agenzia Bolivariana di Comunicatori (ABC).

 

 Il suo arresto, il 23 aprile scorso, da parte del governo venezuelano e la successiva deportazione due giorni dopo in Colombia, avvenuta violando il Diritto Nazionale e Internazionale,  mi hanno profondamente ferita, come militante anti-imperialista e antifascista, come attivista per la difesa dei diritti umani, come internazionalista ma  soprattutto come persona sempre solidale  verso la Rivoluzione bolivariana, il processo politico in corso in Venezuela di cui il  presidente Chávez  è promotore e anima e verso  il quale proprio per questo,  tutti noi abbiamo un debito morale innegabile ma anche aspettative significative.

 

Oltre a questo, sono avvenuti altri  fatti che considero forse anche più gravi dell’arresto e della detenzione di Joaquín e che hanno fatto in modo che confermassi la mia decisione. Il primo, la dichiarazione del presidente Chávez che ha detto che tutti noi che appoggiamo Joaquín siamo un “movimento infiltrato fino al midollo” e che lo abbiamo “seminato in Venezuela come una patata bollente”. Questo è semplicemente offensivo e inaccettabile e non c’ è altro da aggiungere se non che si tratta di affermazioni completamente gratuite. Secondo, i gravi fatti  di censura avvenuti in TeleSUR  e la destituzione del presidente della Radio del Sur Cristina Gonzáles  da parte del ministro del Potere Popolare per la Comunicazione e Informazione,   Andrés Izarra. Radio del Sur è stata tra i mezzi di comunicazione indipendenti che hanno appoggiato Joaquín e hanno dato copertura alle proteste contro la decisione del governo.

 

Purtroppo le stesse posizioni del governo di Chávez verso Joaquín, e cioè il qualificarlo come “patata bollente” o rivoluzionario irresponsabile, se non infiltrato, o quasi considerandolo un danno collaterale necessario per il proseguimento del processo rivoluzionario, le ho rilevate ion varia misura in questi giorni tra gli stessi membri della redazione della rivista. Anche se a  molti di loro mi unisce amicizia e impegno rivoluzionario, non posso non sentire queste accuse come se fossero dirette contro me stessa o contro altri amici, compagni e giornalisti che si trovano in serio rischio che accada loro quanto accaduto a Joaquín. 

 

Il mio se pur minimo impegno nella redazione della rivista ALBAinformazione, (alla quale era dedicata anche una apposita sezione nel mio sito personale),  l’ho inteso fin dall’ inizio  come  forma con la quale poter esprimere praticamente  quell’ internazionalismo militante, che credo sia   anche una delle forme con le quali si manifesta  la solidarietà sentita come  “tenerezza dei popoli”.

 

Ero convinta che, nel caso del Venezuela e di quel governo che ho sempre considerato “amico”,   questa fosse anche  la  forma con la quale poter coniugare oltre alla solidarietà ai popoli in lotta,  quella verso un governo che proprio quelle lotte afferma di voler difendere e proteggere contro il capitalismo e l’ imperialismo, ma soprattutto contro le potenti oligarchie dei paesi latinoamericani ancora asservite agli Stati Uniti e all' Europa.

 

La solidarietà al governo venezuelano mi sembra un atto dovuto e necessario proprio perché per queste sue posizioni e per le riforme sociali importanti,  che sta attuando nel paese,  si trova continuamente sotto attacco da più fronti, non ultimo quello della minaccia di aggressione militare che gli Stati Uniti possono  dispiegare proprio dalle loro basi situate in Colombia.

 

Il Venezuela rappresenta  per molti di noi   la  speranza per la realizzazione del sogno grande di Simón  Bolívar, l’ integrazione  latinoamericana, la costruzione della Patria Grande;  un’ oasi di resistenza e creatività politica e umana nel Sud del mondo contro la prepotenza e il predominio economico ma anche culturale del Nord.

Per tutto ciò considero la deportazione in Colombia di Joaquin Perez Becerra una gravissima ingiustizia, sia dal punto di vista giuridico,  (contraria alla Convenzione di Ginevra del 1951 che proibisce la consegna di una persona che gode di asilo politico al paese dal quale  tale persona è dovuta fuggire),    ma anche e  soprattutto un atto contrario ai principi della solidarietà rivoluzionaria. Infine, consegnare un uomo nelle mani dei suoi carnefici  non e’ etico e non e’ civile.

Joaquin,  è stato costretto a fuggire dalla Colombia molti anni fa,  per non diventare un numero  in più  degli oltre 4000 morti del genocidio politico della Unión Patriótica, conosciuto con il macabro nome di Baile Rojo. Prima di trovare rifugio in Svezia, paese che gli ha concesso poi lo status di rifugiato politico,  i paramilitari e l’esercito colombiano  sequestrarono e ammazzarono la sua prima moglie.

 

Vorrei far presente al presidente Chávez che perfino l’attuale governo reazionario dell’ Italia,  si è rifiutato appena qualche mese fa di consegnare nelle mani della  Turchia, che ne reclamava l’estradizione,  un  leader del PKK-KURDO arrestato nel  proprio territorio, di nazionalità olandese.

 

Un’ altra scelta è sempre possibile. Esiste sempre una via d’uscita diversa dalla  ragion di Stato,  “spaventoso cancro che tutto divora”, come ha recentemente scritto l’intellettuale argentino Néstor Kohan proprio rispetto a questa vicenda.

 

No,  presidente Chávez, compagni e colleghi di redazione,  non me ne vogliate,  ma io non me la sento di avallare  questa ingiustizia in silenzio, come non me la sento di accettare in  silenzio le accuse che ci sono  state mosse di “ essere un movimento infiltrato fino al midollo”. Questa accusa colpisce in modo basso e infamante tante persone, movimenti sociali e politici ai quali sono vicina e con i quali sono solidale.

 

Joaquín non è un terrorista come noi non siamo infiltrati né dalla CIA  né tanto meno dal  DAS (i servizi segreti colombiani). Non vogliamo mettere in difficoltà nessuno, al contrario abbiamo sempre difeso il processo in corso in Venezuela e lo continueremo a fare. 

 

Joaquín Becerra  è stato invitato tante volte a Caracas per tenere conferenze,  dibattiti e  incontri. Proprio da uno di questi incontri pubblici  è nata la Agencia Bolivariana de Comunicadores (ABC) della quale lui è stato  uno dei  fondatori, della quale fa parte anche il mio sito e che voleva essere uno spazio comunicazionale che desse voce  alle nuove esperienze di costruzione del socialismo in Venezuela, alle lotte del popolo colombiano, alle notizie occultate dai media capitalisti, alle lotte di liberazione dei popoli di altri paesi, come per esempio quello palestinese e libico.

 

Capisco quindi e non sono indifferente ai  tanti segnali di inquietudine, smarrimento, disorientamento e rabbia che quotidianamente mi giungono da amici, colleghi e  compagni di Joaquín, proprio perché in quei segnali  si riflettono le mie  inquietudini e il mio  smarrimento. 

Smarrimento che nasce anche dalla sensazione che da tempo qualcosa stia cambiando in Venezuela, soprattutto rispetto alle relazioni con la vicina Colombia.

 

Non posso che rallegrarmi se  nel progetto di integrazione latinoamericana la Colombia trovi  il suo naturale spazio politico, economico e sociale. Il popolo colombiano non può che trarne giovamento. Non accetto però che questo venga fatto sacrificando ideali, e  soprattutto persone. Qui la vittima sacrificale è un compagno, un giornalista e un militante che ha sempre difeso la Rivoluzione bolivariana dagli  attacchi statunitensi, dalle potenti oligarchie latinoamericane, dai gruppi imprenditoriali legati alle forze conservatrici europee, dai monopoli della comunicazione mainstream.

 

E’ pertanto  sul “nuovo corso” del governo venezuelano  rispetto alla solidarietà rivoluzionaria che ho bisogno di riflettere con calma e obiettività. 

Soltanto un paio di anni fa il presidente Chávez di fronte all’ Assemblea Nazionale parlava in questi termini : “Le FARC e l’ ELN sono forze insorgenti che hanno un progetto politico e bolivariano che qui rispettiamo.”

 

Adesso invece vengono  consegnati nelle mani del governo colombiano membri della guerriglia o giornalisti come fossero criminali comuni e terroristi paragonandoli addirittura a terroristi veri  come Chávez Abarca accusato di essere il mandante e l’esecutore materiale di alcuni dei più gravi attentati contro civili a  Cuba. Oppure allo stesso modo espulsi internazionalisti baschi come Walter Wendelin.

 

Sappiamo che questo “nuovo corso”  non è iniziato con la vicenda di Joaquín. Spero  non corrisponda al vero quanto dichiarato dal ministro della Difesa della Colombia  Rodrigo Rivera al quotidiano colombiano El Tiempo, e cioè  che per distruggere le FARC bisogna chiudere “ogni possibilità alla soluzione politica al conflitto” e che questo si ottiene “attraverso la cooperazione internazionale”, aggiungendo che  “il caso di Joaquín Pérez Becerra è illuminante … i servizi segreti della Polizia riescono a stabilire che lui andrà in Venezuela, e in forma sbrigativa, senza tentennamenti, ci hanno risposto mandandocelo in Colombia. E ci hanno detto che di fronte a qualsiasi informazione  come questa che gli abbiamo dato, risponderanno nello stesso modo”.

 

Bene, vorremmo tutti avere delle risposte dal governo venezuelano rispetto a dichiarazioni inquietanti di questo tipo. Dobbiamo aspettarci che ogni volta che la Colombia richiede al Venezuela  un militante, un rifugiato politico, un giornalista, magari sulla base di accuse costruite ad arte, magari  tirate fuori  dal “famoso” computer di Raúl Reyes, il Venezuela deporterà d’ ufficio?

 

Voglio  continuare ad appoggiare il processo rivoluzionario in corso in Venezuela da una posizione più   defilata, ma non meno solidale.

 

Non  riesco più  a dare il mio contributo a una rivista che è  nata come forma di sostegno internazionalista e appoggio intellettuale a un governo che si dice rivoluzionario e socialista, ma che non esita a  consegnare nelle mani dei suoi carnefici una potenziale vittima.

 

Oltre alla possibilità  di rimanere solidali a un governo a qualsiasi condizione e a qualsiasi costo, anche a prezzo della vita e della sicurezza di un nostro compagno,  sento di  avere la possibilità e anche il dovere di farlo verso  chi lotta dal basso, con tenacia e forse sofferenza e  non si piega a giochi di potere e logiche di Stato.

 

La Rivoluzione bolivariana, quel magnifico progetto politico che fa sperare in una America latina capace di uscire a testa alta dalle infamie delle dittature del passato e dei crimini contro l’umanità,  va oltre l’azione del governo, è attività dei tanti collettivi, tante persone  e forze politiche che senza compromessi  di sorta,  continuano a lottare  contro il capitalismo internazionale, contro l’imperialismo di ogni colore e bandiera, contro la prevaricazione del più forte sul più debole.

 

Continuerò  a sostenere quel progetto comune e coltivare  la speranza che esso rappresenta, al fianco di chi lotta dal basso.

 

“Non esistono poteri buoni”,  diceva una celebre canzone di Fabrizio De Andrè. Forse  aveva ragione…

 

 

Annalisa Melandri

www.annalisamelandri.it

Repubblica Dominicana,  22 maggio 2010

 


Annalisa Melandri 




L'uomo è nato libero ed è ovunque in catene.
J.J. Rousseau

La rivoluzione è un fiore che non muore
La revolución es una flor que no muere


www.annalisamelandri.it
http://boicottaisraele.wordpress.com

http://conferenzamondialedonne.wordpress.com