[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

CON GLI STUDENTI COLOMBIANI IN LOTTA



Sostegno alla lotta degli studenti colombiani contro la riforma e la ley 30   

Solidarizziamo con la lotta degli studenti colombiani contro la Ley 30 (Legge 30) per la riforma dell’educazione, con la quale il Governo Santos pretende di trasformare definitivamente l’educazione in un privilegio, in una merce e in un mezzo per capitalizzare interessi privati, come ha già fatto con la Salute emanando la Ley 100 (Legge 100) che, lontana dall’attendere coloro che hanno bisogno di servizi, è diventata un meccanismo di violazione sistematica di un diritto fondamentale, che danneggia, fa ammalare e uccide perché possano arricchirsi alcune imprese private. Con la Ley 30, pretende che l’educazione si trasformi in profitto per pochi a discapito di debiti impagabili per molti, e che si produca il deterioramento della qualità educativa oltre all’asservimento dei contenuti e del senso della formazione per favorire interessi di capitalizzazione e in contraddizione con le necessità e i diritti della popolazione colombiana.

L’esemplare mobilizzazione che gli studenti colombiani stanno portando avanti dimostra la loro chiarezza d’idee e il loro livello di coscienza, ed è questo il motivo per cui questa causa sta diventando la causa di tutte e di tutti i colombiani e le colombiane. Non è un problema solo degli studenti né del settore accademico ed educativo. Il basso livello dell’educazione, i debiti con interessi, la privatizzazione, l’ansia di profitto li paghiamo tutte e tutti ora e da ora in avanti. Ci ripugna la campagna mediatica piena di distorsioni e bugie con la quale questo governo, che si presenta come un governo di "unità", pretende sminuire una causa che è giusta in tutta evidenza. Mentire perché l’educazione in Colombia diventi un affare, è un atto esecrabile.

Davanti a tutto ciò, ci uniamo alle mobilizzazioni e alla lotta della Colombia contro la Ley 30 e contro la privatizzazione dell’educazione. Chiediamo che l’agenda presentata dagli studenti sia accolta come un mandato nella sua totalità e denunciamo apertamente il carattere ingannevole del governo di Juan Manuel Santos che si presenta al mondo come un democratico mentre favorisce gli interessi dei settori economici a discapito dell’impoverimento e dell’ignoranza dei e delle Colombiani/e. Convochiamo, con il movimento studentesco, alla solidarietà e alla mobilizzazione di tutte e tutti, dentro e fuori della Colombia.

No alla Ley 30. No alla privatizzazione dell’educazione per il profitto privato. Il governo colombiano mente, reprime e deruba il suo popolo.

Manuel Rozental

PDT Alemania

Tejido de Comunicación ACIN

Per qui si sente solidale con gli studenti colombiani e vuole mandare la sua firma, l'indirizzo è: tejidocomunicacion at gmail.com














Sandra_Viviana_Sticker