[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Cile-Movimiento AYSEN



MOVIMIENTO AYSEN-Tu problema es mi problema
 
 
Le lotte sociali che percorrono il Cile, e che hanno in molti casi saldato le rivendicazioni studentesche con quelle dei lavoratori, già da mesi hanno il loro centro nella regione di Aysen, Patagonia, diventata simbolo del disagio e della protesta con l’efficace  slogan, creato dal  vescovo  mons. Luis Infanti de la Mora, e diffusosi rapidamente in tutta la nazione con l’appoggio anche di intellettuali e artisti (tra cui il gruppo Inti Illimani "Nuevo") :"Aysen-tu problema es mi problema".
Le rivendicazioni di Aysen, che lamenta una condizione di isolamento e di disattenzione da parte del governo, partono dalla richiesta di infrastrutture, sussidi per la piccola e media impresa, migliori condizioni di lavoro, per arrivare alla possibilità di essere dichiarata zona franca con agevolazioni tra cui riduzione del costo della benzina,- come è avvenuto in altri Paesi per regioni in qualche modo più isolate e "svantaggiate" geograficamente anche se dotate di bellezze naturali..
Il 15  marzo 2012 il portavoce del governo Andrés Chadwick, accusando i manifestanti di  blocchi stradali ed episodi di violenza, ha giustificato gli interventi anche pesanti dei carabineros avvertendo che  il Governo avrebbe valutato l'applicazione della “Ley de Seguridad” -cosa che puntualmente si è poi verificata nei confronti di 22 abitanti della regione.
La reazione della Chiesa cilena rappresentata dalla Confederazione dei Religiosi del Cile, è  stata di dura condanna:
“Siamo indignati per quello che accade ad Aysen e denunciamo qualsiasi tipo di azione violenta contro i cittadini, qualsiasi negazione dell'esercizio del dialogo pacifico. Siamo contrari ad ogni  eventuale applicazione di leggi (anti-terrorismo, di sicurezza nazionale, per esempio) che non hanno niente a che fare con questi problemi”. Il testo conclude con una nota di speranza: "E' possibile costruire la grande ‘tavola per tutti’, ascoltando l'altro e dimostrando empatia verso i fratelli più deboli" (fonte: Radio Vaticana.org).
Il 20 marzo i dirigenti del Movimiento Social de Aysén inviano al ministro e vicepresidente  Rodrigo Hinzpeter una lettera con la proposta di ritirare i blocchi stradali in cambio della rinuncia del Governo ad applicare la  Ley de Seguridad del Estado ai  22 abitanti della Regione implicati.
La lettera -firmata dai dirigenti della Mesa Social Aysen tra cui Ivan Fuentes e  Misael Ruiz.-chiede anche di  "ritirare le  Forze Speciali dei Carabineros la cui presenza "è una chiara provocazione alla violenza", e di   "onorare gli accordi  ottenuti nelle riunioni  con il ministro dell' Energia, Rodrigo Álvarez, in cui questi si è impegnato a  implementare una zona franca, inclusi i  combustibili, e a realizzare altri punti concordati".
Ma mercoledì   21 marzo, mentre ancora si aspetta una risposta, la violenza esplode. Fonti del luogo attraverso i blog denunciano che le "forze speciali" dei carabineros entrano fin dentro le case  picchiando i lavoratori anche non partecipanti alle manifestazioni, e che si segnalano almeno 27 lavoratori feriti da colpi di bastone.  Un vero e proprio combattimento di 23 ore con le Forze speciali, con incendi, danneggiamento di immobili, feriti da entrambe le parti.
"Mai visto niente di simile a Coyhaique.." dichiara il governatore della zona ."Il centro sembra  una zona di guerra. Ci sono danni per milioni"
La Agrupación Nacional de Empleados Fiscales (ANEF) di Aysén   riferisce che le  Forze Speciali dei Carabineros avrebbero attaccato con bombe lacrimogene  la sede regionale dell’Associazione  in Coyhaique, al cui interno si trovavano persone  ferite che venivano soccorse da personale medico.
Il  presidente regionale dell' organizzazione, Julio López, dichiara :"La polizia ha circondato  la sede, e lanciato bombe lacrimogene pur sapendo che qui c'erano feriti e infermieri che prestavano loro soccorso"
In un documento di denuncia la ANEF (Agrupación Nacional de Empleados Fiscales de la Región de Aysén)  ha quindi redatto e  inoltrato una dura protesta sugli avvenimenti del 21 marzo  in cui si afferma:
 
 "A fronte della crudele repressione ordinata dal Governo contro la nostra regione di Aysen e oggi contro la popolazione  di Coyhaique, che include percosse  ai manifestanti, violenza inusitata contro le persone con uso di proiettili ad aria compressa, bombe lacrimogene, irruzione nelle case, negazione di informazioni sui detenuti, violazioni dei principii umanitari elementari come fornire cure ai feriti,attacchi alla sede Anef e all'ospedale di Coyhaique,
ESIGIAMO:
-il ritiro immediato delle Forze Speciali dei Carabineros che si comportano come truppe di occupazione in Aysen.
-il ritorno immediato di Piñera in Cile (dal Vietnam,.n d r) per aprire il dialogo coi dirigenti regionali.
-la rinuncia del Generale dei  Carabineros Gustavo González a ordinare  la esecuzione della repressione  violenta e brutale contro il popolo del  Cile e della Regione di   Aysén perpetrata nell'ultimo periodo.
-ANNUNCIAMO azioni legali contro il Ministro degli Interni  Rodrigo Hinzpeter che ha abusato
dei suoi poteri contro persone che, come primo dovere, egli deve proteggere.
FACCIAMO APPELLO  alle forze  democratiche del Cile e del mondo perchè dirigano la loro attenzione alla Regione di Aysén che sta subendo la più crudele aggressione di cui si abbia memoria. Siamo alle soglie di una tragedia che deve essere evitata.”
  
 
 
DIANA DI FRANCESCA
 

----
Caselle da 1GB, trasmetti allegati fino a 3GB e in piu' IMAP, POP3 e SMTP autenticato? GRATIS solo con Email.it

Sponsor:
ING DIRECT Conto Arancio. 4,20% per 12 mesi, zero spese, aprilo in due minuti!
Clicca qui