[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: Honduras, ucciso un avvocato per i diritti umani



 
----- Original Message -----
From: Alba .
To: Alba .
Sent: Wednesday, September 26, 2012 4:43 PM
Subject: Honduras, ucciso un avvocato per i diritti umani


http://www.amnesty.it/news/honduras-ucciso-avvocato-per-i-diritti-umani

(26 settembre 2012)

Il grave assassinio di un avvocato honduregno per i diritti umani dimostra che le autorità del paese devono intensificare i loro sforzi per proteggere i difensori dei diritti umani e chi li sostiene -  ha affermato Amnesty International.

Antonio Trejo Cabrera è morto la sera del 22 settembre,  dopo essere stato colpito da cinque proiettili esplosi da un uomo armato di pistola durante una matrimonio, in un sobborgo meridionale di Tegucigalpa, la capitale dell'Honduras. Secondo quanto riportato dagli organi di stampa, l'attentato è stato un atto premeditato, condotto da persone esperte.  

L'avvocato per i diritti umani aveva sporto denuncia dopo aver ricevuto minacce di morte, connesse alla sua attività di rappresentante delle vittime di abusi in una disputa per la terra nella regione del Bajo Aguána, a nord del paese.

"Questo efferato omicidio semina paura tra chi difende i diritti umani in Honduras e deve essere  un campanello d'allarme per le autorità, le quali devono rafforzare drasticamente le misure per proteggere i difensori dei diritti umani e le vittime degli abusi" -  ha dichiarato Guadalupe Marengo, vicepresidente del Programma Americhe di Amnesty International.

"Il presidente Lobo deve rilasciare subito una dichiarazione pubblica che esprima sgomento per questa azione e manifestare sostegno verso i difensori dei diritti umani e il loro diritto a portare avanti il loro lavoro senza minacce, attacchi e intimidazioni."

"Deve essere condotta un'indagine approfondita, indipendente e imparziale su questo omicidio, e i colpevoli devono essere consegnati alla giustizia. Non fare questo significherà continuare a dare il messaggio pericoloso che le autorità dell'Honduras non possono o non vogliono proteggere chi sostiene i diritti umani e lo stato di diritto".


Il conflitto nel Bajo Aguán

Trejo era stato l'avvocato difensore di tre cooperative di contadini coinvolte in una complicata disputa per il territorio nel Bajo Aguán, una valle fertile nel nord del paese.

Aveva aiutato i contadini a riconquistare i diritti sulla terra nella valle e sarebbe dovuto partire per Washington ad ottobre, per prendere parte alle udienze della Commissione interamericana dei diritti umani riguardo alla controversia in corso per quelle terre.

Negli anni recenti, migliaia di lavoratori agricoli hanno occupato terre che, a loro parere, erano state espropriate da ricchi proprietari e da multinazionali. Per oltre un decennio, si sono succedute battaglie legali, i verdetti  emessi sono stati impugnati e ci sono stati diversi sgomberi forzati.

I ripetuti e violenti scontri nella valle hanno causato un elevato numero di morti negli ultimi tre anni, principalmente tra i contadini, ma anche tra i dipendenti dei proprietari terrieri.

La violenza continua, nonostante un accordo stipulato tra il governo dell'Honduras e i proprietari terrieri della valle, che prevedeva la restituzione di 1618 ettari di terreno agricolo ad alcune cooperative contadine. 

Gli addetti alla sicurezza dei proprietari e delle aziende di Bajo Aguán sono stati accusati di una serie di presunti abusi, tra cui minacce ai contadini locali, stupri e altre azioni violente.

"Le radici di queste violenze e l'impunità intorno ad esse devono essere affrontate con urgenza, per evitare un ulteriore aggravarsi della situazione nella regione di Bajo Aguán"  - ha concluso Marengo.

--
web:  copinh.org
blog:  copinhonduras.blogspot.com
fb:     Copinh Intibucá
twitter: @COPINHHONDURAS

Nessun virus nel messaggio.
Controllato da AVG - www.avg.com
Versione: 2012.0.2221 / Database dei virus: 2441/5293 - Data di rilascio: 26/09/2012