[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

R: [latina] Enrique Peña Nieto si insedia con una repressione. Passaggio di potere, ma anche di morti e feriti.



Brava Annalisa, parole giuste e necessarie le tue, visto che qui nessun media dice una parola una, VERGOGNA a loro!
Ma quindi è morto Quinquedal? Mentre il boia di Atenco, corrotto e corruttore oltre al resto, riceve le felicitazioni di (quasi) tutto il mondo...(il suo!) - Per dirne una, leggevo poco fa sulla Jornada di oggi: felicitazioni smodate per l'insediamento del mandante del massacro di Atenco da parte del generale Naranjo, il colombiano, che si felicita calorosamente anche per l'ottimo lavoro svolto da Calderon, chiaramente....
Tutto questo è molto doloroso, e fa paura -
Un caro saluto,
Gaia


----Messaggio originale----
Da: annalisamelandri at yahoo.it
Data: 2-dic-2012 18.02
A: "latina at peacelink.it"<latina at peacelink.it>
Ogg: [latina] Enrique Peña Nieto si insedia con una repressione. Passaggio di potere, ma anche di morti e feriti.

Enrique Peña Nieto si insedia con una repressione. Passaggio di potere, ma anche di morti e feriti.

galleria completa in http://1dmx.wordpress.com
Un morto, Juan Francisco Quinquedal, di 67 anni, circa un centinaio di persone arrestate, oltre cento feriti, sette ore di guerriglia urbana. Così è avvenuto a Città del Messico  l’insediamento del nuovo presidente Enrique Peña Nieto.
Tra i feriti alcuni molto gravi. Juan Francisco Quinquendal, (nella foto) maestro di teatro, militante ed attivista,  ha avuto il cranio squartato da un ordigno esplosivo.
Questa nella foto  è una delle granate, in dotazione  all’esercito, che lanciava la Polizia Federale tra i manifestanti ieri. Più in basso la foto di  un proiettile di gomma, e quella di un ragazzo ferito ad una gamba da uno di queste munizioni, il cui uso indiscriminato, come quello dei lacrimogeni, direttamente sul corpo delle persone e condannato da tutti gli organismi internazionali di difesa dei diritti umani.
Un ragazzo di 25 anni, Carlos Yahir Valdivia, dato in un primo momento per  morto e poi smentita la notizia,  ha rischiato di perdere un occhio. Si trova in gravissime condizioni.
Ci sono stati alcuni episodi guerriglia urbana con negozi e banche assaltati, auto incendiate, furti e rapine. Come ha twitteato il giornalista messicano Epigmenio Ibarra “ Hanno manifestato, hanno votato,  tutto è stato inutile. Si sono stancati. Si sono radicalizzati. Sono passati all’azione diretta. Questo non giustifica la violenza ma la spiega”.
Appare chiaro ed evidente solo a chi non vuol vedere, in Messico (e non solo) il fallimento della “democrazia rappresentativa”,  che vedremo in futuro via via assumere toni più drammatici in tutto il mondo con l’aumentare  della crisi,  che va di pari passo con il diminuire per i giovani delle  possibilità di un futuro dignitoso.
Resta la violenza? Sicuramente no, ma è una componente innegabile della rabbia… Non è violenza fine a se stessa come vogliono far credere i giornali. E’ rabbia di massa che esprime indignazione, miseria, opportunità negate, rifiuto di un governo corrotto e criminale che protegge se stesso con l’impunità.
Ad essa si contrappone la prepotenza e l’alterigia di un sistema, quell0 della “democrazia rappresentativa” che somiglia  sempre di più una monarchia ereditaria. Ci sarebbe da domandarsi, se in Messico, veramente era il caso, in una giornata come quella di ieri,  dove era prevedibile ed erano previsti scontri e dove il conflitto sociale sta alzando i toni in maniera vertiginosa contro un sistema che riproduce se stesso ogni volta  allontanandosi sempre di più  dal popolo, portare avanti, come ad ogni cambio di governo,  la farsa del “cambio di potere” , o dell’”assunzione di potere” o dell”insediamento”. Parole queste,  che veramente rendono bene l’immagine di un potere che si insedia, che si trasferisce , che  passa di mano in mano, che cambia senza cambiare nulla, che si assume, nel senso che assume se stesso,  senza che la base del popolo senta veramente di averlo concesso. Un potere che,  come in una “monarchia”,  passa intatto  da sovrano a sovrano e che in questo passaggio trova la sua conferma e la sua legittimazione.
Quella di ieri, la cerimonia ufficiale in cui il sovrano Felipe Calderón passa la bandiera messicana come se fosse uno scettro al suo successore Peña Nieto poteva e doveva  essere evitata, se almeno la “monarchia” della quale stiamo parlando  fosse stata una monarchia illuminata dal buon senso. Di fatto Calderón ha passato al suo successore Peña Nieto una bandiera piena di sangue e di dolore, quella delle oltre 60mila vittime che hanno caratterizzato il “sextenio lutuoso”,il sessennio luttuoso, come i messicani definiscono  i suoi sei anni di governo.
A questo sangue, Peña Nieto aggiunge nel suo primo giorno, quello  di Juan Francisco Quinquendal, che sicuramente giovane non era, ma che con i giovani, con quelli del movimento YoSoy132, con quelli dei simpatizzanti della Otra Campaña, con quelli di Atenco, perchè di Atenco era anche lui,  condivideva sogni, speranze ed ideali.  E tuttavia come dimenticare oggi Alexis Benhumea e Javier Cortès di soli 14 anni, gli altri morti di Peña Nieto, quelli di Atenco nel  2006, quando lui era governatore dello Stato del Messico e la polizia si macchiò di crimini orrendi nella repressione di quel movimento cittadino in lotta contro la costruzione del nuovo aeroporto internazionale sulle loro terre: violenza  sessuale contro le donne arrestate, torture contro i detenuti, uso indiscriminato della forza  contro i manifestanti, morti e feriti.
Proprio in questo momento , il movimento YoSoy132 emette un comunicato in cui  diffonde la notizia che Juan Francisco Quinquendal non è morto, ma è mantenuto in coma farmacologico, le sue condizioni tuttavia restano gravissime.
Questo non toglie  responsabilità alle autorità messicane che ieri hanno  agito con metodi purtroppo tristemente noti, che riportano ad un passato neanche troppo lontano. Il potere si sente minacciato e al sentirsi minacciato risponde con la sua solita arroganza. Non solo in Messico  i tempi che verranno non lasciano presagire nulla di buono. Forse la crisi economica rappresenterà  un’occasione per smantellare le strutture obsolete e anacronistiche della cosiddetta “democrazia rappresentativa”, forse il momento  concederà  l’occasione per spostare l’ago della bilancia veramente verso “las mayorias”, che reclamano oltre che diritti,  soprattutto maggior partecipazione politica.  Questa parola in spagnolo, meglio che la sua traduzione italiana  in  “maggioranza/e”  rende  il concetto: la maggioranza è quella che ha eletto Peña Nieto, “las mayorias” sono quelli che ieri lo rifiutavano per strada, dopo aver votato, dopo aver assistito al gioco elettorale di compravendita dei voti, per una lavatrice nuova o una spesa al supermercato. Le elezioni in Messico, ma come accade anche nei grandi  Stati Uniti o nella piccola  Repubblica Dominicana le vince chi ha più soldi perché questi rappresentano oggi il vero potere. C’è chi si vende per un cellulare o per una lavatrice, c’è chi crede al suo voto e lo difende nelle urne sapendo che sarà inutile, c’è chi cova e nasconde la rabbia che prima o poi viene fuori. Una grande crepa, forse, per dirla alla John Holloway, si sta aprendo in Messico, nella struttura di potere. Ancora indefinita, ancora incerta sui suoi passi, indecisa e contraddittoria, ma una crepa e queste si sa, vanno solo in avanti.
 
Annalisa Melandri 


L'uomo è nato libero ed è ovunque in catene.
J.J. Rousseau
Derecho que no se defiende, derecho que se pierde