[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Comuni cato stampa: Silenzi o assordante sull’em ergenza Nord Kivu.





 
Mentre si avvicina la ricorrenza del ventennale del genocidio dei Tutsi in Rwanda, che nell’arco di 100 giorni tra l’aprile e il luglio del 1994 ha causato un milione di morti in una carneficina prevista ed evitabile, nella quale il resto del mondo ha preferito non intervenire o ha agito come  complice per ciniche motivazioni geo-politiche ed economiche, l’Italia si mostra ancora distratta riguardo a quanto sta accadendo nel Nord Kivu, cioè in quella parte di territorio Congolese al confine con il Rwanda, intorno alla città di Goma.

Questa è la zona dove nel luglio del 1994 l’Operation Turquoise della Francia garantì accoglienza ed impunità ai genocidari,  comprese le famigerate milizie Interahamwe e quanto rimaneva delle Forze Armate Rwandesi, che fuggivano dal Rwanda incalzati dal Fronte Patriottico Rwandese. Ciò determinò una fortissima destabilizzazione della zona, che ha visto anche la ricostituzione di gruppi armati che si richiamano esplicitamente all’ideologia genocidaria dell’Hutu Power quali le Forze Democratiche di Liberazione del Rwanda (FDLR), e rappresenta motivo di grandissima preoccupazione per il governo e i cittadini Rwandesi, mentre probabilmente, trattandosi di un territorio assai ricco di materie prime, risulta molto utile a trafficanti di vario genere. La forza di mantenimento di pace della Nazioni Unite (MONUSCO), in Congo dall’inizio degli anni 2000, nonostante le dimensioni (tra i 16.000 e i 20.000 uomini) ed i cospicui finanziamenti, non sembra avere ottenuto grandi risultati, ed è stata accusata di inerzia e, in qualche caso, di connivenza con il traffico illegale di oro e avorio e con le FDRL.

Probabilmente anche a causa di questa reputazione, che la rende invisa alla popolazione locale, a luglio di quest’anno la MONUSCO, a guida francese, si è dotata di una “Brigata d’Intervento Offensivo”, alla quale sono permesse azioni di guerra. Si è creata quindi una situazione che vede MONUSCO, Forze Armate della Repubblica Democratica del Congo (FARDC) e i genocidari delle FDRL uniti  contro l’M23 (Movimento 23 Marzo, milizia congolese il cui ex capo Bosco Ntaganda, imputato per crimini di guerra e rifugiatosi in Rwanda, è stato consegnato al Tribunale Penale Internazionale dell’Aia). Il governo Rwandese, accusato di sostenere l’M23, ha sempre negato in tutte le sedi tale addebito. La MONUSCO è composta prevalentemente da soldati di Paesi africani ed è guidata operativamente dalla Tanzania, nazione in forti difficoltà con il Rwanda, che recentemente a titolo di ritorsione ha espulso dal proprio territorio tutti gli immigrati di origine Rwandese.

Questa situazione, oggetto di un appello internazionale pubblicato sul sito di Bene Rwanda (http://www.benerwanda.org/?p=2193), fa temere la ripresa del disegno genocidario iniziato nel 1959 e tragicamente esploso nel 1994; anche in questo caso la comunità internazionale, se non direttamente interessata nel manipolare le informazioni per nascondere il proprio ruolo, appare drammaticamente assente, nonostante si accumulino i segnali preoccupanti (ad esempio l’esplosione di bombe inviate dal territorio congolese in Rwanda che hanno ucciso una donna e ferito il suo bambino).

Facciamo quindi appello alle fonti di informazione indipendenti affinché diano adeguata copertura a questi avvenimenti, perché la memoria del genocidio dei Tutsi del Rwanda del 1994 e il “mai più” che allora ne seguì servano veramente a proteggere le popolazioni, perché l’Italia si impegni in prima persona per una soluzione politica e negoziata della crisi del Nord Kivu invece di lasciare spazio, nel silenzio, alle armi.


--
Se non desidera ricevere le nostre news per favore invii una mail a info at benerwanda.org con oggetto "cancella"


Per maggiori informazioni:

info at benerwanda.org,

www.benerwanda.org




--
Se non desidera ricevere le nostre news per favore invii una mail a info at benerwanda.org con oggetto "cancella"


Per maggiori informazioni:

info at benerwanda.org,

www.benerwanda.org

Allegato Rimosso