[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Latina] I: HONDURAS, ELEZIONI 2013 - IL DOPO



 

 

Da: Alba Inviato: mercoledì 27 novembre 2013 00:12
A: Alba ..
Oggetto: HONDURAS, ELEZIONI 2013 - IL DOPO

 

ROR 87.9 Latinoamericana – Corrispondenza dall’Honduras sulle elezioni

 

Corrispondenza con un compagno dall’Honduras il giorno dopo le elezioni. Proclamato vincitore Orlando il partito di sinistra Libre accusa brogli. continua>>>

_______________________________________

 

Honduras: dopo il golpe USA, i brogli elettorali

La Missione Sindacale Internazionale di Osservazione Elettorale ha denunciato ieri le “pesanti prove della frode elettorale” che si sta consumando nelle elezioni di domenica scorsa in Honduras. L’ufficio elettorale centrale infatti ha sancito ieri sera la vittoria del candidato della destra golpista, il leader del Partito Nazionale espressione dell’oligarchia Juan Orlando Hernández, nonostante le denunce del Partido Libertad y Refundación (Libre), formato dagli ambienti vicini all’ex presidente Manuel Zelaya defenestrato nel 2009 da un colpo di stato guidato da esercito e Confindustria. Continua>>>

__________________________________

 

Elezioni Honduras: non cambia nulla, la presidenza va di nuovo ai conservatori

Doveva cambiare tutto ed invece non cambia nulla in Honduras. Juan Orlando    Hernández, il candidato del conservatore Partido Nacional, ha vinto con un comodo vantaggio, di circa sei punti percentuale su Xiomara Castro, moglie dell’ex presidente Mel Zelaya, deposto dal colpo di stato del 2009, ed esponente della coalizione di sinistra Libre. La Castro, durante la campagna elettorale, aveva chiesto agli honduregni di presentarsi a votare in grande numero e la forte ed inusuale affluenza registrata alle urne aveva fatto pensare ad una vittoria della candidata di Olancho. Niente di tutto questo: a prendere possesso della presidenza il prossimo gennaio, sarà Hernández, attuale presidente del Congresso e garante della continuità con l’attuale governo. Xiomara Castro non ha riconosciuto il verdetto. Parla di brogli che interessano almeno il 20% delle schede e promette la mobilitazione dei suoi a partire da oggi. Continua>>>

__________________________________

 

HONDURAS SENZA PACE

Non c’è pace per il piccolo Honduras e per la sua “democrazia di facciata”. Con una inusuale affluenza alle urne (più del 60%), l’Honduras ha votato la scorsa domenica  per eleggere il Presidente, i vicepresidenti, 128 parlamentari e diversi sindaci. Mentre scriviamo questa nota è in atto una “guerra di cifre” sui risultati elettorali e c’è una forte tensione dietro la calma apparente che regna a Tegucigalpa e nelle altre città.

Infatti, mentre continua lo spoglio delle schede (poco più della metà), almeno due partiti dichiarano di disconoscere i risultati elettorali  e denunciano clamorosi brogli. Continua>>>

 

 

 

 

--
escuchenos:
http://giss.tv:8000/guarajambala.mp3.m3u
web:  copinh.org
blog:  copinhonduras.blogspot.com
fb:     Copinh Intibucá
twitter: @COPINHHONDURAS




Questa e-mail è priva di virus e malware perché è attiva la protezione avast! Antivirus .