[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Il Ministero dell'istruzione del Brandeburgo cancella il genocidio armeno dal programma di storia



www.gfbv.it/2c-stampa/2005/050125it.html

Turchia / Genocidio armeno
Il Ministero dell'istruzione del Brandeburgo cancella il genocidio armeno dal programma di storia

Bolzano, Göttingen, 25 gennaio 2005

Invece della negazione del genocidio armeno da parte del governo brandeburghese nel programma scolastico, bisognerebbe rifare i programmi scolastici alla Turchia neo candidata all'entrata nell'Unione europea: questo quanto chiede l'Associazione per i popoli minacciati (APM) dopo che questo Ministero della Repubblica Federale tedesca ha ceduto alle pressioni della Turchia. Per gli studenti significa conoscere gli avvenimenti che hanno caratterizzato i sanguinosi anni della fondazione della Repubblica turca, l'annientamento di oltre 1 milione e mezzo di Armeni, 500.000 Assiro-caldei di lingua aramaica, diverse centinaia di migliaia di Kurdi e almeno mezzo milione di propri cittadini greco ortodossi. Senza il chiaro riconoscimento e la netta condanna di questo genocidio la Turchia non è certo la benvenuta in Europa.

La SPD del Brandeburgo e il governo dello stato federale dovrebbero subito interrogarsi su che tipo di elaborazione del passato e del presente vogliono che passi ai propri studenti. Evidentemente si preferisce trasmettere opportunismo e mancanza di coraggio civile. Il genocidio armeno è stato il primo genocidio del XX secolo: senza la memoria di questi drammi gli eventi saranno inevitabilmente destinati a ripetersi.

Vedi anche:
* www.gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040419it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040223it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040121it.html | www.gfbv.it/2c-stampa/01-3/011221it.html | www.gfbv.it/3dossier/armeni/armeni.html | www.gfbv.it/3dossier/kurdi/indexkur.html | www.gfbv.it/3dossier/kurdi/kurtur-it.html

* www: www.zadigweb.it/amis/ric.asp?id=4 | www.armenian-genocide.org | www.cilicia.com/armo10.html | www.comunitaarmena.it | www.crimesofwar.org