[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

AL VIA IL BANDO DI CONCORSO DELLA XI EDIZIONE DEL PREMIO ILARIA ALPI



AL VIA IL BANDO DI CONCORSO DELLA XI EDIZIONE DEL PREMIO GIORNALISTICO
TELEVISIVO "ILARIA ALPI"

Sono ancora le produzioni di giornalisti indipendenti e il giornalismo
d'inchiesta al centro del bando di concorso della XI edizione del Premio
Giornalistico Televisivo "Ilaria Alpi". Il Premio Ilaria Alpi, per
dimostrare anche quest'anno la forte attenzione per i documentari
giornalistici inediti e per le produzioni televisive europee ha confermato
le sezioni "Premio Produzione" e "Premio Europa".

Se il Premio Produzione, riservato ai  free lance italiani è la
dimostrazione dell'interesse verso  le produzioni che non passano in
televisione, il Premio Europa conferma l'attenzione del concorso per
la dimensione transnazionale del giornalismo d'inchiesta.

Il concorso, dedicato alla giornalista Rai uccisa a Mogadiscio (Somalia)
nel marzo 1994 insieme al telecineoperatore Miran Hrovatin, è promosso
dalla Regione Emilia Romagna, dal Comune di Riccione e dalla Provincia di
Rimini ed organizzato dall'Associazione culturale riccionese Comunità
Aperta. La premiazione si svolgerà a Riccione dal 2 al 4 giugno 2005.

Solidarietà, non violenza, giustizia e diritti umani sono le tematiche
sociali su cui devono concentrarsi i servizi televisivi d'inchiesta che
vogliono concorrere al Premio. Il bando scade il 23 aprile 2005.
Le sezioni "storiche" sono tutte confermate: dal Premio Miran Hrovatin per
telecineoperatori, a quelle dedicate ai giornalisti che realizzano servizi
da tg, per le rubriche, o  per inchieste e reportage d'approfondimento, a
quella riservata alle Tv locali e regionali fino al Premio Giovani rivolto
ai giornalisti under 32. Per quest'ultima è prevista una giuria ad hoc
composta esclusivamente dagli studenti delle scuole superiori.

Ci sono inoltre il Premio Produzione rivolto ai reportage televisivi
inediti, ossia mai trasmessi dalle emittenti tv nazionali e il premio
Europa riservato ai giornalisti e alle redazioni delle emittenti europee.
Per il vincitore del Premio Produzione il riconoscimento sarà l'acquisto e
la trasmissione del reportage da parte di Rai  Tre e di Rai News 24.
A decretare il vincitore ci sarà una giuria a parte composta: da Italo
Moretti, presidente della Giuria del Premio Alpi;  Paolo Ruffini, direttore
di Rai Tre; Roberto Morrione, direttore di Rai News 24; Paolo Serventi
Longhi, Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa
Italiana e Gerardo Bombonato Presidente dell'Ordine dei Giornalisti
dell'Emilia Romagna.
Il Premio Europa invece sarà rivolto a tutti i giornalisti o alla redazioni
delle emittente televisive europee, che potranno partecipare inviando fino
a tre reportage giornalistici che trattino tematiche sociali.

Riproposto infine, anche il Premio della Critica riservato a servizi
d'approfondimento trasmessi dalle emittenti televisive italiane, segnalati
da una giuria di critici televisivi arricchita - per l'edizione 2005 - da
Antonio Dipollina del Venerdì di Repubblica, e composta da Alessandra
Comazzi (La Stampa), Norma Rangeri (Il Manifesto), Roberto Levi (Il
Giornale), Mirella Poggialini (Avvenire), Giovanni Volpi (Tv Sorrisi e
Canzoni) e Giorgio Vecchiato (Famiglia Cristiana).

I servizi segnalati dai critici entreranno di diritto nel concorso e
saranno visionati dalla giuria ufficiale del Premio presieduta da Italo
Moretti e composta da Ettore Mo (inviato speciale del Corriere Della Sera),
Clemente Mimun (direttore Tg1), Mauro Mazza (direttore Tg2), Alessandro
Banfi (vicedirettore Tg5), Claudio Brachino (vicedirettore Studio Aperto),
Luca Ajroldi (già direttore TmcNews), Angela Buttiglione (direttore Tgr
Rai), Antonio Di Bella (direttore TG3), Emilio Fede (direttore Tg4), Emilio
Carelli (direttore Sky Tg24), Paolo Meucci (Consulente Tg2 Dossier),
Giovanna Lio (Sky -Tg24), Andrea Vianello (Rai Tre), Paola Palombaro
(Effetto Reale - La 7), Romano Tamberich (Sky). A visionare le immagini per
il Premio Miran Hrovatin ci saranno  i telecineoperatori professionisti
Stefano Paolillo e Gianfranco Rados.
Confermato l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica
Italiana.  Rinnovata  poi la fiducia al Premio, attraverso i patrocini
anche dalla Camera dei Deputati, dalla Rappresentanza in Italia della
Commissione Europea, dall'Ordine dei Giornalisti Nazionale e dal
Segretariato Sociale della RAI.

Il Premio Ilaria Alpi è promosso grazie alla collaborazione della Rai,
dell'Ordine dei Giornalisti dell'Emilia Romagna, della Federazione
Nazionale della Stampa Italiana e dell'UsigRai.

Coop, BCC - Credito Cooperativo, Block 60 e Fondazione Cassa di Risparmio
di Rimini sono gli sponsor di questa edizione.


PER ISCRIVERSI:
<http://www.ilariaalpi.it/premio/come_partecipare/scheda.html>http://www.ilariaalpi.it/premio/come_partecipare/scheda.html

Segreteria organizzativa Premio Ilaria Alpi,

c/o Comune di Riccione - Villa Lodi Fè

Via delle Magnolie, 2 - 47838 Riccione (RN).

Tel: ++39 0541 691640

Fax: ++39 0541 475803

<http://www.ilariaalpi.it/>www.ilariaalpi.it


Ci preme comunicarLe che nel rispetto del Codice della Privacy
(D.Lgs.n.196/2003) che prevede la tutela delle persone e di altri soggetti
rispetto al trattamento dei dati personali,  i Suoi dati personali raccolti
e registrati su supporti prevalentemente automatizzati sono utilizzati con
il solo obiettivo di informarLa sulle attività nostre e di altri soggetti
culturali che operano senza fini di lucro nella organizzazione e promozione
degli audiovisivi in particolare di quelli giornalistici e sociali. Il
trattamento dei dati è improntato ai principi di correttezza, liceità,
trasparenza e tutela della riservatezza e dei relativi diritti, secondo
quanto indicato dalla legge.

La informiamo, inoltre, che il titolare del trattamento dei dati personali
è l'Associazione Comunità Aperta con sede legale in Viale Diaz, 6 47838
Riccione (Rn) e che il responsabile del trattamento è il presidente
dell'Associazione  Pasquale D'Alessio. L'Associazione Comunità Aperta Le
assicura l´esercizio dei diritti previsti dal Titolo II del Codice della
Privacy; in particolare, mediante istanza verbale o scritta, ha il diritto
di conoscere i dati trattati, di farli aggiornare e rettificare nonché,
eventualmente, di integrarli. Inoltre, Lei potrà in ogni momento richiedere
la cancellazione in blocco dei dati trattati. In particolare,  qualora non
intendesse più ricevere nostre comunicazioni può rivolgersi al responsabile
del trattamento dei dati personali scrivendo a:
<mailto:info at ilariaalpi.it>info at ilariaalpi.it