[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fine della controversia legale che ha coinvolto PeaceLink



Comunicato congiunto

24 febbraio 2005

Con riferimento alla vicenda che ha portato il Prof. Corrado Maria Daclon ad avviare una azione giudiziaria in sede civile per aver riscontrato il suo nome in un appello di natura politica che egli non aveva mai sottoscritto né condiviso, pubblicato, tra l'altro, anche sulle pagine di un forum del sito della associazione Peacelink, il Prof. Daclon e l'associazione Peacelink constatano e convengono che non era intenzione dei convenuti voler recare danno con la pubblicazione della pagina web che Marina Berati aveva inserito sul sito di PeaceLink e nella quale, in calce ad un appello dal titolo "Manifesto per un forum ambientalista", appariva anche la firma del Prof. Daclon. Nel testo di quell'appello, prelevato da un altro sito web, la firma del Prof. Daclon era apparsa senza che egli fosse stato mai interpellato e pertanto senza la sua autorizzazione. Marina Berati, ignara di ciò, ne aveva dato diffusione, qui ribadendo la sua totale buona fede. Non di meno si riconosce al Prof. Daclon il pieno diritto di non vedere pubblicato il proprio nome in calce ad appelli estranei o contrari alle sue più intime convinzioni. La citazione in giudizio ha suscitato un vivo dibattito e Peacelink ha sollecitato dichiarazioni di solidarietà che in automatico apparivano su una bacheca telematica. Purtroppo, assieme a civili attestazioni di solidarietà, nella bacheca telematica sono apparsi anche alcuni messaggi di riprovevoli insulti e minacce, che pertanto sono stati cancellati e che ovviamente Peacelink condanna in modo fermo come ogni altra forma di intolleranza e violenza poiché estranee alla storia e ai principi a cui Peacelink è ispirata. Peacelink manifesta, pertanto, il proprio apprezzamento verso il Prof. Daclon, riconoscendo pienamente ciò che egli ha svolto e rappresenta a livello nazionale ed internazionale, per aver saputo e voluto scegliere la strada della conciliazione, che consentirà di inviare e rendere subito disponibili i fondi raccolti da Peacelink per i progetti promossi dal missionario comboniano Padre Renato Kizito a Nairobi.

Marina Berati, Alessandro Marescotti, Giovanni Pugliese e Corrado Maria Daclon