[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

CVGG newsletter n.10



COMITATO VERITA' E GIUSTIZIA PER GENOVA
NEWSLETTER n. 10 - febbraio 2005
<>www.veritagiustizia.it - <>info at veritagiustizia.it - via San Luca 15/7,
16124 GENOVA
Conto corrente postale n. 34566992 oppure ABI 07601 - CAB 01400 - c/c
numero 34566992
---------------------------------------------------
SOMMARIO

1. La raccolta fondi
2. Finalmente Bolzaneto
3. La Diaz ad aprile
4. Il processo per devastazione e saccheggio
5. La prescrizione

------------------------------------------------------------

1. LA RACCOLTA FONDI
I procedimenti giudiziari, come diciamo sotto, stanno entrando nel vivo,
perciò è importante intensificare la raccolta fondi, in modo da garantire
un adeguato sostegno al lavoro dei legali e alle parti civili. Sappiamo che
i processi saranno lunghi, dureranno anni, e quindi abbiamo necessità di
programmare il nostro futuro: le strutture da mantenere, a cominciare dalla
sede, le spese per le innumerevoli attività connesse ai processi. Perciò
rilanciamo il nostro appello a tutti i cittadini, affinché non facciano
mancare il loro sostegno: questo è il momento di essere presenti, di agire
affinché non si dimentici e la ricerca di verità e giustizia sia svolta, da
parte nostra, con strumenti adeguati. I membri del Comitato sono
disponibili a partecipare a incontri, cene di finanziamento, iniziative
varie.
Abbiamo rilanciato la nostra campagna "Adotta un manifestante" anche verso
i parlamentari, chiedendo un contributo. Fra i primi a rispondere con un
versamento sul conto corrente figura Vittorio Agnoletto, ex portavoce del
Genoa Social Forum. Pubblicheremo sul sito i nomi dei parlamentari aderenti
a questa iniziativa.


2. FINALMENTE BOLZANETO
Finalmente il 26 gennaio è cominciata l'udienza preliminare per i fatti di
Bolzaneto. Ci sono voluti tre anni e mezzo perché le indagini si
concludessero, con la richiesta di rinvio a giudizio per 47 persone fra
carabinieri, poliziotti, agenti penitenziari, medici e infermieri. Le parti
civili costituite sono finora 137: fra loro anche tre coppie di genitori di
ragazzi finiti nella caserma. Le parti lese che non lo hanno ancora fatto
(ed eventualmente anche altri genitori) sono ancora in tempo a costituirsi
come parti civili al processo: possono farlo durante l'udienza preliminare
o all'inizio del processo vero e proprio.
Ci vorranno ancora alcuni mesi, ossia una lunga serie di udienze, prima che
il giudice decida se accettare o meno la richiesta di rinvio a giudizio. Lo
abbiamo detto mille volte lo ribadiamo. Bolzaneto è la nostra Abu Ghraib, è
la riprova che il fenomeno della tortura riguarda da vicino anche le
democrazie occidentali. E' ora che gli italiani aprano gli occhi: gli abusi
sui detenuti, che a Genova furono plateali e avvennero in un clima da
dittatura sudamericana, riguardano le nostre caserme e le nostre carceri.
Non possiamo permettere che continui l'ipocrisia dell'opinione pubblica e
di gran parte del nostro ceto politico: l'Italia ha seri problemi da
affrontare quando si parla di rispetto dei diritti umani. Decine, centinaia
di segnalazioni di Amnesty International, Antigone e altre organizzazioni
si sono accumulate nel corso degli ultimi anni, ma ancora siamo uno dei
pochi paesi europei a non avere una legge che disciplini la tortura. Il
procedimento per i fatti di Bolzaneto può essere l'occasione per rimettere
in agenda la questione. L'avvio dell'udienza preliminare per Bolzaneto è
passato quasi inosservato: pochissime notizie sui quotidiani, nessuna
notizia in televisione. E i politici - incluse le opposizioni - hanno
taciuto, come se niente fosse avvenuto...

- Lettera aperta alla Gad (ora Unione) di Lorenzo Guadagnucci
<>http://www.veritagiustizia.it/comunicati_stampa/perche_taci_su_bolzaneto.php

3. LA DIAZ AD APRILE
Il processo per i 28 agenti e dirigenti di polizia rinviati a giudizio per
i fatti della scuola Diaz comincerà il 6 aprile (anche in questo caso
eventuali parti lese che non lo abbiano ancora fatto, potranno costituirsi
come parti civili). Sarà un appuntamento particolarmente importante, perché
sarà il primo, concreto passo verso quell'obiettivo che ci siamo prefissi
fin dalla nascita: ottenere giustizia nei tribunali per gli innumerevoli
abusi compiuti dalle forze dell'ordine durante il G8 di Genova. Sarà un
processo di rilievo nazionale e internazionale. E' facile prevedere che
anche la stampa straniera seguirà l'evento con attenzione, perché saranno
in aula alcuni dirigenti collocati ai piani più alti della polizia di
Stato. In Italia in questi anni l'attenzione attorno ai procedimenti
giudiziari è stata intermittente, e soprattutto ha solo lambito la nostra
classe politica, che salvo alcune eccezioni preferisce non occuparsi di un
tema ritenuto troppo scottante. Eppure sappiamo che la giustizia dei
tribunali, se mai si arriverà a delle condanne, sarà un risarcimento solo
parziale della ferita aperta a Genova nel luglio del 2001. Non ci
stanchiamo di chiedere al mondo politico un serio esame di coscienza e una
valutazione a tutto campo degli effetti prodotti dalla sospensione dello
stato di diritto vissuta quattro anni fa. I dirigenti delle forze
dell'ordine sembrano inseguire il traguardo dell'impunità, o almeno della
prescrizione, e si rifiutano di ammettere i propri errori e di fare i conti
con le proprie gravi responsabilità. Il parlamento dovrebbe decidersi a
mettere all'ordine del giorno almeno quei provvedimenti che abbiamo
raccolto nella petizione "Mai più come al G8", o almeno la coalizione di
centrosinistra dovrebbe  includerli nel proprio programma di governo in
vista delle elezioni del 2006. I segnali che arrivano non sono
incoraggianti, ma non ci stanchiamo di inclazare i nostri politici.

- Una lettera aperta di Enrica Bartesaghi a Piero Fassino
<>http://www.veritagiustizia.it/comunicati_stampa/lettera_aperta_al_compagno_piero_fassino.php


4. IL PROCESSO PER DEVASTAZIONE E SACCHEGGIO
Proseguono intanto a Genova le udienze del processo contro 25 manifestanti
accusati di devastazione e saccheggio. Il giudice sta ascoltando decine di
testimonianze. E' difficile fare una sintesi dell'andamento del processo.
Hanno colpito, nelle deposizioni di alcuni agenti delle forze dell'ordine,
le contraddizioni e addirittura le amnesie. Sono emersi episodi inquietanti
come la prova che alcuni agenti usarono mazze e altri strumenti fuori
ordinanza. All'inizio di febbraio è stato ascoltato anche Giulietto Chiesa,
presidente onorario del Comitato Verità e Giustizia per Genova, che ha
confermato ciò che vide, in particolare, il 20 luglio. Giulietto si è
soffermato sugli errori compiuti dalle forze dell'ordine, come la carica al
corteo delle tute bianche senza lasciare vie di fuga, o la caccia all'uomo
scatenata contro i manifestanti. E' stata una deposizione importante, che
contribuirà a una compiuta ricostruzione dei fatti.

5. LA PRESCRIZIONE
Sui processi di Genova, o meglio su quelli per la Diaz e Bolzaneto (nel
processo ai 25 si contestano accuse con pene molto più gravi, fino a 15
anni di carcere), incombe il pericolo della prescrizione. Un pericolo che
diventerà una certezza se sarà approvata la legge detta "salva-Previti". Le
inchieste sono state lunghissime e i processi, che contano decine di
imputati e testimoni, non saranno da meno. I reati contestati comportano
però pene relativamente basse (nei casi più gravi fra i cinque e i sette
anni): in sostanza questi processi rientrano nella casistica destinata a
cadere sotto la scure della prescrizione abbreviata. Questa situazione
ovviamente non cambia il nostro impegno, ma fa capire quanto i fatti di
Genova siano correlati alla stagione politica che stiamo vivendo. E' facile
prevedere che le difese degli imputati faranno il possibile per allungare i
tempi e arrivare alla prescrizione, specie se sarà approvata la
"salva-Previti" con l'attuale formulazione. Tutto questo, in ogni caso, non
toglie valore ai procedimenti in corso: non siamo animati da spirito di
vendetta, ma da senso di giustizia, e crediamo che sia comunque importante
avviare i dibattimenti e procedere con i vari gradi di giudizio. Gli
escamotage sono quello che sono: dei mezzucci che poco hanno a che fare con
la ricerca della verità e col senso di responsabilità che deve animare chi
rappresenta le istituzioni democratiche.

----------------------------------------------------------------------

<>http://www.veritagiustizia.it