[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Osservatorio Iraq Newsletter 14/05








Osservatorio Iraq

Newsletter 14/05

13 ? 28 settembre





Tra poco più di due settimane, il 15 ottobre, gli iracheni e le irachene
saranno nuovamente chiamati alle urne per votare nel referendum sulla
Costituzione
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/cerca.php?stringa=costinl>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/cerca.php?stringa=costinl).

La versione ufficiale del testo e' stata consegnata in ritardo alle Nazioni
Unite, che devono ancora stamparla e distribuirla alla popolazione.
L'attenzione adesso si concentra sulle posizioni che prenderanno i leader
più influenti in merito al referendum stesso. Sembra scontato che tutti ( o
quasi) inviteranno a votare, ma resta ancora da stabilire che indicazione
di voto daranno.

Secondo quanto riportato da organi di stampa, ma non confermato,  il grande
ayatollah Ali al Sistani si sarebbe pronunciato per il si, mentre uno dei
portavoce di Moqtada Al Sadr ammette
(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1423)
he non c'e' ancora una posizione ufficiale. I partiti sunniti sono per la
maggior parte per il no, come sostiene anche Saleh Mutlaq
(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1447)
mediatore per parte sunnita nel comitato per la Costituzione.



Ma la campagna elettorale rischia di essere oscurata da altre questioni,
tra cui la ormai sempre più pressante richiesta di ritiro delle truppe
prima di qualsiasi altra consultazione popolare, sia essa referendaria o
elettorale. Quanto avvenuto nei giorni scorsi a Bassora

(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/cerca.php?stringa=bassoranl)
, quando le truppe inglesi hanno liberato con la forza due loro commilitoni
arrestati, riapre il dibattito sulla sovranità dell'Iraq e delle sue forze
di sicurezza. E nei paesi dei governi legati alla coalizione inasprisce
ancora di più il dibattito

 (
http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1454)
su un eventuale ritiro.



Il governo iracheno non brilla nel frattempo nè per trasparenza ne' per
onestà, se e' vero che i suoi ex ministri sono stati messi sotto accusa per
corruzione (
http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1468),
una corruzione che tra l'altro peggiora ancora di più la situazione
sociale, impedendo l'accesso al cibo a gran parte della popolazione (
http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1428)



Se questo non bastasse a rendere difficile una campagna referendaria così
delicata, le operazioni militari continuano a far fuggire le popolazioni di
intere città. Non sono ancora rientrati i profughi di Tal Afar
(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1435)

che già e' iniziata la fuga degli abitanti di Samarra
(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1421)
, terrorizzati dalle voci di irruzioni statunitensi.  E quando non sono i
carri armati ad intervenire, bastano anche le truppe ordinarie, che
prendono possesso dei tetti e delle case

 (http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1419)
per colpire i "nemici", arrestando in maniera indiscriminata, come
denunciato persino dal Ministro della Giustizia iracheno

(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1420).

E mentre in America si conclude il processo a Lyndye England
(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1465)
, giudicata colpevole per sei reati su sette, Human Righs Watch pubblica un
nuovo rapporto

(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1458
)  sulle torture, realizzato grazie alle testimonianze di chi le torture le
ha praticate: ma questo tema non riesce ad entrare nell?agenda
(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1462)
del pacifismo americano.



OsservatorioIraq.it  è un progetto di'informazione della associazione Un
ponte per... totalmente autofinanziato. Se vuoi che continui a vivere
SOSTIENILO.

PUOI SOTTOSCRIVERE ORA CLICCANDO QUI
<>http://www.unponteper.it/chisiamo/form_e_payment.html?UP0128


Conto corrente postale 59927004

Conto Bancario 100790 ABI 05018 CAB 12100 CIN: P - Banca Popolare Etica

intestati ad "Associazione Un ponte per..."

causale : osservatorio iraq



Contatti: <>www.osservatorioiraq.it - <>info at osservatorioiraq.it - telefono
0644702906