[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Comunicato Stampa] Genova, 17.11.05 Diaz. Primi riconoscimenti di funzionari: "Si voltavano dall'altra parte"




Oggi si è tenuta la decima udienza del processo Diaz nell'aula bunker del
tribunale di Genova.

Due le testimonianze di questa lunga giornata (l'udienza è terminata alle
17.30). Il primo è D.A., ragazzo tedesco pestato a sangue al primo piano
della scuola Pertini. Quando vede da una finestra l'arrivo della polizia e
comincia a sentire le urla, decide insieme agli altri di mettersi fermo
con le mani alzate. I poliziotti arrivano a passo veloce, "urlando, e con
i gesti ci hanno fatto capire che dovevamo sederci. Poi si sono fermati
davanti a ciascuno di noi e hanno iniziato a picchiarci con i manganelli
soprattutto sulla testa. Sembrava che appositamente volessero colpirci
sulla testa, con tutta la loro forza". Un pestaggio metodico, tutte le
persone presenti in quel corridoio vengono massacrate e restano
sanguinanti sul pavimento. A questo punto D. ricorda due funzionari in
abiti civili di cui uno con casco e barba. Non viene affettuato in aula
alcun riconoscimento, ma di funzionari con la barba e il casco alla Diaz
ce n'è uno solo: Francesco Gratteri, allora direttore dello Sco.

D. vede anche l'episodio utilizzato come giustificazione dell'irruzione:
la fantomatica aggressione alla pattuglia comandata da Di Bernardini. D. è
molto preciso e sicuro: "c'era tanta gente nel cortile e sulla strada.
L'arrivo delle pattuglie sembrava una provocazione. C'erano persone che
gli hanno urlato assassini, ma nessuno ha lanciato nulla e le macchine si
sono allontanate senza fermarsi".

D. viene portato all'ospedale dove, il giorno dopo gli viene diagnosticato
un ematoma cerebrale, e viene operato d'urgenza. Quando si risveglia si
rende conto di essere continuamente sorvegliato dalla polizia, senza che
nessuno gli spieghi che è in stato di arresto. La tragedia si trasforma in
farsa quando una mattina viene portato in barella per fare una tac e un
carabiniere ha la bella pensata di mettergli le manette legandole alla
lettiga. Peccato che poi queste manette non riescono più ad aprirle e
verranno aperte solo da un fabbro "con la cassetta degli attrezzi" circa
sei ore dopo.

La seconda teste è V.B. anche lei parte offesa che si trovava nella
palestra. Più fortunata di D., perché "avevo altre persone davanti che mi
hanno fatto da scudo umano", racconta con precisione tutta la fase del
pestaggio nella palestra compresa la presenza di alcuni funzionari in
borghese mentre ancora gli agenti pestano a calci e manganellate i ragazzi
portati giù dal primo piano: "ricordo che i funzionari mentre gli agenti
continuavano a picchiare le persone si voltavano di spalle. Ho avuto
l'impressione che volessero chiudere un occhio, come di fronte ad una
marachella".
E uno di questi due funzionari V.B. l'ha visto bene, e lo ricorda anche
perché lo rivede qualche giorno dopo, nella tv del carcere dove è
rinchiusa, mentre rilascia un'intervista ad un telegiornale. Quando gli
viene mostrato un video che ritrae un gruppo di funzionari di fronte al
portone di ingresso della Pertini, non ha alcuna esitazione: "È lui. L'ho
anche rivisto l'anno scorso alla prima udienza preliminare di questo
processo. Il mio avvocato mi ha detto che si chiama Giovanni Luperi".

sintesi e trascrizione: http://italy.indymedia.org/news/2005/11/925241.php

-- 
contatti: info a supportolegale.org
https://www.supportolegale.org (é necessario accettare il certificato di
sicurezza)

Supporto Legale è una rete di persone che seguono i processi di Genova e
Cosenza: quelli a persone che c?erano andate per manifestare, quelli a
pubblici ufficiali accusati di violenza, torture, abuso di potere.
Supporto Legale trascrive le udienze, le trasforma in sintesi
comprensibili, le pubblica e le diffonde; inventa progetti, campagne e
iniziative di informazione e raccolta fondi.
Supporto Legale, nato per iniziativa di alcuni mediattivisti che
partecipano alla rete di Indymedia, fa un lavoro di informazione e
comunicazione, di supporto tecnico e di finanziamento, con una serie di
campagne di raccolta fondi, versando integralmente il ricavato per il
lavoro delle segreterie e per le spese processuali.
Perchè la memoria è un ingranaggio collettivo.