[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

FOSFORO NASSIRIYA: L'ITALIA SAPEVA



IRAQ:  ITALIA SAPEVA USO FOSFORO BIANCO


(AGI) - Roma, 22 nov. "Quando i militari italiani arrivano a Nassiriya il 10 giugno 2003, i segni dei bombardamenti USA al fosforo bianco nel mese di aprile sul centro della citta' e tra i ricoverati negli ospedali non possono non essere evidenti, ricordando poi che Barbara Contini diventa anche governatrice della provincia, nominata da Paul Bremer. Quindi l'Italia sapeva dell'uso di armi letali sulla popolazione civile" dichiara Gigi Malabarba, capogruppo PRC al Senato, primo firmatario di un'interpellanza dei senatori dell'opposizione al Ministro della difesa Antonio Martino. "Ci auguriamo che questa volta venga in Parlamento il Ministro e si assuma tutte le responsabilita', evitando di dire che non sappiamo nulla, come per Falluja, perche' Nassiriya e' a centinaia di chilometri di distanza! Qui il fatto e' ancor piu' grave, perche' siamo proprio a Nassiriya e - secondo la testimonianza del giornalista embedded della BBC Adam Maynot- non ci poteva essere un uso del fosforo come cortina fumogena contro le truppe di Saddam, semplicemente perche' in citta' non c'erano truppe" aggiunge Malabarba. "Nell'interpellanza chiediamo al Ministro Martino se l'Italia era a conoscenza dell'uso del fosforo a Nassiriya da parte angloamericana, sia prima che eventualmente anche dopo l'arrivo dei militari italiani; quali misure intenda intraprendere per accertare questi fatti e se non ritenga indispensabile una commissione d'inchiesta delle Nazioni Unite sull'utilizzo in Iraq di armi chimiche o di armi il cui impiego e' vietato ove vi sia il rischio di un coinvolgimento della popolazione civile" conclude Malabarba. (AGI)
Red/Els
22 NOV 05