[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

"Ho visto i poliziotti salire dalla scala. Poi", non ricordo più nulla""



Diaz - XXII udienza
"Ho visto i poliziotti salire dalla scala. Poi, non ricordo più nulla"

Proseguono i racconti dei ragazzi massacrati alla scuola Diaz la notte del
21 luglio 2001. Dopo la drammatica testimonianza del giornalista inglese
Mark Covell, ascoltato nell'udienza di ieri, oggi hanno deposto quattro
giovani tedeschi, che si trovavano tutti al primo piano della scuola
Diaz-Pertini al momento dell'irruzione. Ad A.K., la prima ad essere
ascoltata questa mattina, i poliziotti del VII nucleo del I Reparto mobile
di Roma hanno fatto saltare sei denti con manganellate in pieno viso e
calci sul mento. La testimonianza di A. è lucida e precisa, per quanto sia
per lei doloroso ricordare certi eventi. A. racconta anche il pestaggio
subito dalla sua amica M.J.: "Quando era ancora in piedi ha subito diversi
colpi. Ho visto come ha cercato di alzarsi ed è stata di nuovo picchiata.
La seconda immagine che ricordo è M. sdraiata a terra, che perdeva molto
sangue dalla testa, e due o tre poliziotti l'hanno colpita con calci sulla
pancia e la testa le batteva sull'armadio. Non reagiva più, e io pensavo
che fosse morta." M.J. in realtà non ricorda quasi nulla di quanto le è
accaduto. Ricorda che all'arrivo della polizia è salita al primo piano e,
come tutti gli altri, ha alzato le mani. Subito dopo, ha visto i
poliziotti salire dalla scala, poi più nulla: "Ho perso conoscenza, e ora
soffro di un'amnesia retroattiva". Si risveglia solo per un attimo quando
è già sull'ambulanza e poi il giorno successivo, in ospedale, dove è
costretta a subire gli sguardi dei poliziotti mentre le infermiere la
lavano. Del pestaggio di M. e delle sue condizioni successive si ricordano
bene anche gli altri testimoni di oggi. Nei suoi confronti alcuni imputati
di questo processo sono accusati di lesioni aggravate, ma i tasselli che
si stanno mettendo insieme con le testimonianze attuali potrebbero portare
a configurare un reato più grave, come il tentato omicidio. A confermare
la responsabilità degli uomini di Canterini sono anche gli altri due testi
di oggi: J.D. e il giovane U.R. riconoscono il "tonfa", il manganello col
manico in dotazione solo agli agenti del VII nucleo. Entrambi poi
precisano che questo manganello venne usato anche al contrario, come un
martello. Altro elemento emerso in maniera netta durante l'udienza di oggi
è che i poliziotti in uniforme portavano una cintura scura. Insomma,
quella di oggi è stata un'udienza molto significativa per inchiodare i
"picchiatori" alle loro responsabilità, nonostante il tentativo
dell'avvocato Romanelli, difensore di Canterini, di convincere il
tribunale che i fatti sono avvenuti in una situazione di semi-oscurità, e
che quindi i testi potrebbero sbagliarsi. Ma, dopo l'udienza di oggi, i
dubbi sembra ormai averli solo lui.
Ultimo particolare inquietante: U.R. ricorda che un poliziotto impugnava
un lanciagranate, puntandolo e minacciando i feriti gia' a terra. Strani
strumenti, per una perquisizione.


-- 
contatti: info a supportolegale.org
https://www.supportolegale.org (é necessario accettare il certificato di
sicurezza)

Supporto Legale è una rete di persone che seguono i processi di Genova e
Cosenza: quelli a persone che c?erano andate per manifestare, quelli a
pubblici ufficiali accusati di violenza, torture, abuso di potere.
Supporto Legale trascrive le udienze, le trasforma in sintesi
comprensibili, le pubblica e le diffonde; inventa progetti, campagne e
iniziative di informazione e raccolta fondi.
Supporto Legale, nato per iniziativa di alcuni mediattivisti che
partecipano alla rete di Indymedia, fa un lavoro di informazione e
comunicazione, di supporto tecnico e di finanziamento, con una serie di
campagne di raccolta fondi, versando integralmente il ricavato per il
lavoro delle segreterie e per le spese processuali.
Perchè la memoria è un ingranaggio collettivo.