[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Sabato: TarantoViva presenta "Il nodo d'acciaio". Lancio di agenzia



''Un nodo d'acciaio'': in un libro il rapporto della città di Taranto con l'acciaieria. Un'antologia a cui hanno partecipato numerosi scrittori e giornalisti tarantini

TARANTO - Si chiama ?Un nodo d?acciaio? il libro pubblicato dall?associazione TarantoViva, un?associazione di tarantini che vivono fuori Taranto ma che sono impegnati nelle iniziative di difesa ambientale tramite l?utilizzo di Internet e lettere ai giornali. Il libro verrà presentato sabato prossimo, 25 febbraio, presso la biblioteca comunale di Taranto alle 9,30. A parlare saranno proprio gli autori. Ha dichiarato a proposito del libro Girolamo Albano, presidente dell?associazione: ?Questo libro nasce da un sogno ad occhi aperti in un pomeriggio milanese: trovare il modo di parlare e di far parlare alcuni tarantini sul rapporto fra la città e l?acciaieria, aprire ancora una volta una discussione su un argomento dibattuto e doloroso ma che non perde mai d?attualità?

?Il libro ? ha spiegato Albano ? è un?antologia strutturata in tre sezioni principali.: La cronaca, I racconti, Le persone. Vi hanno contribuito numerosi scrittori e giornalisti tarantini, che hanno voluto esprimere il loro sentire sul nodo che unisce Taranto e l?acciaieria e lo hanno fatto gratuitamente e con grande passione?. ?Purtroppo ? ha detto il presidente di TarantoViva ? alcuni di noi vivono in altre parti d'Italia a causa della necessità di proseguire gli studi e assai di più a causa del bisogno di lavorare o, se si preferisce, di trovare una dignitosa condizione professionale. Tuttavia ? ha concluso ? vogliamo che la città ritorni pienamente alla sua bellezza, recuperando e proteggendo il millenario e commovente patrimonio di storia e di arte, ricchezza comune di tutti i tarantini. Vogliamo che l'ambiente sia protetto dal degrado e possa essere fonte di benessere e di prosperità?. (Daniele Marescotti)

© Copyright Redattore Sociale
Per gentile concessione dell'agenzia stampa http://www.redattoresociale.it