[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Comunicato Stampa] XXIII e XXIV udienza Processo Bolzaneto: Puzza di bruciato



Nuova sequela di violenze e soprusi nelle udienze di ieri e oggi.
Continua così il processo relativo ai fatti di Bolzaneto che vede imputate
45 persone tra agenti e dirigenti di polizia, carabinieri e polizia
penitenziaria.
Emergono i falsi racconti fatti agli arrestati dalle forze dell'ordine,
che per terrorizzare i fermati parlavano di agenti e manifestanti morti
durante le manifestazioni.
Ricorda A.S., arrestato venerdi 20 luglio: "Chiedemmo di avvisare un
avvocato e ci fu risposto in  malo modo, ci dicevano che erano morti due
poliziotti uno con un colpo d?ascia in testa, uno bruciato. Ci dicevano
che puzzavamo di benzina. Quando sono uscito da Alessandria pensavo che
fossero morti almeno tre poliziotti ma non sapevo niente di Carlo
Giuliani." Fuori dall'infermeria viene picchiato e schernito pesantemente,
riconosce Patrizi Giugliano sovrintendente di Polizia Penitenziaria, gia'
riconosciuto con certezza da L.B. in gennaio.
Ancora un teste: "Passo? un agente dicendo ?ne sono morti altri 20 in
strada?, forse solo per impaurire."
E' evidente l'escalation che si ha al sabato dentro la caserma: bugie,
obbligo di fare il saluto romano e gridare viva il duce, violenze fisiche
che si sommano a violenze psicologiche.
Possiamo immaginare quale fosse lo stato d'animo di una ragazza padovana
anche nei mesi successivi, della quale un teste racconta: "veniva chiamata
puttana, quando le hanno chiesto di dov?era e lei rispondeva che era di
Padova un agente che lavorava in quella citta? le ha detto che l?avrebbe
trovata."
Un teste racconta che entrando in una cella rimase colpito dalle macchie
di sangue sul muro all'altezza della testa.
Infine drammatico lo "scherzo" e la punizione di cui ci da notizia un
altro teste, che peraltro all'epoca dei fatti era  minorenne: "Mi ricordo
che c?era un ragazzo tedesco, mi sembrava tale dall?accento, i poliziotti
parlavano con un inglese inventato, lui non capiva e loro lo hanno colpito
molto forte sulla pianta dei piedi, e lo sentivo che si lamentava."
Oggi si rincara la dose con due testi: A.M., disabile, viene umiliato e
preso in giro dagli agenti: "Siamo al circo venite a vedere il nano".
Rimane per ore nella ormai famosa posizione del "cigno", in piedi, testa
appoggiata al muro, gambe larghe, mani appoggiate al muro. Per piu' di
un'ora chiede di andare al bagno, e non resistendo piu' si urinò addosso.
In seguito alle percosse e alle sue difficolta' a stare in piedi ebbe un
collasso.
B.C. un uomo di 45 anni, viene piu' e piu' volte colpito a mano aperta sul
collo in viso, sulle spalle, "Hai visto?! Ti sei abbronzato senza neanche
dover prendere il sole!"
Venerdì 24 Marzo si continua.
Leggi la trascrizione della XXIII udienza di lunedi' 20 marzo:
https://www.supportolegale.org/?q=node/723

Supporto Legale
-- 
contatti: info a supportolegale.org
https://www.supportolegale.org (é necessario accettare il certificato di
sicurezza)

Supporto Legale è una rete di persone che seguono i processi di Genova e
Cosenza: quelli a persone che c?erano andate per manifestare, quelli a
pubblici ufficiali accusati di violenza, torture, abuso di potere.
Supporto Legale trascrive le udienze, le trasforma in sintesi
comprensibili, le pubblica e le diffonde; inventa progetti, campagne e
iniziative di informazione e raccolta fondi.
Supporto Legale, nato per iniziativa di alcuni mediattivisti che
partecipano alla rete di Indymedia, fa un lavoro di informazione e
comunicazione, di supporto tecnico e di finanziamento, con una serie di
campagne di raccolta fondi, versando integralmente il ricavato per il
lavoro delle segreterie e per le spese processuali.
Perchè la memoria è un ingranaggio collettivo.