[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Comunicato Stampa] Processo Bolzaneto: buon compleanno!



Udienza scioccante quella di oggi venerdì 24 marzo 2006, durante la quale
si  sono ricostruite con precisione le vicende di due dei 99 fermati che
sabato 21 luglio 2001 furono condotti nella caserma di Bolzaneto.
I due testimoni ascoltati, C.C. e M.D., hanno vissuto quasi la stessa
esperienza: sono arrestati nello stesso luogo, condotti nelle stesse cella
a Bolzaneto ed infine ammanettati insieme per essere tradotti nel carcere
di Alessandria.
C.C. comincia il suo racconto dettagliato e preciso con una lucidità
stimabile. Appena arrivato nell?androne della struttura, racconta di un
ragazzino diciottenne di Torino picchiato da un agente in borghese, che
poi riconoscerà come Salomone Massimo, ispettore di Polizia di Stato.
Condotto nella prima cella vede un ragazzo steso a terra, completamente
denudato. Fanno spogliare anche lui e gli ordinano di fare flessioni nudo
in cella.
Si susseguono serrati, nei racconti dei due testi, gli avvenimenti e le
ricostruzioni che si incastrano come ingranaggi di uno stesso meccanismo
con le testimonianze di chi li ha preceduti e non lasciano spazio ad un
controesame.
Entrambi raccontano di un pestaggio avvenuto nella mattina della domenica,
prima di essere trasportati ad Alessandria: T., di origine siriana, e?
mutilato ad una gamba e ha una protesi. Dopo una notte passata in piedi
nella ?posizione del cigno? (cosi? la chiamano nelle forze dell'ordine:
gambe divaricate, testa e mani alzate appoggiate al muro) non riesce piu?
a stare in piedi. Nel momento in cui cede e cerca di sedersi entrano in
tre e si accaniscono su di lui, ?lo picchiarono in maniera piuttosto
robusta anche a colpi di manganello, questa e? una delle cose che mi pesò
piu? di tutte, in parte dalla paura, in parte dalla vergogna, e non sono
intervenuto nel pestaggio di una persona mutilata? ?ero congelato dal
terrore? cosi? lo racconta C.C.
Emerge un frammento umano di impotenza, di terrore che congela ogni
possibilità di reazione.
Gli spray urticanti gettati in cella nella notte. Le grida che si udivano.
I saluti inneggianti al fascismo. ?Dalla finestra frequentemente qualcuno
puntava la pistola contro di noi, per fare una finta esecuzione? così
continua il racconto di C.C, ma non finisce.
Ventiquattro ore da rimuovere, per riuscire ad andare avanti. M.D. non
ricorda l'ordine cronologico delle vicende: ?successivamente sono stato in
cura da uno psicologo e ho rimosso degli avvenimenti, ho cercato di
dimenticare il piu? possibile.? E ancora: ?di botte me ne sono prese così
tante che non riesco a collocarle nel tempo??
M.D. compiva gli anni in quel famigerato giorno. ?ti facciamo la festa,
ora ti facciamo noi la torta?, cosi e' stato festeggiato dalle forze
dell'ordine.
La storia comune dei due testi non si conclude fuori dalla caserma:
vengono ammanettati insieme e, mentre venivano portati verso il pullman
che li avrebbe trasportati ad Alessandria, un agente li prende per la
testa facendogliele scontrare l?una contro l?altra.
Entrambi hanno avuto dei traumi a posteriori. Sono dovuti ricorrere a cure
psicologiche e ospedaliere, rimuovendo parte degli eventi; ma chi li ha
sentiti testimoniare oggi ha potuto capire nitidamente che la sensazione
di terrore e di angoscia ha lasciato segni indelebili nella loro memoria.
Prossima udienza lunedi 27 marzo.
Leggi la trascrizione https://www.supportolegale.org/?q=node/727

Supporto LEgale


-- 
contatti: info a supportolegale.org
https://www.supportolegale.org (é necessario accettare il certificato di
sicurezza)

Supporto Legale è una rete di persone che seguono i processi di Genova e
Cosenza: quelli a persone che c?erano andate per manifestare, quelli a
pubblici ufficiali accusati di violenza, torture, abuso di potere.
Supporto Legale trascrive le udienze, le trasforma in sintesi
comprensibili, le pubblica e le diffonde; inventa progetti, campagne e
iniziative di informazione e raccolta fondi.
Supporto Legale, nato per iniziativa di alcuni mediattivisti che
partecipano alla rete di Indymedia, fa un lavoro di informazione e
comunicazione, di supporto tecnico e di finanziamento, con una serie di
campagne di raccolta fondi, versando integralmente il ricavato per il
lavoro delle segreterie e per le spese processuali.
Perchè la memoria è un ingranaggio collettivo.