[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Loro giocano alla guerra



Loro giocano alla guerra
http://www.gennarocarotenuto.it

Collisione in volo di due caccia militari ieri verso le 22,30 davanti alle coste della Sardegna, tra Muravera e San Vito. I due piloti sono riusciti a salvarsi grazie al seggiolino eiettabile.
Gli aerei dell'aeronautica italiana, due F-16, si sono scontrati mentre erano impegnati nell'esercitazione internazionale "Spring Slag 2006" nella base aerea di Decimomannu, nel cagliaritano. I piloti sono stati recuperati subito dopo l'incidente e stanno bene. Sono in corso gli accertamenti per scoprire le cause della collisione.

Loro giocano alla guerra, ma non lo fanno con i soldatini di piombo, di stagno o di plastica, come facevamo noi da bambini. Loro alla guerra giocano davvero. Non sono passati molti anni da quando la nostra Aeronautica militare, giocando alla guerra, massacrò un'intera scolaresca a Casalecchio di Reno. Ieri è andata meglio, e ci rallegriamo che i due piloti siano usciti vivi da un incidente che non doveva accadere. Ma tra le righe non possiamo non notare che un F16 costa, a secondo dell'allestimento, tra 500 milioni e un miliardo di Euro. Tra 1.000 e 2.000 miliardi di lire.

Ovvero, per capirci, ieri nel cielo della Sardegna il bilancio dello stato ha avuto un danno pari fino alla metà del costo del fantomatico ponte sullo stretto di Messina o pari allo stipendio annuale di 150.000 operai o comprare dosi di vaccino antitubercolosi per tutti i bambini del mondo e mi si scusi l'ingenuità. Ma loro preferiscono giocare alla guerra. E' ora di capire cosa vuol fare il neo-ministro Parisi. Un buon inizio sarebbe NON sostituire i due F16 distrutti ieri per giocare alla guerra.

Commenta questo articolo sul sito cliccando qui.

Nel sito anche:

Nanni Moretti: non eludiamo il nodo del conflitto d'interessi

Mi permetto di consigliarvi caldamente la mia scelta per il 5 per mille, che ho deciso di affidare alla Fondazione ANT, l'associazione che si occupa di fare assistenza gratuita ai malati oncologici terminali. Per maggiori informazioni cliccare qui.