[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Due domande



Ad alcuni mezzi d'informazione

Gentili signore e signori,

sperando di non essere importuni, vi inviamo come anticipazione un articolo
che apparira' nel notiziario telematico quotidiano "La nonviolenza e' in
cammino" di domani.

Cordiali saluti,

Il Centro di ricerca per la pace di Viterbo

Mittente: Centro di ricerca per la pace
strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo
e-mail: nbawac at tin.it

Viterbo, 13 luglio 2006

* * *

PEPPE SINI: DUE DOMANDE

La prima: la Costituzione della Repubblica Italiana va rispettata come legge
fondamentale del nostro ordinamento giuridico (tale che se una legge
confligge con essa decade in quanto incostituzionale), si' o no?
E l'articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana recita
testualmente che "L'italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla
liberta' di altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie
internazionali", si' o no?
E la guerra in corso in Afghanistan e' una guerra, si' o no?
E la partecipazione militare italiana alla guerra afgana confligge con il
dettato costituzionale, si' o no?
E i ministri della Repubblica hanno dovuto giurare fedelta' alla
Costituzione all'atto dell'assunzione del loro incarico, si' o no?
E la violazione della Costituzione e' un atto criminale, si' o no?
E la criminale violazione della Costituzione da parte del governo e' un atto
eversivo, si' o no?
E noi dovremmo favoreggiare il crimine di un governo golpista che in totale
continuita' col governo golpista precedente viola la Costituzione?
*
La seconda: la guerra - vietata dalla Costituzione - consiste nella
commissione di omicidi di massa, si' o no?
E coloro che in parlamento voteranno per la guerra - vietata dalla
Costituzione - voteranno per la commissione di omcidi di massa, si' o no?
E commettere omicidi di massa e' un crimine, si' o no?
E noi dovremmo consentire la commissione di omicidi di massa?
*
Chi elude queste domande e' un triste e un tristo sofista.

* * *

"La nonviolenza e' in cammino"
Foglio quotidiano di approfondimento proposto dal Centro di ricerca per la
pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100
Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac at tin.it

Per ricevere "La nonviolenza e' in cammino" e' sufficiente cliccare su:
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=subscribe

Per non riceverlo piu':
nonviolenza-request at peacelink.it?subject=unsubscribe

In alternativa e' possibile andare sulla pagina web
http://web.peacelink.it/mailing_admin.html
quindi scegliere la lista "nonviolenza" nel menu' a tendina e cliccare su
"subscribe" (ed ovviamente "unsubscribe" per la disiscrizione).

L'informativa ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196
("Codice in materia di protezione dei dati personali") relativa alla mailing
list che diffonde il notiziario e' disponibile nella rete telematica alla
pagina web:
http://italy.peacelink.org/peacelink/indices/index_2074.html

Tutti i fascicoli de "La nonviolenza e' in cammino" dal dicembre 2004
possono essere consultati nella rete telematica alla pagina web:
http://lists.peacelink.it/nonviolenza/maillist.html

L'unico indirizzo di posta elettronica utilizzabile per contattare la
redazione e': nbawac at tin.it

* * *