[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Errare human est, perseverare ... Ferrovie dello Stato ...



Lunedì scorso ore 8.30. Ricomincia una nuova settimana di lavoro e di studi. In attesa del treno da Termoli per Pescara oltre una decina di persone tra pendolari giornalieri e settimanali. Dopo pochi minuti di attesa arriva il minuetto, vanto delle Ferrovie dello Stato in terra d'Abruzzo, inaugurato in pompa magna solo pochi mesi fa. Abituati alla calca di ogni settimana, con vagoni stipati sino all'inverosimile, i passeggeri salgono rassegnati a tutto. Ma a quanto pare le sorprese, come gli esami, non finiscono mai. Il minuetto sarà anche supertecnologico e ultramoderno ma ha una capienza ridottissima. Già prima di Casalbordino quindi aveva raggiunto quella massima. La salita di ancora oltre  dieci persone porta la situazione all'inverosimile. Alcune persone sono costrette a cercar posto nei bagni del treno, ma nonostante questo la situazione è da treno per il trasporto del bestiame. Fossacesia ci regala ancora altre persone e a Lanciano si giunge al panico totale. Sono state contate almeno venti persone che salgono su un treno che non aveva più nulla di umano. L'ora di viaggio diventa un inferno, è impossibile persino respirare e qualcuno invoca i gommoni della disperazione che solcano il Mediterraneo. L'arrivo a Pescara Porta Nuova appare come una liberazione, con scene di giubilo e stupore vero per la felice conclusione della traversata.
E' passata una settimana da quel giorno. E' nuovamente lunedì e le stazioni si riempiono nuovamente di pendolari. A Casalbordino le persone appaiono molte di meno(scopriremo successivamente che anche nelle stazioni successive l'afflusso si è più che dimezzato). Pochi minuti e si scopre che questa sarà la fortuna di tutti. Dopo che per tutta la settimana scorsa è stato inviato un treno "classico" con maggiori vagoni e più posti a sedere oggi, esattamente una settimana dopo l'ultimo assurdo viaggio, questa mattina viene nuovamente regalato ai viaggiatori il minuetto. Sette giorni non sono bastati(nonostante le rimostranze anche del personale di lunedì scorso) per rendersi conto che è assurdo mandare un treno a capienza ridotta nel giorno di maggior afflusso. Solo la resa di decine di persone, scoraggiati da un comportamento che definire assurdo è poco, ha permesso questa mattina di non ripetere le scene della settimana scorsa. Non siamo arrivati a persone costrette a rifugiarsi nei bagni, ma l'indegnità rimane. Decine di passeggeri sono rimasti in piedi o hanno trovato scomoda sistemazione sui vari scalini dei vagoni.
Abbiamo ora di fronte un'altra settimana di speranza, in attesa del prossimo lunedì. Sarà ancora vana?

__________________________________________________
Do You Yahoo!?
Poco spazio e tanto spam? Yahoo! Mail ti protegge dallo spam e ti da tanto spazio gratuito per i tuoi file e i messaggi
http://mail.yahoo.it