[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Carovana contro la guerra , partirà il 19 maggio



Fonte: Il Manifesto 9 maggio 2007La «Carovana contro la guerra»*


Partirà il 19 maggio la «Carovana contro la guerra», presentata ieri
mattina a Roma dalle reti dell'assemblea del 15 aprile 2007 di Bologna.

La Carovana si articolerà da tre direttrici (dal Nord ovest, dal Nord Est,
dal Sud) per confluire il 2 giugno a Roma.

Non ci saranno solo marce, ma anche azioni dirette di protesta. E i
promotori presentano in Parlamento due proposte di legge, una, in 13
articoli, per la «smilitarizzazione dei territori, contro gli automatismi
dei trattati internazionali e per la desecretazione degli accordi», e
un'altra in soli 2 articoli per dichiarare l'Italia «zona libera da armi
nucleari».

Obiettivo, sensibilizzare contro la guerra, di fronte alle omertà di
governo, come accade per l'Afghanistan.

Cinque i punti della piattaforma: rimozione dal territorio italiano di
tutti gli ordigni nucleari e delle armi di distruzione di massa;
dissociazione e disobbedienza da ogni compromissione con l'apparato
atomico; opposizione ad ogni coinvolgimento dell'Italia nella guerra
globale e ritiro delle truppe da tutti i fronti bellici; chiusura,
smantellamento, bonifica e riconversione a scopo esclusivamente civile
delle basi militari Usa e Nato; obiezione alle spese militari finalizzata
a un modello di difesa alternativo e alla costituzione di Corpi Civili di
Pace; affermare i valori di pace dell'art. 11 della Costituzione italiana
che ripudia la guerra. Inoltre la Carovana «assume» la Petizione Popolare
contro l'accordo Italia-Usa, che prevede un nuovo «scudo antimissilistico»
sui nostri territori stimolando comitati locali per la raccolta delle
firme.

La Carovana, che fa propria la protesta che si prepara per l'arrivo di Bush
in Italia, giungerà a Roma entro il 2 giugno, giornata delle parate
militariste. «Nei luoghi teatro di conflitto - dicono gli organizzatori -
vogliamo Ambasciate di Pace riconosciute dalla popolazione, non
«democrazia» e «sviluppo» a suon di bombe contro la popolazione.
Aderiscono, Attac Italia, Rete Lilliput, Casa della Pace di Roma, Movimento
No Dal Molin, Ordine Francescano secolare, Ass. Sinistra Critica, Lega
Disarmo unilaterale, Partito umanista, Comitato pace disarmo e
smilitarizzazione della Campania, Conf. Cobas, Lega obiettori di coscienza
e molti, molti altri.

Promuovono, il Coordinamento «Fermiamo chi scherza col fuoco atomico»,
locosm at tin.it (cell. 349-5211837), la Rete nazionale Disarmiamoli,
info at disarmiamoli.org (cell. 338-1028120), l'Assemblea di
«Semprecontrolaguerra», semprecontrolaguerra at tiscali.it
(cell.328-0339384).