[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Le Molotov: meno male!



Le Molotov: meno male!

L'interrogatorio dell'ormai in pensione vice capo della polizia di stato
Ansoino Andreassi ci rivela un discreto numero di retroscena mai affermati
con onesà in aula, e in alcuni casi oggetto di clamorosi testa coda da
parte di alcuni testimoni ancora in servizio.
Ansoino Andreassi - anche se non lo sa - agisce al g8 come vice capo della
polizia, nonostante sia stato deposto e trasferito ad altro incarico dal
primo luglio. Nonostante questa sua sfortunata condizione lui è il
responsabile dell'Ordine Pubblico a Genova, e si avvale della
collaborazione diretta di moltissimi funzionari e dirigenti.
La prima cosa che il prefetto Andreassi ci racconta senza mezzi termini è
che da sabato la linea strategica delle forze dell'ordine cambia: dalla
sua gestione caratterizzata dalla mediazione continua volta a limitare i
danni, il boccino passa nelle mani del fu prefetto La Barbera e al suo
diretto esecutore il questore Gratteri: in questo senso Andreassi
ricostruisce perfettamente le operazioni della mattina alla scuola Paul
Klee (il famoso sequestro del camion COBAS che distribuiva mazze) diretta
da Gratteri per ordine diretto di De Gennaro, l'organizzazione dei
pattuglioni misti sempre agli ordini del capo della polizia e capeggiati
da SCO e squadre mobili (alle dipendenze di Gratteri e La Barbera) con il
fine esplicito di "dare la caccia ai black block", e l'operazione Diaz
costituiscono la concretizzazione della necessità di compensare i
danneggiamenti dei giorni precedenti con un numero adeguato di arresti che
"dimostrino la reazione della polizia di fronte all'inerzia percepita nei
giorni precedenti".
La teoria del cambio di passo avvenuta sabato finalmente ha una conferma
testimoniale, insieme ai protagonisti di questo cambio di passo ai fini di
compensazione di immagine, prima ancora che di gestione dell'Ordine
Pubblica: Gianni De Gennaro, il prefetto La Barbera e Francesco "Checco"
Gratteri.
Proprio dai pattuglioni che percorrono Genova a caccia delle prede che
consentiranno alla Polizia Italiana di salvare la faccia arriva
l'occasione perfetta: Di Bernardini e Calderozzi (il vice di Gratteri)
subiscono una aggressione al loro pattuglione che - come dice Andreassi -
"se fosse stata vera come descritta imponeva un'operazione immediata per
arrestare ed identificare i responsabili". L'operazione che viene decisa è
una perquisizione in cui però il "profilo della operazione di polizia
giudiziaria è meno rilevante di quello di emergenza nell'intervento".
Andreassi è nella stanza con il questore, La Barbera, Gratteri e Mortola
quando si decide di procedere, quando si interpella Donnini che mette a
disposizione il VII nucleo del Reparto Mobile di Roma capeggiato da
Canterini con funzioni di appoggio ("lasciate alla sensibilità e alla
descrizione di chi poi coordinerà l'azione sul campo"), quando si
effettuano le verifiche del caso tramite un sopralluogo e una telefonata
di Mortola, e quando si dispone una seconda riunione operativa in cui
organizzare materialmente l'operazione.
Il prefetto Ansoino Andreassi vive la perquisizione come "una calamità":
"tutti si stavano preparando ad andare a casa, la tensione stava scemando
e dovevamo solo garantire il deflusso". Ma date le premesse non si può non
procedere: invia allora sul posto Lorenzo Murgolo con la funzione di
tenerlo aggiornato sull'operazione e di dirigere le eventuali esigenze di
ordine pubblico relative alla presenza di migliaia di manifestanti alla
stazione di Brignole. Alla domanda esplicita del Presidente del Collegio
sulle affermazioni sensazionali di Colucci nelle udienze precedenti su
Murgolo come coordinatore di tutta l'operazione, la risposta di Andreassi
è molto netta: "Non mi risulta e non è possibile. Io ho mandato
personalmente Murgolo sul posto e lui ha continuato a riferirmi circa
l'operazione. I ruoli operativi sono stati decisi nella seconda riunione
in cui io non ero presente. Per carisma, esperienza e anzianità
sicuramente il prefetto La Barbera - nonostante non potesse dirigere una
operazione di quel tipo - era il riferimento per tutti, ma in una
situazione del genere ogni reparto afferisce ai suoi superiori diretti".
Il nostro fiuto ci dice che Colucci può stare sereno che la sua
abnegazione alle alte sfere della polizia questa volta gli frutteranno un
fascicolo per falsa testimonianza.
Della perquisizione Andreassi apprende per telefono attraverso Murgolo, e
poi successivamente da La Barbera, Canterini e lo stesso Nucera quando
rientrano in questura. Significativo il modo in cui apprende delle molotov
Andreassi: "Hanno trovato delle molotov: MENO MALE! Due? MENO MALE!!!"
Ma poi il materiale che viene mostrato alla stampa il mattino dopo è
esiguo e non giustifica secondo il prefetto l'operazione, tanto che quando
De Gennaro gli chiede di fare una seconda conferenza stampa e di
rispondere alle critiche dei giornalisti, il prefetto Andreassi rifiuta,
optando per una sola intervista in cui veicolare una difesa, molto meno a
spada tratta, dell'operazione.
Questo atteggiamento è il sigillo di chi ha visto nell'operazione alla
Diaz una rogna, solo parzialmente alleviata da un ritrovamento fortuito (e
come ormai sappiamo doloso) di due bottiglie molotov e conclusa come
qualcosa di cui doversi vergognare di fronte all'opinione pubblica di
mezzo mondo.
Supporto Legale