[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Inquinamento a Taranto: lettera aperta al sottosegretario all'ambiente Laura Marchetti




-------------------------- Messaggio originale ---------------------------
Oggetto: Lettera aperta al sottosegretario Laura Marchetti
Da:      "Comitatopertaranto" <comitatopertaranto at yahoo.it>
Data:    Ven, 29 Giugno 2007 11:48 am
--------------------------------------------------------------------------

Con la presente, Vi inviamo la Lettera aperta che segue, inviata dal
Comitato Per Taranto al Sottosegretario all'Ambiente Laura Marchetti.


  Chiediamo di darne tempestiva conoscenza alla cittadinanza.
  Cordiali saluti
Il Comitato per Taranto

Alessandro Marescotti
347-1463719

Antonietta Podda
349-1444125

__________________________________________________________



Oggetto: Lettera aperta al Sottosegretario Laura Marchetti


Gentile Sottosegretario,

  le scriviamo come persone impegnate in difesa dell'ambiente ed 
estremamente preoccupate per quanto sta avvenendo a Taranto.
  Le scriviamo sia per la sua sensibilità ambientalista sia per essere
Lei, come pugliese, la figura di riferimento più vicina alla nostra
regione e alla nostra città.
  Taranto è stata dichiarata per legge "città ad alto rischio di crisi
ambientale" e con decreto del Presidente della  Repubblica 23 aprile
1998 è stato approvato il "Piano di disinquinamento per il risanamento
del territorio della provincia di Taranto".

   Ciò nonostante i livelli di inquinamento della città sono saliti.

  Non solo: essi rischiano di aumentare con il raddoppio della raffineria
Agip. A ciò si aggiunge il progetto di rigassificatore che sorgerebbe,
come da progetto, a soli 775 metri dalla raffineria Agip, di cui è stato
avviato l'inter di VIA per valutare gli effetti del suo raddoppio.

  A Taranto sta accadendo qualcosa di gravissimo. Rimane infatti lettera
morta quella legge avrebbe dovuto tutelarci e assicurarci un futuro più
sicuro e meno inquinato. E dall'altra parte avanzano i processi di
aumento del rischio industriale e di incremento dei pesi ambientali
complessivi che gravano sul territorio.
  A Taranto sono previsti per l'Ilva livelli di emissione di diossine
100.000 volte superiori (a metro cubo) rispetto ad un inceneritore. Sono
 cose paradossali che ci umiliano e ci preoccupano profondamente perché
rendono l'idea di quanto poco valga la vita umana di un meridionale e di
un tarantino in particolare.
  A Taranto si stima venga immessa nell'aria il 90% della diossina
italiana, il 49% del mercurio immesso in aria e il 62% del mercurio
immesso in acqua, segnando negli ultimi anni un crescendo costante
quanto preoccupante. Per aver diffuso in conferenza stampa questi ultimi
due dati sul mercurio,  tratti dal sito dell'APAT, l'Ilva ha sporto
querela per "procurato allarme", nonostante si tratti di dati ufficiali
stimati sulla base delle stesse informazioni che l'Ilva comunica al
Ministero dell'Ambiente.

  Accade quindi il paradosso che a Taranto divenga "rischioso" non tanto
inquinare ma parlare di inquinamento utilizzando gli stessi dati
ambientali che voi avete sui vostri siti Internet. E ci troviamo di
fronte all'assurdo che chi inquina quereli chi informa sulle emergenze 
ambientali.

   Ci rivolgiamo quindi a Lei per tre motivi.

  Primo: perché segua in prima persona la procedura di VIA (Valutazione di
Impatto Ambientale) relativa al rigassificatore e al raddoppio della
raffineria Agip

  Secondo: perché l'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) che in
queste settimane è stata attivata proceduralmente preveda un drastico
abbassamento delle autorizzazioni alle emissioni, riducendo i livelli di
diossina a 0.4 nanogrammi a metro cubo e portando il mercurio a livelli
drasticamente sempre più bassi e in prospettiva allo zero, così come
richiede la normativa europea.

  Terzo: che venga pienamente coinvolta in una "procedura partecipativa"
la nuova Amministrazione Comunale e il Consiglio comunale, da poco
insediati, assicurando che al contempo siano pienamente coinvolti i 
cittadini e le loro espressioni di cittadinanza attiva (comitati,
associazioni, ecc.) essendo in ciò molto chiara la normativa europea
(essa parla di consultazione del "pubblico" sia per la VIA sia per
l'AIA).

  Pertanto attendiamo una risposta a questa nostra lettera aperta che
scriviamo con un profondo senso di preoccupazione e di angoscia per la
sorte di una città e di una provincia in cui negli ultimi 30 anni sono
raddoppiati i morti per tumore giungendo negli ultimi anni a
"stabilizzarsi" in ambito provinciale sul "record" dei 1200 decessi
annui.

   Distinti saluti

   Il Comitato per Taranto




Con la presente, Vi inviamo la Lettera aperta che segue, inviata dal Comitato Per Taranto al Sottosegretario all'Ambiente Laura Marchetti.

Chiediamo di darne tempestiva conoscenza alla cittadinanza.
Cordiali saluti
Il Comitato per Taranto

Alessandro Marescotti
347-1463719

Antonietta Podda
349-1444125

__________________________________________________________



Oggetto: Lettera aperta al Sottosegretario Laura Marchetti


Gentile Sottosegretario,

le scriviamo come persone impegnate in difesa dell'ambiente ed estremamente preoccupate per quanto sta avvenendo a Taranto.
Le scriviamo sia per la sua sensibilità ambientalista sia per essere Lei, come pugliese, la figura di riferimento più vicina alla nostra regione e alla nostra città.
Taranto è stata dichiarata per legge "città ad alto rischio di crisi ambientale" e con decreto del Presidente della Repubblica 23 aprile 1998 è stato approvato il "Piano di disinquinamento per il risanamento del territorio della provincia di Taranto".

Ciò nonostante i livelli di inquinamento della città sono saliti.

Non solo: essi rischiano di aumentare con il raddoppio della raffineria Agip. A ciò si aggiunge il progetto di rigassificatore che sorgerebbe, come da progetto, a soli 775 metri dalla raffineria Agip, di cui è stato avviato l'inter di VIA per valutare gli effetti del suo raddoppio.

A Taranto sta accadendo qualcosa di gravissimo. Rimane infatti lettera morta quella legge avrebbe dovuto tutelarci e assicurarci un futuro più sicuro e meno inquinato. E dall'altra parte avanzano i processi di aumento del rischio industriale e di incremento dei pesi ambientali complessivi che gravano sul territorio.
A Taranto sono previsti per l'Ilva livelli di emissione di diossine 100.000 volte superiori (a metro cubo) rispetto ad un inceneritore. Sono cose paradossali che ci umiliano e ci preoccupano profondamente perché rendono l'idea di quanto poco valga la vita umana di un meridionale e di un tarantino in particolare.
A Taranto si stima venga immessa nell'aria il 90% della diossina italiana, il 49% del mercurio immesso in aria e il 62% del mercurio immesso in acqua, segnando negli ultimi anni un crescendo costante quanto preoccupante. Per aver diffuso in conferenza stampa questi ultimi due dati sul mercurio,  tratti dal sito dell'APAT, l'Ilva ha sporto querela per "procurato allarme", nonostante si tratti di dati ufficiali stimati sulla base delle stesse informazioni che l'Ilva comunica al Ministero dell'Ambiente.

Accade quindi il paradosso che a Taranto divenga "rischioso" non tanto inquinare ma parlare di inquinamento utilizzando gli stessi dati ambientali che voi avete sui vostri siti Internet. E ci troviamo di fronte all'assurdo che chi inquina quereli chi informa sulle emergenze ambientali.

Ci rivolgiamo quindi a Lei per tre motivi.

Primo: perché segua in prima persona la procedura di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) relativa al rigassificatore e al raddoppio della raffineria Agip

Secondo: perché l'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) che in queste settimane è stata attivata proceduralmente preveda un drastico abbassamento delle autorizzazioni alle emissioni, riducendo i livelli di diossina a 0.4 nanogrammi a metro cubo e portando il mercurio a livelli drasticamente sempre più bassi e in prospettiva allo zero, così come richiede la normativa europea.

Terzo: che venga pienamente coinvolta in una "procedura partecipativa" la nuova Amministrazione Comunale e il Consiglio comunale, da poco insediati, assicurando che al contempo siano pienamente coinvolti i cittadini e le loro espressioni di cittadinanza attiva (comitati, associazioni, ecc.) essendo in ciò molto chiara la normativa europea (essa parla di consultazione del "pubblico" sia per la VIA sia per l'AIA).

Pertanto attendiamo una risposta a questa nostra lettera aperta che scriviamo con un profondo senso di preoccupazione e di angoscia per la sorte di una città e di una provincia in cui negli ultimi 30 anni sono raddoppiati i morti per tumore giungendo negli ultimi anni a "stabilizzarsi" in ambito provinciale sul "record" dei 1200 decessi annui.

Distinti saluti

Il Comitato per Taranto






La tua mail nel 2010? Creane una che ti segua per la vita con la Nuova Yahoo! Mail