[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Il nastrino rosso dei calciatori per la Birmania: come funziona l'info-solidarietà internazionale?



Il nastrino rosso dei calciatori per la Birmania: come funziona l'info-solidarietà internazionale?

 

I giocatori di calcio di Serie A sono scesi in campo con dei curiosi nastrini al braccio, che bizzarramente facevano tanto guardie rosse maoiste, in solidarietà con i monaci birmani.

 

di Gennaro Carotenuto

La solidarietà con i monaci e il popolo birmano oppresso da una dittatura atroce, è cosa positiva e pienamente condivisibile. Ma, siccome il cervello ci ragiona ancora, ci facciamo qualche domanda. Antipatica.

1) Dov'erano i calciatori italiani negli ultimi vent'anni, mentre Aung San Suu Kyi languiva in galera? E dov'erano (soprattutto) gli editorialisti della stampa mainstream? E dove saranno domani, visto che già sui giornali di oggi, lo spazio per i fatti indocinesi è in caduta verticale?

2) Quel nastrino rosso, è un bell'esercizio catartico, autoassolutorio forse perfino didascalico, e fa fare bella figura a costo zero. Perché non una raccolta di fondi per le famiglie delle vittime? E sarebbero disposti i calciatori (e gli editorialisti) a mettere il nastrino (e magari metter mano al portafogli) per qualche massacro qui dietro l'angolo, come per esempio i morti sul lavoro? Mannò, scusa, quello sarebbe far politica!

3) Chi stabilisce per quali dittatori mobilitarsi e per quali lasciar correre? Per esempio, perché nel 2003 gli editorialisti nostrani fecero passare sotto completo silenzio (e nessun calciatore si travestì da guardia rossa) le manifestazioni popolari in Bolivia in difesa dell'acqua come bene comune, per reprimere le quali il presidente neoliberale Gonzalo Sánchez de Lozada, fece massacrare in strada più di 70 persone?

4) E' evidente che l'informazione a comando e con ritenuta d'acconto, di marca Freedom House e Reporter Senza Frontiere (quelli che appoggiano la tortura), risponde a un disegno politico-economico preciso. Come mai, in questi anni hanno scritto migliaia di articoli per denunciare il presunto dittatore (sic!) Hugo Chávez e ZERO articoli per denunciare il vero dittatore birmano Than Shwe?

Se questo articolo ti è sembrato interessante, dedica un secondo per votarlo su OkNotizie
Se hai un minuto iscriviti, il tuo voto varrà di più.

http://www.gennarocarotenuto.it