[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Modugno in strada contro la centrale turbogas. Polizia in assetto antisommossa



I celerini sono pronti e anche i manifestanti che aspettano l'arrivo
del convoglio che trasporta le turbine destinate alla contestata
centrale in costruizione nella cittadina del Barese

BARI - Il sindaco di Modugno, Giuseppe Rana, ha raggiunto i
manifestanti che per strada stanno aspettando l'arrivo del convoglio
che trasporta le turbine destinate alla centrale turbogas. Rana ha
parlato di una “manifestazione spontanea” e anche se non
esplicitamente ha preso le distanze dall’iniziativa.
“Con l’amministrazione comunale – ha detto – siamo soddisfatti del
fatto che nei giorni scorsi abbiamo ottenuto l'apertura di un tavolo
di confronto in Prefettura con il ministero dell’Ambiente, la regione
Puglia e la provincia per discutere delle questioni legali
riguardanti la realizzazione della centrale”. “Certo noi avevamo
chiesto una conferenza di servizi a livello ministeriale, ma anche
questo obiettivo per noi è un risultato”. “E sul confronto – ha
aggiunto – che noi dobbiamo giocare ora la nostra partita”. Al suo
arrivo Rana è stato contestato da alcuni manifestanti che hanno
polemizzato con lui per le sue posizioni. Ne è scaturita una breve ma
accesa polemica durante la quale altri manifestanti hanno difeso il
sindaco di Modugno sostenendo che si stava attaccando l’unico
amministratore sceso in piazza a difesa dei cittadini. Mentre si
attende l’arrivo del convoglio le forze dell’ordine in assetto
antisommossa presidiano i margini della strada. Intanto lungo il
tragitto che sarà seguito dai Tir continuano i preparativi per
consentire il passaggio delle turbine. In particolare una gru sta
abbattendo un muro che delimita il fascio dei binari delle ferrovie
sui quali passeranno i Tir.

31/10/2007 - Gazzetta del Mezzogiorno


E Legambiente da che parte sta?
http://italy2.peacelink.org/ecologia/articles/art_23799.html




---
Alessandro Marescotti
http://www.peacelink.it
Sostieni PeaceLink, versa un contributo sul c.c.p. 13403746 intestato ad
Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto (TA)