[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Napoli 23 Febbraio, un racconto della presentazione del libro "Napoli Chiama Vicenza"



Stracolma ieri la sala presidenziale della Municipalità Avvocata (Napoli), messa a disposizione dal presidente Alberto Patruno per ospitare il Comitato Pace, Disarmo e Smilitarizzazione della Campania.

Oltre 150 posti a sedere e gente in piedi per ascoltare gli interventi.

Scopo dell'incontro era la presentazione del libro "Napoli Chiama Vicenza, disarmare i territori, costruire la pace" edito dalla Gandhi edizioni per la collana dei Quaderni Satyagraha.


Unici assenti i giornalisti delle principali testate di TV e carta stampata, tutti a presidiare la conferenza stampa di Grillo e piazza Dante, in cui si teneva la manifestazione sul "Giorno del Rifiuto".


Dopo il benvenuto del presidente della Municipalità e la presentazione del libro da parte di Angelica Romano, che ha invitato alla sottoscrizione delle due Leggi di iniziativa popolare su denuclearizzazione e disarmo, è intervenuto Rocco Altieri, l'editore, che ha sottolineato le strette connessioni tra armamenti e rifiuti tossici, deplorando in qualche maniera coloro che hanno ritenuto i due eventi (manifestazione rifiuti e presentazione libro sulla militarizzazione della Campania) fossero scorrelati tra loro. 

Altieri ha elogiato il lavoro compiuto dagli autori del libro, grazie al quale è oggi possibile comprendere con chiarezza fin dove siano arrivate le mani militari sui territori della regione.


Ha fatto seguito un lucido intervento di Francesco Borrelli, assessore alla protezione civile della Provincia di Napoli, il quale ha raccontato delle incredibbili resistenze prodotte dalla Digos quando, presente la portaerei a propulsione nucleare Truman nel Golfo di Napoli, ha chiesto informazioni alla prefettura e si è poi offerto di accompagnare il gommone del Comitato Pace e Disarmo nella missione via mare, che intendeva consegnare simbolicamente una bandiera della Pace ai militari della nave.


Padre Alex Zanotelli, accolto da un fragoroso applauso, ha espresso le sue enormi preoccupazioni per l'escalation militare che coinvolge i paesi del mediterraneo, quali basi operative, e per la indecorosa opera dell'ex-governo Prodi, che si è mosso in piena continuità con le scelte militariste adottate dal precedente esecutivo di destra, deludendo del tutto le aspettative dei cittadini.


Ha tenuto poi il suo intervento Franca Rame, anche lei accolta tra gli applausi, che ha manifestato le difficoltà vissute durante i due anni di legislatura, nei quali ha più volte messo da parte i propri ideali ed i propri credo, cedendo al costante ricatto del ritorno di un governo di destra; fino a quando ha poi ritenuto che non fossero più procastinabili le proprie dimissioni. Commovente il suo aneddoto sulle telefonate di Padre Alex: avendo un amico con lo stesso nome, per lei Alex Zanotelli è "quello che siede alla sinistra di Gesù".


Ha parlato infine Dolores Madaro, assessore del Comune di Napoli, chiedendo con forza che vengano finalmente recuperate le ragioni fondanti della sinistra.


Conclusivo l'intervento di Vittorio Moccia, che da un lato ha sottolineato i forti legami tra questione militare e questione ambientale e dall'altro ha invitato tutti gli astanti a non perdersi di vista, in quanto le migliori vittorie in Italia, come descritto anche nel libro, sono state sempre ottenute con una mobilitazione popolare che nasceva dalla consapevolezza dei fatti e dalla condivisione unitaria degli obiettivi.


Una giornata memorabile di cui PeaceLink conta di fornire quanto prima immagini e stralci video.



Note:

Richieste di copie del libro sono possibili scrivendo a centro at gandhiedizioni.com