[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

L'America integrazionista reagisce e si stringe intorno alla Bolivia, minacciata dal terrorismo secessionista finanziato da Washington e sull'orlo della guerra civile



L'America integrazionista reagisce e si stringe intorno alla Bolivia, minacciata dal terrorismo secessionista finanziato da Washington e sull'orlo della guerra civile 

La situazione in Bolivia è drammatica. Nella giornata di ieri forze paramilitari facenti capo al prefetto (governatore) dell'opposizione del dipartimento di Pando, hanno provocato una strage di contadini che ha causato otto morti. Un altro grave attentato terroristico, con danni per 100 milioni di dollari nel gasdotto che esporta il gas boliviano verso il Brasile, è stato condannato da tutti, meno che dal governo statunitense. Quell'attentato terroristico è parte di una strategia di destabilizzazione giunta al punto di non ritorno e che non colpisce solo la Bolivia ma tutta l'America latina integrazionista.

di Gennaro Carotenuto

Ma la Bolivia non è sola: in un comunicato congiunto i governi del Brasile, del Cile, dell'Argentina e del Venezuela hanno affermato che "non riconosceremo nessun governo che pretenda di sostituirsi a quello democratico eletto dai boliviani e confermato in un referendum appena un mese fa con quasi il 70% dei voti". Le parole più pesanti le ha usate il governo del brasiliano Lula da Silva: "il Brasile non tollererà, ripetiamo, non tollererà, nessuna rottura dell'ordine democratico in Bolivia". La battaglia della Bolivia è quella di tutta l'America latina.

L'opposizione secessionista e golpista, dopo la durissima sconfitta subita nel referendum revocatorio dello scorso dieci agosto, quando il governo legittimo di Evo Morales sfiorò il 70% dei voti, ha scelto dunque la via del terrorismo e della guerra civile. Sta cercando di ripetere il 2002 venezuelano, quando un colpo di stato sanguinoso, appoggiato dai governi statunitense e spagnolo e dal Fondo  monetario internazionale, fu però spazzato via in 48 ore da milioni di cittadini venezuelani scesi in piazza in difesa del governo di Hugo Chávez. La stessa sorte toccò alla serrata golpista contro la PDVSA, la compagnia petrolifera di stato. Anche il sabotaggio dell'economia del paese fu sconfitto dalla resistenza popolare.

La Bolivia democratica, appena ieri costretta a espellere l'ambasciatore degli Stati Uniti Philip Goldberg, accusato di organizzare e finanziare la secessione delle province più ricche del paese, ha i mezzi per difendersi. Nonostante la rappresaglia statunitense, che ha espulso l'Ambasciatore boliviano e quello venezuelano e tirato fuori dal cilindro accuse di narcotraffico per funzionari del governo venezuelano, la Bolivia democratica può contare sulla reazione in propria difesa di tutti i più importanti governi dell'America latina integrazionista.

Tutti insieme, senza i pudori e le paure che hanno contraddistinto per decenni le relazioni con le oligarchie delle diverse nazioni e con Washington che queste ha sempre appoggiato, il concerto latinoamericano si è unito intorno a Evo Morales per dire all'opposizione e a Washington che non è più tempo di colpi di stato in America latina. E' esattamente quello che prevede la carta della OEA, (l'organizzazione degli stati americani): nessun sovvertimento di governi democraticamente eletti sarà più accettato in America. Anche in questo caso stride il silenzio del governo degli Stati Uniti, un silenzio che invece appoggia apertamente la sovversione violenta del governo legittimo boliviano. Ma dell'appoggio statunitense al golpismo e al terrorismo, statene certi, i giornali di domani non faranno parola e invece parleranno d'altro.

L'escalation è iniziata. Il governo brasiliano ha denunciato che la propria Ambasciata a La Paz sta da giorni cercando di comunicare con l'opposizione ma che questa, semplicemente, rifiuta qualsiasi contatto con il governo del più importante paese della regione. Il Brasile vuole trovare una maniera di alleggerire la situazione e aprire una prospettiva di dialogo. L'opposizione, manovrata e finanziata da agenzie statunitensi come la USAID e il NED, non vuole il dialogo perché vuole portare la situazione ad un punto di non ritorno, alla caduta del governo legittimo, al golpe o alla piena guerra civile.

Dall'Argentina la stessa presidente Cristina Fernández ha espresso la sua durissima condanna per "il sabotaggio terrorista" e "condanna le azioni violente promosse dalle autorità locali [dei dipartimenti controllati dall'opposizione] del quale si rende protagonista l'opposizione" ed ha affermato che "l'Argentina è fermamente decisa a difendere l'integrità territoriale boliviana e conferma il suo pieno e incondizionato appoggio al governo di Evo Morales".

Con un discorso franco si è espresso in pubblico il presidente venezuelano Hugo Chávez (vedi video), anch'egli sotto rumor di sciabole e vittima delle continue ingerenze statunitensi, e già sopravvissuto al golpe dell'11 aprile del 2002. Chávez, come misura di solidarietà alla Bolivia, ha espulso l'Ambasciatore statunitense a Caracas e richiamato il proprio da Washington e con parole durissime ha dichiarato che sarà disponibile a ristabilire relazioni diplomatiche solo con il prossimo governo degli Stati Uniti: "gli statunitensi devono imparare a rispettare i popoli dell'America latina".

Sul sito anche:

·         Mariastella Gelmini sex symbol?

·         Il primo email dall'Avana

·         La colpa collettiva di essere napoletani

·         La casta? Da quando c'è Silvio gli italiani non se ne preoccupano più

·         Prostituzione: lontano dai nostri occhi

·         Ma come, critichiamo Daniele De Rossi e non Berlusconi o la Chiesa?

·         Cospirazione: Evo Morales espelle l'Ambasciatore degli Stati Uniti

·         Fischiano Mariastella Gelmini, la polizia gli chiede i documenti

·         Una buona notizia da Bruxelles

·         Vauro, Gianni Alemanno e le aggressioni ai gay

·         Fastidioso criptorazzismo, o forse solo i paraocchi di un paese "ciuccio e presuntuoso"

·         Settimana record su Giornalismo partecipativo

·         Cade un pezzo della dottrina Monroe: Argentina e Brasile non useranno più il dollaro

·         Scuola: Nord contro sud. Le vere cause del divario nei test PISA


Giornalismo partecipativo