[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Pax Christi: "4 novembre, fine della inutile strage"



Comunicato di Pax Christi

Era il 1° agosto 1917 quando il papa di allora, Benedetto XV, definì la
guerra in corso una “inutile strage”. La ‘grande guerra’ finirà poi a
novembre dell’anno successivo. Sono passati 90 anni. E il 4 novembre si
‘festeggia’ l’anniversario della ‘vittoria’. È molto forte il rischio
della retorica, di definire ‘eroi’ quei poveracci mandati come carne da
macello a morire per un pezzo di terra che, ci dicono gli storici, si
poteva ottenere senza l’entrata in guerra dell’Italia.
Una guerra che, al di là della facile retorica, ha ucciso, solo tra gli
italiani, 650.000 persone, più i feriti, i mutilati ecc.
Chiediamo al ministro della Difesa on. La Russa di non spendere milioni di
euro (alla faccia della crisi e dei tagli..!!) per le celebrazioni del 4
novembre. Gli chiediamo di evitare la retorica e l’apologia della guerra,
non strumentalizzando chi è morto! Il modo migliore di onorare i morti
della guerra dovrebbe essere l’impegno a non prepararne altre, a non
spendere miliardi per nuovi armamenti… e invece si taglia sulle spese
della scuola, della sanità, della giustizia e si aumentano le spese per
nuove armi, come ad es. gli aerei da guerra F35 dal costo di 100 milioni
di euro l’uno, o la nuova portaerei Cavour dal costo di circa 1 miliardo e
mezzo di euro!
Vorremmo ricordare a tutti: al governo, ai politici, associazioni che
ricordano il 4 novembre, ai sacerdoti chiamati a benedire i monumenti, a
tutta la società civile, di non dimenticare che la guerra è ‘avventura
senza ritorno’.
In un documento del 1976, “La Santa Sede e il disarmo generale” si legge:
“La corsa agli armamenti anche quando è dettata da una preoccupazione di
legittima difesa.. costituisce in realtà un furto, perché i capitali
astronomici destinati alla fabbricazione e alle scorte delle armi
costituiscono una vera distorsione dei fondi da parte dei gerenti delle
grandi nazioni o dei blocchi meglio favoriti. La contraddizione manifesta
tra lo spreco della sovrapproduzione delle attrezzature militari e la
somma dei bisogni vitali non soddisfatti (paesi in via di sviluppo;
emarginati e poveri delle società abbienti) costituisce già un’aggressione
verso quelli che ne sono vittime. Aggressione che si fa crimine: gli
armamenti, anche se non messi in opera, con il loro alto costo uccidono i
poveri, facendoli morire di fame”.
Di fronte alle tante guerre e tragedie di questi giorni, pensiamo anche
alla tragedia che sta succedendo in Congo nel disinteresse mondiale...
Crediamo il 4 novembre ci obblighi tutti a non tacere, a non benedire la
guerra, a non giocare sulla pelle della gente. A non preparare, come
invece sta succedendo, altre nuove guerre. Anzi, nuove ‘stragi’.

Sul sito di Mosaico di pace
http://www.peacelink.it/mosaico/a/27657.html è possibile scaricare il pdf
di un volantino da stampare e diffondere.