[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Eurispes ci dà ragione: la diossina a Taranto è un'emergenza nazionale



COMUNICATO STAMPA

Anche l'Eurispes, un centro di ricerca economico e sociale di grande
esperienza, ha definito l'inquinamento di Taranto come "un'emergenza
nazionale".
Il rapporto Eurispes concentra la sua attenzione sull'incremento della
diossina, utilizzando gli stessi dati da noi diffusi a livello
nazionale, il che conferma la loro attendibilità e gravità.

Taranto viene descritta come città ad alto rischio ambientale per la
forte concentrazione di insediamenti produttivi e per la loro vicinanza
al centro abitato.
Il rapporto ha avuto in queste ore ampia diffusione tramite le agenzie
stampa ed è stato immediatamente commentato anche in ambito sindacale.

Siamo di fronte ad un salto di qualità. Prima i media nazionali e ora i
centri di ricerca sottolineano che siamo una "città anomala" che
concentra su di sé la schiacciante maggioranza delle emissioni
industriali nazionali di diossina e di altri inquinanti tossici. 

L'Eurispes è un ente che ha una vasta influenza sulla comunità
scientifica nazionale e tale rapporto non potrà rimanere senza
conseguenze.

Dobbiamo partire da questo nuovo campanello d'allarme per agire presto e
bene. L'Ilva dovrà depositare entro la fine di febbraio il suo piano per
il "campionamento in continuo" della diossina previsto dalla legge
regionale. Dovrà cioè mettere a punto il sistema di controllo 24 ore su
24 richiesto dalla Regione Puglia per questa sostanza altamente
cancerogena che fuoriesce ogni giorno dal suo camino E312. Opinione
pubblica, associazioni, organi di informazione, ARPA e istituzioni
dovranno controllare se Riva darà attuazione a questo preciso obbligo di
legge. Il controllo dela diossina deve diventare continuativo e deve
essere reso noto alla cittadinanza.

Non è più tempo per chiedere altro tempo. Dopo il campanello
dell'Eurispes ci potrebbe essere quello della magistratura.



Biagio De Marzo
referente PeaceLink Taranto

Alessandro Marescotti
presidente PeaceLink

Luigi Boccuni 
portavoce Altamarea