[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Dieci anni di Hugo Chávez in Venezuela, tempo di bilanci



Dieci anni di Hugo Ch�z in Venezuela, tempo di bilanci

Ha dimezzato la povert� la disoccupazione in uno dei paesi pi�chi e ingiusti del mondo. Una straordinaria sollevazione popolare lo ha fatto sopravvivere ad un colpo di Stato organizzato da George Bush, da Jos�ar�Aznar e dal Fondo Monetario Internazionale. Ha costruito un sistema mediatico equilibrato laddove aveva voce solo il "pensiero unico", �tato il primo capo di stato a dire che il neoliberismo era un crimine e aveva fallito ed �tato uno dei padri dell'integrazione latinoamericana. Adesso, finita la bonanza degli alti prezzi del petrolio riuscir� mantenere la promessa di un Socialismo del XXI secolo?

di Gennaro Carotenuto

C'�n dato che non pu�sere eluso quando si parla di bilanci per i dieci anni di governo di Hugo Ch�z. Secondo il CEPAL, l'istituto di studi economici delle Nazioni Unite, l'azione del suo governo ha portato al crollo degli indici di povert�al 50 al 30% e quelli di indigenza dal 21.7 al 9.9%. Che piaccia o no a chi parla di regime, di caudillo e trama da anni per rovesciarlo con ogni mezzo antidemocratico, oggi milioni di venezuelani ridotti alla disperazione dal sistema neoliberale della IV Repubblica, hanno ritrovato speranza e dignit�/p>

E' stato costruito da zero o quasi un sistema di salute pubblica che oggi conta (i dati citati sono sempre della Nazioni Unite, CEPAL o UNESCO) 4.500 tra ambulatori, pronti soccorsi e centri ospedalieri che hanno permesso dal 2003 ad oggi la pi�nde riduzione al mondo della mortalit�nfantile. Dal 2005 l'UNESCO ha dichiarato il Venezuela libero dall'analfabetismo, il 96% dei venezuelani ha oramai accesso all'acqua potabile. La disoccupazione, esattamente dimezzata, �ggi al 7%. Ma se nel resto del continente questi anni di grande crescita economica si sono caratterizzati per crescita del lavoro informale, in Venezuela i posti di lavoro creati sono soprattutto formali, legali, nei servizi, nei trasporti, nel settore commerciale e bancario.

A questi dati che danno la misura dello sforzo di un ricchissimo paese del terzo mondo se ne aggiungono altri che possono fare invidia anche a paesi del primo mondo. La ricerca scientifica, che quando governavano i partiti che El Pa�di Madrid considera democratici era quasi a zero, oggi �n percentuale quasi il triplo di quella italiana. Il debito pubblico �assato dal 73 al 15% del PIL e le riserve internazionali sono triplicate. Al momento del colpo di Stato dell'11 aprile 2002, il 100% dell'informazione apparteneva a media commerciali dell'opposizione. Ancora oggi l'opposizione ha la maggioranza dei media ma forme di pluralismo sono garantite perfino al governo popolare sopravvissuto a quello che �tato definito il primo colpo di Stato mediatico della storia. La corruzione infine non �erto scomparsa in Venezuela con il governo bolivariano, ma �astato che una parte dell'enorme fiume di denaro in tangenti che prendeva la via delle Bahamas fosse destinato al popolo che il paese rinascesse.

Dati cos�ositivi che nessun analista in buona fede pu�norare sono stati possibili per il coniugarsi di due fattori fondamentali. Da una parte c'�tato un netto spostamento di egemonia politica dalle classi alte a quelle popolari. L'esplosione della partecipazione politica di queste ha prodotto il movimento bolivariano, non viceversa. Questo, una volta arrivato al governo con Hugo Ch�z, ha potuto beneficiare di una lunga stagione di bonanza petrolifera con i prezzi del greggio, la principale risorsa del paese da sempre, ai livelli pi�i dagli anni '70. In questo contesto lo spostamento di egemonia verso le classi popolari ha permesso la costruzione di uno stato sociale importante e di politiche integrazioniste nella regione.

Se a dieci anni dall'inizio del governo bolivariano i risultati positivi non possono essere messi in discussione vanno valutati anche aspetti negativi del processo e le lentezze nel cambiamento. Al primo posto vi �enz'altro il sostanziale non intaccamento della schiavit�monocultura. Il paese continua ad essere troppo dipendente dal petrolio. Se �vidente che qualunque altra attivit�conomica �eno redditizia di quella petrolifera �ltrettanto evidente che la diversificazione dell'economia �na battaglia che �ontanissima dall'essere vinta. Ci� s�he il Venezuela continui ad essere un importatore netto della maggior parte dei beni di consumo, alimenti compresi. Inoltre, nonostante la crescita del narcotraffico non sia paragonabile con quella di paesi come la Colombia o soprattutto il Messico, la diminuzione della povert� la creazione di posti di lavoro non hanno visto diminuire la violenza e la criminalit�Il Venezuela continua ad essere un paese violentissimo e la polizia e il potere giudiziario continuano ad essere parte del problema e non della soluzione. Inoltre il chavismo in dieci anni ha solo parzialmente risolto il problema del partito, il PSUV, Partito Socialista Unitario del Venezuela, il luogo della burocrazia dove spesso si alligna il carrierismo e la corruzione. Questo dal 2007 ha relativamente dato risposta al problema della frammentazione ma i movimenti sociali, la spina dorsale del chavismo, in questi anni non si sono mai fidati veramente del livello politico per far riferimento al presidente, il che �na risposta al problema ma non un bene.

Luci, molte luci, alcune delle quali strutturali, e qualche ombra, alcune delle quali restano come debito storico forse per altre stagioni politiche. La domanda per il prossimo decennio: �apr�a rivoluzione bolivariana sopravvivere e consolidarsi all'attuale stagione di basso prezzo del petrolio? Sapr�ar uscire il paese dal sottosviluppo o dello stato sociale rester�l clientelismo e l'assistenzialismo? Sapr�ontinuare a dare impulso al Socialismo del XXI secolo e all'integrazione regionale? Di sicuro la grande onda degli anni 2002-2007, della grande avanzata �lle spalle. Il 15 febbraio un referendum stabilir�e il presidente Ch�z potr�andidarsi alle prossime elezioni. Quel giorno si misurer�uanto i venezuelani, molti dei quali devono al governo il transitare dalla povert�erso la classe media, ci credono ancora.