[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fwd: [gc] "5 per mille" ai terremotati, solidarietà in disprezzo dell'Italia solidale



Leggi sul sito: La polizia mente sempre, ma…

“5 per mille” ai terremotati, solidarietà in disprezzo dell’Italia solidale

http://www.antitalia.org/pubb/img/logo.jpgLa possibilità di donare il “5 per mille” dell’Irpef destinandolo ai terremotati dell’Abruzzo incontrerà il favore immediato di centinaia di migliaia di italiani ma è una fotografia reale del disprezzo del governo per la società civile del nostro paese.

di Gennaro Carotenuto

Il cinque per mille è infatti una delle poche maniere partecipative che hanno i cittadini della Repubblica per decidere come viene destinata una parte minima ma significativa (un duecentesimo) delle loro tasse. E’ così che si finanziano associazioni, enti di ricerca, ong, organismi di solidarietà, no profit, terzo settore. E’ così che si finanzia l’AVIS, alla quale migliaia di persone devono la vita attraverso il sangue, oppure l’ANT, l’associazione che si occupa gratuitamente a domicilio dei malati oncologici terminali, supplendo alle carenze della sanità pubblica e alla quale chi scrive fin dall’inizio destina e chiede di destinare il proprio “5 per mille”.

Sull’onda dell’emozione per il terremoto e del facile battage pubblicitario, c’è da giurare che decine di migliaia di italiani svieranno la loro scelta verso il terremoto, partecipando attivamente al sistematico gioco delle tre carte di come il duo Berlusconi-Tremonti sta gestendo i soldi pubblici (vedi crisi economica), spostandoli da qui a là, da lì a sotto, da sinistra a destra riconteggiandoli infinite volte e facendo ammuina come i soldati di Re Franceschiello nella battaglia del Garigliano. Anche stavolta è una partita di giro a costo zero per il governo e i suoi clienti: meno soldi partecipativi alla solidarietà in senso esteso per girarli alla solidarietà ai terremotati (o ai palazzinari?).

Dunque chi sicuramente pagherà per il terremoto in Abruzzo sarà l’Italia solidale. Così l’ANT (o migliaia di istituzioni altrettanto degne) dovrà dare assistenza a meno malati oncologici terminali abbandonando a se stessi gli altri. A voler essere perfidi vi era una soluzione più lineare. Come mai Giulio Tremonti non ha pensato a destinare ai terremotati il negletto “8 per mille” che qualche italiano destina allo Stato? Forse perché così per la prima volta l’8 per mille allo Stato sarebbe entrato in concorrenza con l’8 per mille alla chiesa cattolica destinato in larga parte al sostentamento del clero. Forse perché la protesta della chiesa cattolica avrebbe danneggiato il clima da gigante buono del Mulino Bianco che rimette a posto le casine dell’Aquila con il quale i media rappresentano il “caro leader”, mentre quella di centinaia di piccole associazioni strozzate non farà chiasso.

Silvio Berlusconi lo ha giurato sulle bare dei morti in Abruzzo: “lo stato c’è e non vi abbandonerà”. Per intanto ci sono le tasche degli italiani (la campagna degli SMS alla protezione civile è pervasiva, un Euro e siamo solidali low-cost) e l’occasione col “5 per mille” di dare una mazzata forse mortale a quell’associazionismo solidale che su quei soldi contava.

Sul sito anche:

Evo Morales in sciopero della fame

Adriano, il Celestino V del pallone

Scrive Anna: L’Aquila non c’è più di Doriana Goracci

Il giorno dello Sciacallo

Dicembre 1980: il terremoto nel meridione di Mattia Nesti

Terremoto democratico di Raffaele della Rosa

Questo pastone li (o ci?) seppellirà

Segregazioni neocoloniali nell’Italia del pacchetto sicurezza di Vincenza Perilli

L’ex presidente peruviano Alberto Fujimori condannato a 25 anni di carcere

Razzismo, sessismo, una malattia difficile da debellare di Cometa

Pubblicità, l’editoria con l’acqua alla gola di Franco Verderi

L’ultima estate dell’Antartide?

Strage di Tlatelolco: fu genocidio ma senza colpevoli. Luis Echeverría libero di Annalisa Melandri

Incontro con Tariq Ramadan di Mario Badino

Ambiente, il governo vuole legare le mani agli ambientalisti di Peppe Dantini

Annozero (con molti zero 000,000,000,000,000) di Salvatore Fiore

E infine una perla del marketing religioso: Mai più senza: il rosario elettronico!

Giornalismo partecipativo


Allegato Rimosso