[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[gc] Hillary Clinton e la "temeraria" scelta della non violenza in Honduras



Hillary Clinton e la “temeraria” scelta della non violenza in Honduras

Canale Honduras, a questo link tutti gli aggiornamenti sulla Resistenza al golpe in Centroamerica!

Adesso sappiamo che Hillary Clinton avrebbe dato del “temerario” anche al Mahatma Gandhi, al tempo della marcia del sale. La stessa cosa avrebbe fatto con Rosa Parks e con Martin Luther King. Adesso sappiamo che anche Salvador Allende, non piegandosi al colpo di Stato di Augusto Pinochet e non tradendo il suo mandato “non aiutò a trovare una soluzione”.

di Gennaro Carotenuto

Eppure è stato questo, “il ritorno di Mel Zelaya in Honduras è temerario e non aiuta a ristabilire l’ordine costituzionale in Honduras”, il raggelante commento del segretario di stato statunitense al tentativo del presidente legittimo dell’Honduras, riconosciuto come tale da tutti i governi del mondo e da tutte le organizzazioni internazionali, che ieri è entrato pacificamente per pochi minuti in territorio honduregno.

Zelaya, che si sta dimostrando un uomo degno, lo ha fatto per lanciare un messaggio al paese e al mondo intero: “nessuno può accettare un golpe nel secolo XXI, noi siamo venuti per dare un esempio di pace”.

Il segretario di Stato statunitense, lo ha commentato il suo omologo honduregno, un’altra donna, la coraggiosa Patricia Rodas (nella foto), “deve fare una seria riflessione tra violenza e non violenza, tra un uomo pacifico che, nel proprio pieno diritto entra da presidente nel suo paese disarmato, e chi affronta tutto un popolo puntando fucili contro i manifestanti inermi”.

Mel Zelaya ha passato la frontiera, ha lanciato il suo messaggio di pace e in difesa delle istituzioni democratiche ed è quindi stato respinto di nuovo oltre frontiera dalla forza bruta dei golpisti di Roberto Micheletti. E’ stato accolto da migliaia e migliaia di persone, represse duramente e più volte dall’esercito golpista, tra lacrimogeni, imponenti posti di blocco e più volte colpi di arma da fuoco, vari feriti e molti arrestati, con uno stadio d’assedio che oggi, sabato, nella zona di frontiera si prolungherà per tutto il giorno ma non impedirà ad altre migliaia di persone che continuano a sfidare la repressione di arrivare da Tegucigalpa percorrendo per vie di fortuna i 110 km che separano la capitale dalla frontiera con il Nicaragua.

Hillary Clinton considerando tutto ciò temerario e inutile ha rivelato non una trama o una connivenza tra il proprio governo, che pure considera Zelaya presidente legittimo, e i golpisti, ma qualcosa di molto peggiore. Ha rivelato una visione di mondo nella quale i popoli possono difendere le istituzioni solo quando e nelle forme scelte dal “grande fratello” statunitense. E’ una visione nella quale la democrazia non è una conquista ma un dono concesso dall’alto.

Si mettano tranquilli gli honduregni, vuol dire il segretario di stato nordamericano, si metta tranquillo Mel Zelaya, che in questo schema è atteso da un destino come quello toccato a Jean Bertrand Aristide che passò anni elemosinando udienze al tempo di Clinton marito, siamo noi del Nord che sappiamo quel che è bene per loro.

Se invece i popoli vogliono prendere il proprio destino nelle mani e modificarlo in maniera pacifica e non violenta (nonostante il diritto internazionale darebbe ragione al popolo honduregno anche se resistesse in armi al dittatore di Bergamo alta) allora i popoli divengono “temerari”.

Al contrario Hillary Clinton (e mi piacerebbe che Marco Pannella ed Emma Bonino lo riconoscessero)! Temerario sarebbe fidarsi di voi come tutta la storia dell’America latina dimostra.

In Honduras siamo oramai di fronte a una straordinaria maturazione di un popolo che non è già più inginocchiato e disposto a piegare la testa di fronte alla violenza golpista e ad attendere supino una giustizia che non è di questo mondo. E’ un popolo, quello honduregno, che da un mese sta resistendo in maniera non violenta al colpo di stato. E’ un popolo che dimostra così, nelle ore più difficili e con i gorilla al potere, che il seme del lavoro sotterraneo di vent’anni da parte dei movimenti sociali in favore di una democrazia partecipativa sta oggi, nel momento più difficile, germogliando frutti meravigliosi in termini di coscienza civile e sta cambiando la storia.

Giornalismo partecipativo